Oggi è venerdì 7 agosto 2020, 11:11

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3461 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 222, 223, 224, 225, 226, 227, 228 ... 231  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Storia e storie di obsoleti: acquisti di un tempo e non
MessaggioInviato: lunedì 15 giugno 2020, 22:03 
Non connesso

Iscritto il: sabato 3 maggio 2014, 18:54
Messaggi: 1175
marconolasco ha scritto:
Riepilogando... rarissimi i forumisti anteguerra, se ce ne fosse qualcuno sarebbe inestimabile! Franco è uscito nel 1949 e quindi è un obsoleto doc e vale pure molto, soprattutto se fosse ancora MB...
Io sono del '48, quindi il più vecchio della compagnia? Forse è per questo che oso lamentare nel 3d la mancanza di obsoleti anteguerra.
Ne posto uno: A. C. Williams Racer, 1928/30.


Allegati:
2478.JPG
2478.JPG [ 50.04 KiB | Osservato 389 volte ]
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Storia e storie di obsoleti: acquisti di un tempo e non
MessaggioInviato: lunedì 15 giugno 2020, 22:09 
Non connesso

Iscritto il: sabato 3 maggio 2014, 18:54
Messaggi: 1175
baldotl ha scritto:
il Dinky non teme la concorrenza dei nuovi modelli, chi colleziona obsoleti non guarda la cura del dettaglio ma apprezza il modello per quello che è o rappresenta, le altre marche invece subiscono la spietata concorrenza dell'evoluzione tecnologica, e in quanto modelli da collezione vengono man mano declassificati all'uscita del nuovo modello più rifinito, più dettagliato, più corretto, ciò comporta un deprezzamento del suo valore, e dove il dinky nel tempo ha la sua forza, il Box trova la sua nemesi.

Standing ovation! Come pure, direi, questo favoloso Tootsietoy anteguerra.


Allegati:
2415.JPG
2415.JPG [ 63.6 KiB | Osservato 389 volte ]
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Storia e storie di obsoleti: acquisti di un tempo e non
MessaggioInviato: lunedì 15 giugno 2020, 22:26 
Non connesso

Iscritto il: sabato 3 maggio 2014, 18:54
Messaggi: 1175
francog1949 ha scritto:
più sono e meno valgono; diciamo un prezzo oscillannte tra i 3 e i 5 euro l'uno. Assurdo? provate a trovare qualcuno che compri di botto 5 mila modelli, quanto potrà dare ai fortunati eredi? 15 mila, 20 mila euro...
E' vero, verissimo. Purtroppo.
Ma questo vale per ogni maxicollezione di qualsiasi genere. E però in giro c'è gente (li conosco, oh se li conosco) pronta a comprare per poco all'ingrosso e rivendere poi per molto al dettaglio. E' il mercato, bellezza!


Allegati:
Aa (2598).jpg
Aa (2598).jpg [ 223.82 KiB | Osservato 387 volte ]
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Storia e storie di obsoleti: acquisti di un tempo e non
MessaggioInviato: lunedì 15 giugno 2020, 22:36 
Non connesso

Iscritto il: sabato 3 maggio 2014, 18:54
Messaggi: 1175
ddt ha scritto:
Obsoleto = classico. E un classico è per l'appunto qualcosa di senza tempo.
Parole da scolpire nel marmo. O nella latta di questa KBN del 1930/35.


Allegati:
G0203.JPG
G0203.JPG [ 157.24 KiB | Osservato 388 volte ]
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Storia e storie di obsoleti: acquisti di un tempo e non
MessaggioInviato: martedì 16 giugno 2020, 9:06 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 3 luglio 2013, 9:11
Messaggi: 5503
Località: Savona
joker ha scritto:
Dalla lettura del 3d vien fuori un quadro di simpaticissima gente che, per dirla con Patty Pravo, "ha avuto il talento di diventare vecchia e non adulta". Infantilisti militanti, quelli che io preferisco. Ma fra tutti emerge marconolasco, il solo - mi sembra - del tutto scevro da sovrastrutture culturali di età postpuberale, l'unico ad ammucchiare automobiline per pura passione, perdutamente innamorato dei suoi modellini di cui ricorda data e circostanze dell'acquisto e che mai alienerebbe per vil denaro, concentrato sull'oggetto corrente all'epoca e del tutto indifferente a preziose varianti di stampo e di colore. Titolare di una mostruosa cultura modellistica affatto teorica ma maturata sul campo. Collezionista sì, ma di emozioni, che quando incamera un obsoleto si chiede chi vi abbia giocato prima di lui.
Mi dispiace solo di non riuscire a coinvolgerlo sentimentalmente in altri giocattoli che non siano in scala 1:43.
PS: se questa vi sembra una dichiarazione d'amore, non posso farci nulla.


Sono commosso, ma prima di tutto una doverosa precisazione...ebbene sì, sono lesbica! :lol:
Per il resto è vero, colleziono per passione e raramente ho venduto qualcosa, anche se in casa c'è qualcuno, anzi, qualcuna, che continua e ripetere che si potrebbe iniziare un "lucroso commercio di macchinine"...orrore!
E' anche vero che tutto quello che non è 1/43 mi ha sempre preso solo di striscio, come curiosità, per me anche il rapporto dimensionale tra i modelli deve richiamare il reale. Sopporto con fatica le diversità di scala reale degli obsoleti in scala 1/43 convenzionale.
Forse dipende dal fatto che per me è sempre stata più importante la collezione del singolo modello.
Ho però alcuni giocattoli giapponesi di grandi dimensioni a soggetto automobilistico in latta dei primi anni '60, ancora con le scatole, ma quando me li regalavano li consideravo dei Dinky Supertoys mancati...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Storia e storie di obsoleti: acquisti di un tempo e non
MessaggioInviato: martedì 16 giugno 2020, 12:09 
Non connesso

Iscritto il: sabato 3 maggio 2014, 18:54
Messaggi: 1175
marconolasco ha scritto:
prima di tutto una doverosa precisazione...ebbene sì, sono lesbica!
Tranquillo, ormai vado solo sul neoplatonico.
Mi azzardo a scendere in certi dettagli giusto perché il 3d mi pare ormai riservato a pochi intimi. E' un vero peccato! Armchair e Ar156 li abbiamo recuperato sul mio 3D (ora che so chi è Andrea Fusari mi toccherà dargli del lei) ma che fine hanno fatto ddt, ennio, saltobravo, umberto, troned paul, andreavalpambiana e tutti gli altri?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Storia e storie di obsoleti: acquisti di un tempo e non
MessaggioInviato: martedì 16 giugno 2020, 12:35 
Non connesso

Iscritto il: martedì 28 febbraio 2006, 21:10
Messaggi: 539
ar156it ha scritto:
Le macchinine del Tide devo averle da qualche parte... .

@Jocker:
Le ho cercate, ma senza esito, per ora. Si trattava di tre riproduzioni, in plastica, scala circa 1/66, una Dina Panhard colore lilla, un furgoncino Citroen 2 cv colore argento, una Traction colore azzurro Francia.
In compenso ho riesumato la Ferrari 308 gtb Revell, verniciata nel rosso originale, nel laboratorio della Lechler.
Inoltre ho recuperato i piccoli rottami della Ferrari 156 di Von Trips, raccattati a Monza in quella maledetta domenica.-


Allegati:
2020 06 16 - revell ferrari 308 gtb - (6).JPG
2020 06 16 - revell ferrari 308 gtb - (6).JPG [ 214.46 KiB | Osservato 326 volte ]
2020 06 16 - revell ferrari 308 gtb - (4).JPG
2020 06 16 - revell ferrari 308 gtb - (4).JPG [ 211.15 KiB | Osservato 326 volte ]
Ferrari 156 - Von Trips - Monza 10 Settembre 1961 - (2).JPG
Ferrari 156 - Von Trips - Monza 10 Settembre 1961 - (2).JPG [ 274.32 KiB | Osservato 326 volte ]
Ferrari 156 - Von Trips - Monza 10 Settembre 1961 - (1).JPG
Ferrari 156 - Von Trips - Monza 10 Settembre 1961 - (1).JPG [ 243.57 KiB | Osservato 326 volte ]
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Storia e storie di obsoleti: acquisti di un tempo e non
MessaggioInviato: martedì 16 giugno 2020, 15:12 
Non connesso

Iscritto il: sabato 3 maggio 2014, 18:54
Messaggi: 1175
ar156it ha scritto:
un furgoncino Citroen 2 cv colore argento, una Traction colore azzurro Francia.
Evviva! Allora non siamo rimasti soli a combattere Marco ed io, ultimi giapponesi inguattati nella jungla: c'è anche il Dott. Ing. Prof. Lup. Mann. Andrea!
Egregio Lup. Mann. Fusari, la ringrazio per aver cercato di soddisfare un mio rigurgito di nostalgia per quei due tidemodell che ricordo benissimo. Epperò mi chiedo se avendo ella consimile familiarità con codesti reperti non mi sia anagraficamente collaterale...
Scherzi a parte, grazie Andrea, e nuovamente congratulazioni per la tua favolosa collezione.
Notevoli anche i frammenti di quella maledetta domenica del '61.
Adesso mi reimmergo nella lettura del 3D, che ieri a mezzanotte ho lasciato a pagina 118...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Storia e storie di obsoleti: acquisti di un tempo e non
MessaggioInviato: martedì 16 giugno 2020, 16:04 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 3 luglio 2013, 9:11
Messaggi: 5503
Località: Savona
joker ha scritto:
marconolasco ha scritto:
Mi azzardo a scendere in certi dettagli giusto perché il 3d mi pare ormai riservato a pochi intimi. E' un vero peccato! Armchair e Ar156 li abbiamo recuperato sul mio 3D (ora che so chi è Andrea Fusari mi toccherà dargli del lei) ma che fine hanno fatto ddt, ennio, saltobravo, umberto, troned paul, andreavalpambiana e tutti gli altri?


Sì, ci sono stati molti abbandoni in questi anni, David (DDT) si occupa del suo blog, ma di tanto in tanto interviene ancora, lo stesso fanno Umberto, Saltobravo e andreavalpambiana, Paolo Tron partecipa ancora, ma nella sezione Modelli Auto, ennio è sparito improvvisamente (e inspiegabilmente) più di un anno fa. Speriamo che il tuo ritorno favorisca altri rientri.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Storia e storie di obsoleti: acquisti di un tempo e non
MessaggioInviato: martedì 16 giugno 2020, 16:27 
Non connesso

Iscritto il: sabato 3 maggio 2014, 18:54
Messaggi: 1175
marconolasco ha scritto:
Sì, ci sono stati molti abbandoni in questi anni,

Il che. lo ribadisco, è un vero peccato, perché ho imparato di più da questo 3D che in 65 anni di accumulo di automobiline.
Ti acchiappo al volo, perché giusto a pag 118 postavi delle Safir. Queste due, secondo te, sono un Safir e un Politoys della stessa Type 14 del 1896?


Allegati:
1022.JPG
1022.JPG [ 152.17 KiB | Osservato 294 volte ]
1027.JPG
1027.JPG [ 170.37 KiB | Osservato 294 volte ]
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Storia e storie di obsoleti: acquisti di un tempo e non
MessaggioInviato: martedì 16 giugno 2020, 16:54 
Non connesso

Iscritto il: sabato 3 maggio 2014, 18:54
Messaggi: 1175
marconolasco ha scritto:
la bicilindrca De Dion Bouton course del 1902, che ottenne un 23° posto assoluto e 5° tra le vetturette alla tragica Parigi-Madrid del 1903, pilotata da Pellison.

E' una Type O? e perché "tragica" Parigi-Madrid?


Allegati:
2675v.jpg
2675v.jpg [ 86.06 KiB | Osservato 298 volte ]
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Storia e storie di obsoleti: acquisti di un tempo e non
MessaggioInviato: martedì 16 giugno 2020, 17:22 
Non connesso

Iscritto il: sabato 3 maggio 2014, 18:54
Messaggi: 1175
paolotron ha scritto:
Bene ragazzi. Possiamo dire di essere giunti ad almeno una conclusione; una conclusione non banale e assolutamente soddisfacente: NON SIAMO NORMALI ....

Standing ovation!
Per testimoniare quanto io sia d'accordo, riporto qui (ancora, per chi non lo avesse letto sul sito Museogiocando) gli ultimi paragrafi di un mio vecchio testo:

Noi, che siamo diventati vecchi e non adulti, ci emozioniamo per le automobili vere solo quando ci ricordano un corrispondente giocattolo della nostra infanzia, concretamente o virtualmente posseduto. Di fronte ad una Bentley Continental o una Mercedes 220 coupé saremmo capaci di pigiare su un parafango anteriore per vedere se le ruote sterzano!
Di un'Alfa 1900 o di una Morris Minor ci disturbano parabrezza, lunotto e finestrini, che però ci vanno bene su un'Appia terza serie o su un'Aston Martin DB4. Avessimo la ventura di incappare in una Buick Riviera, controlleremmo se al posto dei fari monta due Koh-i-noor, e in un dumper Euclid cercheremmo la manovella per sollevare il cassone.
Questo cortocircuito cerebrale è ben spiegato da Lillian Gottschalk nella prefazione al suo monumentale libro ''American Motor Toys''. ''Ho notato - riflette la past-president di Antique Toy Collectors of America - che i collezionisti di auto d'epoca espongono, nelle loro abitazioni, modellini di automobili, spesso gli stessi con i quali giocavano da piccoli. Quando erano bambini giocavano coi modelli e guardavano le auto vere, ora giocano con le auto vere e guardano i giocattoli”.
Sante parole, Signora. Pertanto, quando mi vede passare per strada con la mia Mercedes 230 SL del '66, non si meravigli se faccio vroom-vroom con la bocca...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Storia e storie di obsoleti: acquisti di un tempo e non
MessaggioInviato: martedì 16 giugno 2020, 17:25 
Non connesso

Iscritto il: sabato 3 maggio 2014, 18:54
Messaggi: 1175
marconolasco ha scritto:
Non ho mai considerato normale uno che tiene migliaia di modellini in casa e qualche volta, quando lo vedo al mattino nello specchio, glielo dico anche, ma lui mi risponde che sta bene così...

Meraviglioso!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Storia e storie di obsoleti: acquisti di un tempo e non
MessaggioInviato: martedì 16 giugno 2020, 17:45 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 3 luglio 2013, 9:11
Messaggi: 5503
Località: Savona
Sì, credo che la Safir e la Politoys riproducano la stessa Peugeot, non escluderei che la francese, uscita nel 1961, abbia "ispirato" l'italiana. uscita l'anno dopo.
De Dion Bouton dovrebbe essere una tipo S, così l'ho classificata nel file della mia collezione:

http://www.gittrevillegp.com/www.gittre ... outon.html

La Parigi-Madrid del 1903 fu tragica perché già nelle prime fasi ci furono molti incidenti con tre spettatori e cinque piloti, tra cui Marcel Renault, morti. Non arrivò mai a Madrid, fu sospesa a Bordeaux. La Renault AK n. 63 con cui si uccise Marcel Renault è stata sommariamente riprodotta dalla Brumm.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Storia e storie di obsoleti: acquisti di un tempo e non
MessaggioInviato: martedì 16 giugno 2020, 18:15 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 25 marzo 2010, 8:17
Messaggi: 2629
Località: Cinatown-Prato
mi dispiace levarti lo scettro….ne farei volentieri a meno ma io sono dell'ottobre 1940 fai un po' di conti….!! aiaiaiiiiiiiiia !
fino ora e andata ora qualche acciacco c'è……..


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3461 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 222, 223, 224, 225, 226, 227, 228 ... 231  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 13 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice