Oggi è venerdì 20 settembre 2019, 9:37

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 37 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Ferrari F40 Competizione 1/8, diario di costruzione
MessaggioInviato: sabato 18 maggio 2019, 10:18 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2019, 10:22
Messaggi: 301
Ho poi utilizzato il medesimo procedimento per costruire il carter della bancata destra, anche se la forma è diversa, il procedimento è stato il medesimo.

Una volta riprofilati e verificato a secco gli accoppiamenti , ho verniciato i nuovi carter posteriori in nero opaco.

I carter anteriori presentano un foro stampato chiuso, nella relatà questo foro è aperto in wuanto serve per ispezionare i galoppini tendicinghia e quindi verificare la tensione delle cinghie di distribuzione.

Ho aperto i fori, ma sarebbe stato troppo bello se ad apertura del foro fosse corrisposta la “faccia” del galoppino.

Per la bancata di sinistra ho leggermente limato il galoppino per cercare di centrarlo.

Il galoppino di destr invece tutta altra musica, per vederlo ho dovuto disassarlo.

Ho utilizzato il perno originale dove andava infilato come supporto.

Ho posizionato i miei carter posteriori, montato le pulegge e infine riposizionato i galoppini e montante le cinghie.

Ho poi voluto riverniciare in nero i coperchi distribuzione per puro gusto personale, per i miei occhi vi era già anche troppo grigio.

Infine ho montato e chiuso il tutto.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ferrari F40 Competizione 1/8, diario di costruzione
MessaggioInviato: martedì 21 maggio 2019, 11:16 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2019, 10:22
Messaggi: 301
Ho portato al "matrimonio" il monoblocco....prima di poterlo fare ho operato qualche sostituzione e qualche lieve aggiunta.

La campana frizione vera ha due asole aperte lateralmente in corrispondenza alla base delle teste.
Una asola è semitonda e una è rettangolare. Sulla bancata di sinistra l'asola permette il passaggio (ed eventuale sostituzione) del sensore giri, sulla bancata destra oltre ad un'altro sensore giri vi è anche il raccordo di lubrificazione che si collega tra monoblocco e coperchio punterie.

In maniera molto semplice ed elementare mi sono riprodotto i connettori e raccordi.

Per il montaggio della campana frizione (precedentemente stuccata con la campana...in quanto Centauria ha diviso i due pezzi in una sezione sbagliata rispetto alla realtà) ho sostituito le viti S con delle viti fondo di magazzino della Delta che sono molto più resistenti e anche perchè sono riuscito ad avvitarle meglio con il cacciavite obliquo.

Una volta fissato definitivamente la prima parte del cambio, ho poi posizionato i vari sensori autocosruiti e aggiunta anche la piastrina forata autocostruita per l'ispezione della frizione.

Ho poi forato la parte superiore della campana per inserire il raccordo della linea idraulica del'attuatore dello spingidisco e subito a fianco lo spurgo del circuito.

Ho poi rifatto il foro sulla parte superiore del differenziale e aggiunto il nuovo sfiato verniciato in titanium gold. A tale sfiato aggiungerò il tubicino di sfiato con un filo di ferro da 0,7.

Nell'ultima foto ho notato una sporgenza sulla prte destra del monoblocco.....spero sia un futuro fissaggio per il motorino di avviamento, inoltre sono quasi sicuro al 99,9% che sia stato omesso l'alternatore.
Da piano opera il 22/06 con l'uscita 24 si parla di un "generatore"....che sia il motorino di avviamento o alternatore?
Staremo a vedere....se no ci sarebbe da fare di sana pianta anche questi 2 elementi.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ferrari F40 Competizione 1/8, diario di costruzione
MessaggioInviato: martedì 21 maggio 2019, 14:25 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2019, 10:22
Messaggi: 301
Sono andato avanti ancora con l'assemblaggio del motore.

Ho iniziato dal coperchio del cambio. osservando da references ho notato i raccordi idraulici di andata e ritorno del circuito di lubrificazione del cambio (questi due raccordi si collegheranno tramitre treccia al radiatore dietro la ruota post sx) e ho visto anche la presenza di un bulbo che credo sia relativo a pressione o temperatura olio del cambio.

Ho forato il cambio per l'inserimento dei 2 benjo e per l'alloggiamento del futuro cablaggio del sensore.
Il sensore (o bulbo) ha come corpo un dado esagonale, io l'ho riprodotto prendendo un dado da m 1,4 e riverniciato col tamiya metallic brown; i benjo dell'olio cambio con la solita combo mettalic blue e red.

Una volta terminato il lavoro sul coperchio cambio sono passato alla zona dei supporti del cambio.
Ho applicato una striscia nera di nastro isolante che va a simulare il cuscinetto di gomma del silent block e (a seguito eliminazione della croce stampata) ho aggiunto 8 bulloncini sulle piastre di fissaggio che in futuro andranno ad ancorarsi sul telaio.
Ho poi dato una generale passata di leggero wheatering

Una volta terminato il cambio sono passato ai semiassi: ho preso come riferimento una foto dove di vede che il semiasse è carenato da una cover bianca centrale che protegge il giunto in fase di montaggio.....sta di fatto che mi piaceva e me la sono riprodotta.
I giunti (come poi molti altri pezzi) non sono un pezzo unico, ma sono già preassemblati (come anche i collettori di aspirazione con i rail iniettori).
Li ho quindi separati, limati, aggiunto la fettuccia bianca e richiusi.
Con il mio solito metodo delle striscette di alluminio ho poi riprodotto le fascette delle cuffie e non ultimo ho verniciato i bulloni e i dadi del giunto con del metallic grey.

E' stata poi la volta dei coperchi/alloggiamenti dei sensori di fase sulle cammes.
Guardando references, i coperchi esterni (il lato sx coperchio semplice, il lato dx invece presente il raccordo di lubrificazione) sembrano di un colore titanio, gli alloggiamenti dei sensori di fase invece sono di alluminio.

Dopo aver aggiunto uno spezzone di plasticard (per avere lo stesso diametro per il fituro tubo di lubrificazione) ho poi riverniciato il tutto.

Mentre il tutto asciugava ho fatto alcune foto di rito e alla sera ho poi termianto il lavoro aggiungendo i 4 coperchi/alloggiamenti sulle cammes.

Altra considerazione da fare: ho notato che sul gruppo si sta fraintendeno il passaggio e collegamento del tubo 21 sulla campana frizione.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ferrari F40 Competizione 1/8, diario di costruzione
MessaggioInviato: martedì 4 giugno 2019, 10:30 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2019, 10:22
Messaggi: 301
Ieri pomeriggio mi sono arrivati a casa i 2 pack 6 che vanno dal 17 al 20. In edicola al 21 e casa al 20....direi che sta andando tutto bene per il momento.

Le uscite sono comprese di componenti dell'aspirazione, del circuito di raffreddamento e dai "famigerati" scarichi....famigerati perchè?

Sul gruppo FB si è discusso, parlato, interpretato in maniera diversa su questo componente....chi li ha lasciati intonsi, chi li ha fatto un leggero wheatering chi li ha "caramellati" in arancio cercando di simulare un "overheating".....

Gli scarichi reali sono i classici 4 in 1....tubi che però non si vedono mai in quanto sono dotati di uno scudo/carter termico che li copre; i 4 tubi vanno dall'attacco alle teste sino ad arrivare quasi all'attacco del turbo.

Questo carter esteticamente non mi prendeva e i collettori mi sembravano ancora più finti.

Ieri sera ho deciso (senza stare troppo a pensarci su) di rimuovere la flangia termica e di separare i 4 condotti.
Avrei voluto lasciarli nudi e iniziare il mio solito lavoro di brunimento e wheatering, ma volevo dargli una protezione termica...nella realtà siamo parecchio vicini ai serbatoi della benzina.

Guardando varie foto (in special modo SpeedHunters) ho trovato una R8 preparata turbo con il bendaggio termico.

Premetto che lo scarico non è assolutamente finito.....anzi lungi dall'esserlo, ma volevo sperimentare e provare.

Ho preso il nastro da bendaggio e ne ho fatto delle striscioline da 3mm e ho iniziato a rivestire tutto il collettore, infine ho fissato il bendaggio con del fil di ferro da 0.5. Nella relatà si fissa sia col fil di ferro che con fascette metalliche.

La benda non la lascerò bianca ma andrò a verniciarla con un light gun metal e poi successivi wheatering in red e blue burn.

La parte finale invece dovrò attendere il tubo (da stuccare) dell'attacco del condotto alla wastegate.

Rispetto allo scarico flangiato mi piace molto di più, sono piu' "ignoranti" e corsaioli.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ferrari F40 Competizione 1/8, diario di costruzione
MessaggioInviato: mercoledì 5 giugno 2019, 7:20 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2019, 10:22
Messaggi: 301
Dopo aver lavorato sul primo collettore, ho lavorato sui condotti di raffreddamento delle teste e sulla pompa acqua.
Ho arrotondato i rail di raffreddamento nella parte finale.

Ho separato il secondo condotto dalla pompa acqua, limato gli attacchi e saldato con ciano e bicarbonato.

Ho segato in due il raccordo idraulico per permettermi di montare il manicotto idraulico (che in alcune è verde, altre nero, altre blu) ottenuto da della termorestringente e infine 2 fascette in alluminio.
Infine (compresa la pompa acqua) ho rivernociato tutto di nero opaco, ho aggiunto i bulloncini sulla pompa acqua e sulla flangia superiore del tubo di mandata della pompa acqua.

Il filtro olio è stato riverniciato in blu e la base filtro è stata riverniciata in alluminio.
Nella “banca decal” avevo ancora una dei filtri prodotti da Massimo per la delta....sul filtro ho usato quella.

Alla base filtro sono poi stati aggiunti i bulloncini di fissaggio al monoblocco e i raccordi per i futuri tubi di lubrificazione delle turbine (se non ricordo male)

Il sensore pressione olio ha ricevuto una mani di titanium gold (mi sono basato sul mio VDO in auto), è stato forato per i 2 futuri cablaggi e infine montato

Ho iniziato a osservare il gruppo collettori di aspirazione da giorni sul gruppo e dalle foto si vedeva che il pezzo era “multicomposito”: ovvero composto da più pezzi.

Ho separato i 4 cornetti di aspirazione, separato il rail iniettori e separato l’altro listello del rail iniettori dove vi sono stampati anche i prigionieri che nella realtà fissano i rail ai cornetti di aspirazione.
Il tutto (sia dx che sx) è finito a bagno nel dot4 assieme ai collettori di aspirazione. Svernicio tutto e rifaccio da capo cercando di eliminare tutte le bave, linee di giunzione e cercando di costruirmi i 16 attacchi per i cablaggi iniettori. A richiesta del buon Shen ho anche fatto un video della scomposizione (che però è un pò parental Advisory)

Infine sono andato avanti con entrambi gli scarichi (che non sono finiti e verrano ripresi più avanti).
Mano di titanium gold sulla benda, mano di flat alluminiun sulla parte finale.
Il tutto ha ricevuto una mano di smoke; con le polveri wheatering burn blu e red ho “scottato” le parti più soggette a calore e scurito ulteriormente gli attacchi del collettore alle teste.

Oggi se ho tempo inizio il reparto aspirazione.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ferrari F40 Competizione 1/8, diario di costruzione
MessaggioInviato: giovedì 6 giugno 2019, 8:50 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2019, 10:22
Messaggi: 301
Ieri pomeriggio sono andato avanti con il discorso del gruppo aspirazione e iniezione.

Grani & Partners offre in reltà già un buon livello di dettaglio, ma volevo metterci del mio (sempre con quello che permette la mia manualità).

Dopo aver precedentemente suddiviso tutto il gruppo dei collettori di aspirazione, ho iniziato a studiarmi le references.

Gli 8 condotti (4 per bancata) non sono singoli e divisibili.
I condotti sono una fusione di 2 a 2 e in mezzo vi è la nervatura (cerchio verde) che funge da passagio per l'asta delle farfalle.
In mezzo (rombo cerchio rosso) vi è il comando della farfalla azionato dal quel leveraggio dorata (a frma di punta di freccia) che è fissato sulla tubazione idraulica.

Altra aggiunta che andrà fatta e che sto ancora elaborando è (cerchio giallo) il regolatore di pressione benzina che si collega al rail iniettore.

Dopo aver studiato ho iniziato (con i mezzi a disposizione) a rendere solidali i 4 condotti.

Li ho forati trasversalmente è li ho infilzati (a mo di spiedino) con un tondino di plasticard da 2mm. Ho iniziato un pre fissaggio con tamiya cement e ho registrato distanza tra i condotti utilizzando il monoblocco e il collettore. Una volta che le misure tornavano: ciano e bicarbonato.

Ho poi lavorato sui rail iniettori composto originariamente da 3 pezzi: il rail, il semirail con i 4 prigionieri e il raccordo a "U" della benzina.

Ho lavorato il tutto per rendere il rail monolitico e per elimnare le linee di giunzione e infine (come sulla delta) mi sono ricreato l'attacco per il cablaggio iniettori ricavato da spezzoni di tubo di stirene tagliato a fetta di salame.

Dopo aver levigato il tutto ho iniziato a verniciare.

Condotti e rail hanno ricevuto una base di alluminio

Il collettore di aspirazione (incollato e stuccato nell'incrocio dei tubi) l'ho verniciato in bianco....come quella del restauro. Credo che il bianco sia dovuto al trattamento ceramico che il collettore ha subito. Inoltre bianco mi piace anche perchè credo spiccherà nel mezzo del cofano motore e sarà ben visibile anche a cofano chiuso.

Ai condotti di aspirazione ho aggiunto uno spezzone di plasticard per dare una primordiale idea di comando farfalle (cerchio rosso)
Avrei voluto posizionarlo in mezzo, ma il comando dorato credo sia più arretrato rispetto alla realtà. In quello spezzone di tubo infilerò un'astina di fil di ferro che andrà a dare l'idea di comando gas.
Avrei voluto fare un lavoro migliore, purtroppo non avendo ne tornio e non avendo òe capacità, ho cercato di dare una visione molto molto elementare del comando che comunque verrà poi completamente nascosta.

Ho poi iniziato la sequenza di colori e ho dipinto il primo rail rispettando il colore di base e aggiungendo il solo rosso del connetore elettrico che aziona gli iniettori.

Mancano ancora dei dettagli a livello di colore e poi saranno pronti.

Prima di andare a letto ho riaffiorato il logo Ferrari sul collettore di aspirazione: con carta 2000 ad acqua e con pressione di una piuma ho iniziato a levigare il logo in altorilievo e alla fine è venuta fuori e la scritta nera con condotti neri mi pare una buona combo.

Foto di preassemblaggio di rito e poi nanna....e oggi pomeriggio si continua con gli altri rail e con il lavoro di dettaglio cromatico sui condotti.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Ferrari F40 Competizione 1/8, diario di costruzione
MessaggioInviato: venerdì 7 giugno 2019, 8:09 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2019, 10:22
Messaggi: 301
Con ieri ho terminato parzialmente il reparto alimentazione e aspirazione.

I condotti hanno ricevuto il dettaglio dei due semicollari in titatium gold e la fascetta in alluminio. La parte superiore (che sarebbe la parte iniziale del collettore) è stata verniciata in bianco.
Avrei voluta renderla unica con il collettore ma sarebbe stato veramente complicato se non impossibile...stavolta mi sono dovuto piegare al volere delle istruzioni. Mi consola il fatto che per fortuna non si vedrà nulla, e se nel caso volessi togliere i collettori, si puó ispezionare la parte alta del motore.

Ho poi finito di ricolorare i rail con lo stesso schema del restauro LM.
Unica aggiunta (a parte in connettori rossi degli iniettori) i bulloncini dorati dei prigionieri che fissano il rail ai condotti di aspirazione.

Ho poi creato con del filo di stagno i 2 leveraggi (molto elementari) dei comandi farfalle gas.

Appoggiato il tutto ma non fissato (le istruzione ancora non fanno fissare l’aspirazione); il condotto idraulico che fa da supporto al comando gas ha 4 raccordi. Guardando gli esplosi: 2 servono di raffreddamento per le turbine, 1 se non ricordo male va al vaso di espansione....il 4 non l’ho ancora individuato.
Quindi credo che lascino tutto da montare in previsione di qualche altro tubo/cablaggio.

Per questo mese direi che ho finito, al prossimo pacco dove credo si comincerà
A metter mano agli intercooler e cassoncini filtri aria.

Torno a lavorar sulle delta.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 37 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice