Duegieditrice.it
http://forum.duegieditrice.it/

Montatori italiani ed europei...
http://forum.duegieditrice.it/viewtopic.php?f=10&t=49769
Pagina 8 di 101

Autore:  bimario [ mercoledì 21 settembre 2011, 0:24 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Montatori italiani ed europei...

:shock: ditemi che non sono veri ed è tutta una montatura giornalistica e io ci credo così non mi danno l'anima.... :cry:
però se qualcuno sa qualcosa parli e dica quel che sa compreso se vendono e dove :roll: altro che Amalgam. D'accordo che la scala è 1:8, ma vedete un po' che robe sono....di un certo Andre Kliebisch e Jacques Joliff
una miscellanea di foto senz'ordine, i modelli sono comunque Lotus, McLaren, C2:

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

:shock: :shock: :shock: :shock: :shock:

Autore:  Umberto [ mercoledì 21 settembre 2011, 8:57 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Montatori italiani ed europei...

La scala e le dimensioni aiutano molto.

Autore:  Umberto [ mercoledì 21 settembre 2011, 9:04 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Montatori italiani ed europei...

Il Ford DFV è ottenuto grazie ad un transkit CA Models.

Autore:  ramapao69 [ mercoledì 21 settembre 2011, 13:20 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Montatori italiani ed europei...

Comunque è roba da rimanere di stucco!!! ma c'è qualche immagine dei modelli finiti?......

Autore:  cico [ martedì 4 ottobre 2011, 14:09 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Montatori italiani ed europei...

non capirò mai perchè bisogna a tutti i costi rendere apribile ciò che apribile non è....

Autore:  thefeb [ martedì 4 ottobre 2011, 14:53 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Montatori italiani ed europei...

Faccimo finta che questo modellino lo guardi mia figlia, con ochhio distaccato e disinteressato, credo mi direbbe che si è fatto uno sforzo enorme per tagliare (male) e nulla si è fatto per le cose semplici come la verniciatura.
Ora, io non ho la vostra competenza, ma pezzi come questo a quel prezzo, giustificano ampiamente le quotazioni raggiunte da Magnette, che a me pare di un altro pianeta.
Fabrizio

Autore:  Fofò [ martedì 4 ottobre 2011, 15:04 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Montatori italiani ed europei...

thefeb ha scritto:
FacciAmo finta che questo modellino lo guardi mia figlia, con ochhio distaccato e disinteressato, credo mi direbbe che si è fatto uno sforzo enorme per tagliare (male) e nulla si è fatto per le cose semplici come la verniciatura.

Ed i fari anteriori

Autore:  thefeb [ martedì 4 ottobre 2011, 15:18 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Montatori italiani ed europei...

Sui fari anteriori abdico, non arrivo a tanta capacità critica, anzi, praticamente ne vedo bene uno solo e non sò come fossero al vero. In realtà non c'è nemmeno bisogno di fare tanto sforzo, basta osservare la portiera dx.
Certi lavoro vanno fatti da chi ha la competenza e la manualià, bisogna anche avere una buona dose di autostima per mettere in vendita un oggetto del genere, stenderei un velo pietoso sull'acquirente......altrochè SF.
Fabrizio

Autore:  cico [ martedì 4 ottobre 2011, 15:39 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Montatori italiani ed europei...

Cita:
paolotron ... ma lì c'era un kit ... quì no...

Esatto.
E' troppo "semplice" rilevare che la verniciatura è troppo pesante o che una volta chiuso il modellino tra le fessure ci può passare una mano (non solo in scala 1/43...) qui il problema sta negli spessori che non ci sono, guardate ad esempio la portiera aperta, che spessore avrebbe se la riportassimo in scala 1/1?
Per rendere un modellino apribile, che assomigli all'auto vera, non è sufficiente tagliare il kit, ci vuole un lavoro di rifacimento degli spessori.
Visto il prezzo credo si potesse fare molto di più...o molto meno il costo.

Autore:  francesco58 [ martedì 4 ottobre 2011, 18:21 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Montatori italiani ed europei...

Scusa Paolo, ma era proprio necessario????
Qui ha ragione Cico, è troppo semplice, è come sparare sulla CR, sarebbe opportuno stendere un pietoso velo!!

Francesco

P.S. Auguri a tutti i miei omonimi!

Autore:  Fofò [ martedì 4 ottobre 2011, 18:26 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Montatori italiani ed europei...

Io sono sempre per il telo peloso...

Autore:  pierotecchio63 [ mercoledì 5 ottobre 2011, 11:51 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Montatori italiani ed europei...

Per una volta faccio il bastian contrario.
Nel senso che il modello non mi piace proprio e non lo comprerei mai.
Ma vorrei anche dire che fare un modello più bello non è assolutamente banale, e credo che si possano contare sulle dita di una mano (vogliamo esagerare... facciamo due) montatori che siano in grado di fare di meglio.
Questo non cambia un altro aspetto fondamentale.
Montare modelli apribili in scala 1/43 non è assolutamente facile.
Secondo me lo standard degli apribili in 1/43 è più o meno questo. Quello che forse bisogna chiedersi è se vale la pena di destinare fondi ed energie per questo tipo di modellismo che per sua natura è intrisecamente non preciso.
Io chiaramente una risposta me la sono già data...
Un'ultima cosa. Lo standard di Barnett è più o meno questo. Io modelli fantastici montati da lui, anche guardando quelli osannati da Grand prix Models, non ne ho visti.

Autore:  Fofò [ mercoledì 5 ottobre 2011, 12:00 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Montatori italiani ed europei...

Immagine

Autore:  Fofò [ mercoledì 5 ottobre 2011, 12:04 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Montatori italiani ed europei...

Immagine

Autore:  francesco58 [ mercoledì 5 ottobre 2011, 14:50 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Montatori italiani ed europei...

Quando parlavo di velo pietoso, o, come preferisce Fofò, telo peloso, non era certo per omertà, semplicemente questo modello è talmente fatto male che davvero non si sa dove cominciare o dove finire!!
Ho visto molti modelli di Barnett, anche la famosa 750 monza con il serpentello, e proprio nel negozio di Milano, ed ho una D50 fatta dallo stesso, è vero non saranno dei capolavori in assoluto, ma tutto sommato erano, sono, dei pezzi niente male.
Consideriamo anche le epoche, come cambia il nostro approccio verso questi pezzi oramai datati, tutte considerazioni che hanno però poco da spartire con questa 410 S, questo è senza dubbio il peggior modello fatto da Barnett che mi sia mai capitato di vedere, e poco c'entra il paragone con gli inarrivabili giap, è oramai evidente e noto a tutti gli addetti ai lavori, che già in regime di qualità media, senza arrivare a Kami o Momose o allo stesso Shimoma,
la qualità dei montatori giapponesi è inarrivabile!
Il fatto che possano sbagliare una decal o il numero delle feritoie su un cofano non leva assolutamente nulla alla loro strabiliante abilità, ma di fronte allo spettacolo di questo Barnett come possiamo anche solo pensare di poter fare un paragone????
Per Fofò, penso sia sprecata la Miura di Autoart, basta ed avanza quella fatta da Politoys più di 40 anni fa????

Francesco

Pagina 8 di 101 Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicol (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice