Oggi è domenica 18 agosto 2019, 6:39

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 252 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15 ... 17  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Delta Integrale WRC 1991 + Delta "Test" WRC 1991
MessaggioInviato: mercoledì 13 marzo 2019, 12:35 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2019, 10:22
Messaggi: 271
Lunedi pomeriggio:
mezz'ora di dettaglio colori per il castello e leva freno a mano (raccordi, cilindro maestro e leva freno)

2 ore e passa per sbavatura ma sopratutta mascheratura per la verniciatura del bianco sulle costole dei rivestimenti.
non potendo usare una masking tape più largo in quanto mi si sollevava sul bordino a 90 gradi, ho dovuto usare quello da 3 mm....un supplizio (quasi come le palle di Shen e del suo Merkawa)

Sempre lunedi sera ho dato poi 4 mani a intervallo di 15 minuti di primer biano tamiya e infine 2 mani di bianco lucido TS26.
Ho accostato il bianco e ci siamo quasi

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Delta Integrale WRC 1991 + Delta "Test" WRC 1991
MessaggioInviato: mercoledì 13 marzo 2019, 12:35 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2019, 10:22
Messaggi: 271
Continuo con i rivestimenti portiera.

Dopo aver verniciato la costola (che in realtà sarebbe lo scatolato della portiera) ho aspettato un giorno di asciugatura e ho mascherato la parte bianca per poter riverniciare la parte nera della cartella portiera.

Hachette di base la propone come una plastica quasi liscia con un minimo accenno di grinzatura......ora che ci ho preso gusto con l'effetto grinzato/groffato, ho operato sugli otto rivestimenti.

2 mani a 50 cm di nero opaco e una di trasparente opaco e ora il rivestimento sa di bello plasticone da berlinetta media italiana anni 80-90.

Per i pannelli che simulano il rivestimento sono di plastica liscia verniciata con la tampografia del tessuto: 2 mani di trasparente opaco sempre sparato da lontano per ricreare un effetto tessuto.

Sempre 2 mani di nero e una di trasparente anche per le mensoline-maniglie delle portiere.

Una volta che il tutto si è asciugato, ho ritoccato a mano il bordo bianco tra il rivestimento nero e la parte bianca.

Osservando dalle foto di references, ho riprodotto i catadiottri in portiera.
Ho ritagliato 8 quadrattini di alluminio che sono stati pellicolati con del retino rosso traparente.
2 mani di titanium gold sulle serature e ci siamo quasi...mancano un paio di bulloncini fotoincisi dalle serrature e anche i rivestimenti portiera sono pronti.

Una volta sulle portiere, andrò poi a fare le guarnizioni giro porta.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Delta Integrale WRC 1991 + Delta "Test" WRC 1991
MessaggioInviato: giovedì 14 marzo 2019, 10:45 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2019, 10:22
Messaggi: 271
Ieri pomeriggio stavo allegramente montando i vetri sulle porte quando sono stato assalito da una atroce dubbio......il dubbio di quell’errore sulla livrea delle portiere che tanto se ne è parlato. Ovvero la porzione della portiera sul bordo del vetro è bianca.....altro errore, in realtà è blu scuro martini.
A riverniciare la livrea (che credo sia nella classifica di quelle più complicate) manco a pensarci.
Esiste un Ral (il 5004) che dovrebbe essere il suo o il zero paint apposta per questa livrea....ma va a capire se poi combinava.

Ho fatto 8 prove sui cucchiaini con fondo nero, grigio e poi blu ts15 e infine varie prove con una o due mani di di ts71. Se dovessi dire una percentuale di corrispondenza mi do un 90%

Base nera opaca, 2 mani di ts 15 e una di ts71

Alla fine ho verniciato la parte bianca errata e sono abbastanza soddisfatto della resa (me la sono quasi fatta addosso quando toglievo il masking tape)
Il fatto che la porzione sia in spigolo e con un piano differente rispetto alla originale aiuta a mascherare meglio la differenza che per fortuna è quasi impercettibile. Per vederla bisogna sparargli il neon sopra, se no alla luce naturale non si vede più nulla.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Delta Integrale WRC 1991 + Delta "Test" WRC 1991
MessaggioInviato: giovedì 14 marzo 2019, 10:53 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2019, 10:22
Messaggi: 271
Dopo il mal dipancia con il colore, il resto è stato quasi una passeggiata: Ho finito la prima portiera....

Il finestrino di serie ha solo il lato esterno verniciato di nero opaco, aprendo la portiera si vede (specie di taglio) la traslucenza del policarbornato.
Sulla parte di taglio ho steso il black rubber, in quanto sulla delta vi è il giro della guarnizione, la parte interna della cornice è stata verniciata in nero opaco.

Sempre col tamiya black rubber ho fatto la guarnizione in portiera.
Ho infine aggiunto il listello d’alluminio completamente omesso.

La maniglia esterna riporta il “bollino” del cilindretto....errore, dietro la maniglia non ha alcuna serratura per la chiave. Rimossa al volo.

Dopo aver assemblato il tutto ho passato una leggera mano di wheatering: il pannello di tessuto ora mi sa più di veriterio e meno finto.

Infine ho sporcato la parte esterna alla guarnizione: la zona del battitacco e della parte esterna lato interno della portiera sono le zone maggiormente soggette a raccogliere sporco, e come intensità mi sono rifatto a varie foto del Monte.

Foto di rito vs hachette....e ora ne mancan “solo” 7 :-ronf

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Delta Integrale WRC 1991 + Delta "Test" WRC 1991
MessaggioInviato: sabato 23 marzo 2019, 8:37 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2019, 10:22
Messaggi: 271
Questa settimana ho avuto poco tempo per andare avanti ma mi sono tolto un passaggio del quale mi ero complicato la vita da solo.

Avendo riverniciato tutto il pianale interno (duomi compresi) ovviamente il colore alluminio dei pezzi rimanenti era impossibile da far combaciare.

Quello che è rimasto fuori dal "trattamento" sono il pianale copribaule, i coprimontanti posteriori e le traverse di irrigidimento del telaio (e ovviamento tutto l'interno della carrozzeria)

Il pianale del baule inoltre andava riverniciato dopo aver subito la modifica per renderlo asportabile.
Dopo averlo appoggiato era abbastanza evidente la differenza di tonalità.

Non avendo pensato con Massimo ad una decal extra per questo lavoro, con le mani della festa, ho mascherato il logo lancia con bastro e lama nuova di zecca.

Verniciato il tutto..... tutto sommato mi pare un lavoro abbastanza decente. Avendo verniciato con bonze da bricoman lo scalino fortunatamente non è nemmeno cosi evidente. Comunque una ripassata al bordino vedrò di darla.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Delta Integrale WRC 1991 + Delta "Test" WRC 1991
MessaggioInviato: martedì 26 marzo 2019, 8:34 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2019, 10:22
Messaggi: 271
Prima di concentrami sulla zona degli interni ho terminato il primo dei 2 bauli a cui mancava ancora qualcosa.

Grazie alle dritte e ai consigli di un utente, ho aggiunto il tubo dell'estinzione dedicato per il baule. Ho utilizzato un filo elettrico rosso e con un spezzone di tubo di plasticard mi sono ricreato l'ugello.

Mi sono poi concentrato sulla "testa" degli ammortizzatori; la mia idea iniziale era quella di renderli asportabili.
Nel caso in futuro volessi variare l'altezza della delta, sarà possibile estarli e raggiungere la vite che fissa l'ammoritizzatore per sostituire il distanziale che varia l'altezza da terra.
Ho misurato il diametro del duomo: 12 mm.

Con un pezzo di tubo plasticard, una rondella M6 da 11,7 mm e il piattello superiore dell'ammortizzatore (che a parte la torretta era stampato assieme al duomo posteriore) mi sono autocostruito tutto il gruppo.
Saldato il tutto con ciano e bicarbonato, limato e carteggiato e verniciato in Silver Leaf. Una volta asciutto ho poi evidenziato i sei bulloncini della torretta con il metallic red e la vite di precarico con del metallic gray.

Altro elemento di studio è il fondocorsa del tirante dell'ammortizzatore. Hachette replica tale pezzo (quello cerchiato in gaillo) in maniera alquanto primordiale.
Studiando le varie foto ho dedotto che tale tirante è utilizzato solo nelle gare da sterrato o le prove con parecchi salti, è il tirante che serve a non far estendere eccessivamente l'ammortizzatore in fase di ruota scarica. La versione asfalto non ha questo tirante e al posto suo vi è un bullone credo di semplice chiusura (anch'esso cerchiato in giallo).
Eliminanto il "totem" di hachette, ho utilizzato rondella e brugola da m 2,5 per simulare quel bulloncino.

Ho limato via i bulloni stampati che fissano l'ammo al duomo e ho aggiunto i bulloncini m 1,4 per dare un senso un pò più reale.

Ho poi preso a mano il tappo del serbatoio dell'acqua che ,sia dulla delta vera che su quella hachette, è di plastica nera....per la prima volta ho pensato :" almeno un pezzo non lo devo ritoccare".....no....ho dovuto alesarlo per farlo scorrere con più tolleranza per poterlo togliere e mettere e di conseguenza potere togliere e metter il pianale.
Ho poi aggiunto la decal extra di Massimo con la dicitura gialla "Acqua".

Il pianale, inferiormente non l'ho mai visto...mi sono preso la libertà di rivestirlo con dell'alluminio per simulare il pannello ignifugo.

Montato il tutto, colpo di wheatering/lavaggi e il primo baule ora è realmente completo

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Delta Integrale WRC 1991 + Delta "Test" WRC 1991
MessaggioInviato: mercoledì 27 marzo 2019, 10:54 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 14:57
Messaggi: 7984
Località: Milano
Ripetitivo, scontato ma necessario:

https://www.youtube.com/watch?v=x9FMW1jAuPY


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Delta Integrale WRC 1991 + Delta "Test" WRC 1991
MessaggioInviato: giovedì 28 marzo 2019, 7:48 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2019, 10:22
Messaggi: 271
casper ha scritto:
Ripetitivo, scontato ma necessario:

https://www.youtube.com/watch?v=x9FMW1jAuPY



:mrgreen: :mrgreen: .........ahahahahaha grazie Casper!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Delta Integrale WRC 1991 + Delta "Test" WRC 1991
MessaggioInviato: giovedì 4 aprile 2019, 7:30 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2019, 10:22
Messaggi: 271
Ho iniziato la prima delta (quella di Roberto) per quanto riguarda la stesura di tutti i cablaggi idraulici.

Ho montato il castelletto del freni a mano con l’aggiunta della molla autocostruita. Con i raccordi top studio mi sono costruito il raccordo a 3 vie dove si raccordano i cavi idraulici sia della linea posteriore dei freni e che linea idraulica del freno a mano.
Come supporto ho utilizzato un dado M2. Dalle foto si vede che vi è una staffa che sorregge questo raccordo ma ormai avendo già verniciato tutto ho preferito utilizzare questa soluzione prendendomi questa licenza costruttiva.

La prima tubazione ad essere aggiunta è stato il tubo idraulico che dal freno a mano al cilindro maestro verso il foro nel pianale prima del castelletto del cambio.

Successivamente ho collegato i primi due tubi idraulici che dal freno a mano vanno al raccordo autocostruito.

Sono poi stati collegati i cavi che dal foro del pianale arrivano al raccordo posteriore a tre vie: sono i tubi idraulici dei freni posteriori che partono dal vano motore.

Ultimi cavi ad essere stati collegati sono quelli che vanno direttamente ai dischi posteriori e che passano attraverso la traversa di rinforzo della panca posteriore.

Con una foto che mi ha gentilmente passato un ragazzo che sta costruendo anche lui la sua delta (un lavoro stratosferico) mi sono accorto che sui raccordi vi sono dei segni verdi che servono ad indicare che i benjio sono stati serrati e controllati. Con del tamiya verde ho segnato pure io miei raccordi.

Ho poi montato l’estintore brandeggiabile al suo posto......estintore che però non andava più in sede a causa l’aggiunta dei raccordi sul cilindro idraulico del freno a mano.
Con dei bulloncini da M1,4 mi sono costruito i distanziali per poterlo alzare quanto bastava e infine metterlo in sede definitivamente.

Una volta terminata la parte idraulica dei freni posteriori sono passato alla tubazione di andata e di ritorno della benzina che corre lungo tutto la parte destra.
Con del nastro isolante tagliato a strisce di 2 mm mi sono ricreato le fascette che ancorano la tubazione al telaio.

Ultimo cablaggio costruito oggi è quello del positivo e negativo della batteria. Con l’aiuto del filo di ferro, ho fatto passare i cavi di alimentazione attraverso il buco della traversina di rinforzo della panca posteriore.
Ho poi fascettato e li ho fatti correre paralleli ai tubi della benzina.

Ho poi dato un leggero lavaggio e Wheatering finale a tutto quanto.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Delta Integrale WRC 1991 + Delta "Test" WRC 1991
MessaggioInviato: giovedì 4 aprile 2019, 7:39 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2019, 10:22
Messaggi: 271
Ho poi (come al solito e per non creare troppo divario lavorativo su entrambe) lavorato sulla mia delta.

Oltre ad aver raggiunto lo stesso punto di lavoro che ho fatto ieri sulla delta di Roberto, sono andato avanti con l’impianto di estinzione che ho terminato.

Prima di lavorare sull’impianto di estinzione ho definitivamente fissato le pedane in Kevlar che mi ero costruito mesi fa. Leggera passata di polvere “mud” e infine montati al loro posto.

Dopo aver fissato le due bombole posteriori ho steso i cavi di mandata della polvere Halon: una va al baule, una va sopra il montante centrale della gabbia e una che si infila dentro nel buco del tunnel e che poi va a sdoppiarsi nel vano motore e l’altro ugello a fianco del cruscotto (tot 5 ugelli).

Una volta finito ciò ho poi esteso il tubo dell’acqua che corre lungo tutta la parte inferiore sinistra

Per completare tutti gli interni (a parte i sedili) manca ancora la centralina dell’interfono, il tubo dell’aria che corre sopra il montante laterale del roll bar lato destro e che si congiunge con la presa d’aria tetto, i ganci delle cuffie fissati sulla traversa del roll bar e poi credo basta.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Delta Integrale WRC 1991 + Delta "Test" WRC 1991
MessaggioInviato: sabato 6 aprile 2019, 7:12 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2019, 10:22
Messaggi: 271
Vado avanti con i dettagli degli interni

Ho preso a mano il transkit delle cuffie di Massimo.

Seguendo le foto di references e le sue istruzioni ho cominciato a lavorarci

Dopo aver piegato la staffa da mettere sul cerchietto della cuffia, ho saldato il tutto con il ciano e bicarbonato e ho dato un aleggere limata (che da un effetto di cucitura termosaldata dove passano in mezzo i ferri)

Ho poi preparato i pezzi con il Primer.
Ho verniciato in bianco gli altoparlanti e l’interfono che andrà poi a posizionarsi sulla traversa centrale della gabbia.

Con nero opaco ho poi verniciato i cerchietti e cuscinetti degli auricolari.

Una volta verniciati ho voluto aggiungere ai cerchietti una striscia di neoprene che va a simulare l’imbottitura del cerchietto sopra la testa.
Esternamente ho poi aggiunto una striscia di nastro isolante.

I ferri che collegano il cerchietto alle cuffie li ho verniciati di alluminio in quanto ho visto una foto di Miky con in testa le cuffie dove si vede chiaramente che questi ferri sono proprio di color alluminio.

Ho preso poi a mano l’interfono alla quale ho dettagliato in nero i trimmer del volume e i jack in colore oro.
Ho poi aggiunto i cavetti di collegamento delle cuffie autocostruendo gli spinotti con degli spezzoni di plastica che sono poi stati verniciati nero.

Aspetto che tutto sia per ben asciutto e poi vado di montaggio finale e di decal

Osservando le foto non ho notato ferri di sostegno delle cuffie sulla gabbia; dalle foto ho visto che le cuffie venivano appese o allo specchietto retrovisore o appoggiate direttamente sul cruscotto o sul sedile.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Delta Integrale WRC 1991 + Delta "Test" WRC 1991
MessaggioInviato: lunedì 8 aprile 2019, 8:10 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2019, 10:22
Messaggi: 271
Da ieri pomeriggio ho iniziato la fase finale della parte telaio-motore-interni.
Sto finendo di controllare tutto a livello di montaggio e poi inizierò l'ultima fase: quella delle carrozzeria.

Per i sedili mi darà un mano il mio amico Massimo che tra mille prove ha trovato una verniciatura e una tonalità di colore che si avvicina molto all'effetto finale.
I sedili quindi aspetteranno un pò prima di esser fissati.

Ieri pomeriggio mi sono messo dietro ai piattelli superiori degli ammortizzatori.

Da references ho notato che i piattelli sono a cupola, dotati di un grosso dado centrale nel quale dentro vi è un altro dado avvitato sullo stelo dell'ammortizzatore (credo il registro/taratura dell'ammortizzatore)

Con i miei amici lego mi sono costruito la cupola.
Brick lego di diametro 16 mm, duomo di diametro 14: montato brick sul trapano e ridotto il diametro sino a 13,8 e infine posizionata inferiormente rondella M6 per avere un piano regolare inferiore.

Ho poi segato via il funghetto del brick per andare a fissare in posizione decentrata il grosso dado dell'ammortizzatore, per tale dado ne ho usato un vero M5.

Ho poi inserito un spezzone di tubetto di plasticard nel quale è stato infilato un profilo tondo sempre di plasticard: che vogliono imitare lo stelo dell'ammo. Ultimo tassello del mio puzzle: il dado di registro dell'ammo; come dado ne ho usato uno da m 1.4

Come per i posteriori, anche questi anteriori saranno rimovibili in caso di desiderio di variazione assetto.
Per tenerli in posa ho messo del patafix e infine appoggiati sopra.

Una volta verificato che il montaggio e gli accopiamenti fossero a posto, ho poi verniciat il piattello in titanium gold e lo stelo in metallic gray.

E' stata poi la volta del convogliatore in kevlar dell'intercooler: wheatering e infine 2 bulloncini fotoincisi sulla parte superiore.

Il motore ora "dovrebbe" esser completo.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Delta Integrale WRC 1991 + Delta "Test" WRC 1991
MessaggioInviato: martedì 9 aprile 2019, 13:12 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2019, 10:22
Messaggi: 271
Ai pianali mancano i sedili e direi nient'altro, al pianale manca il terminale di scarico , l'occhione di traino e credo basta.


Da oggi ho iniziato la carrozzeria , e nella mia testa, sono all'ultima e terza vetta da scalare (la prima il pianale, la seconda il gruppo motore, interni serbatoi)
Sono partito nell'analizzare le traverse e ovviamente una serie di errori abbastanza lampanti.

La presa aria tetto è stata fatta da hachette fondendo presa aria e traversa di rinforzo tetto anteriore, inoltre il rinforzo anteriore "kevlarizzato" non arriva nemmeno a chiudersi con le traverse laterali.

La traversa di rinforzo la si riconosce in quanto la parte allungata anteriore presenta i “fori chiusi” di rinforzo della barra.

Preso a mano e divisa. La presa aria verrà poi rifatta, chiusa nell'apertura derivata dalla divisione e rivestita con le decal kevlar. Non ho guardato ancora a fondo le foto , ma credo che le bocchette di aereazione interne non fosero color alluminio ma in plastica nera.

Altra considerazione che ho fatto sul momento: lo sportello della presa aria tetto:
Al monte 91 sono quasi sicuro che lo sportello fosse unico e piano e della dimensione del buco del tetto.

Nello stesso anno invece a Sanremo lo vedo allungato e ricurvo come proposto da hachette.
In poche parole, o accetto l'errore storico e al monte la piazzo ricurva....o sono fottuto.
Sul tetto ci sono due bei buchi pronti ad accogliere lo sportello della presa aria ricurvo.
Ma dato che la mia idea è il Monte (ho già il decal set della livrea), vedrò cosa mi riuscirò ad inventare tra milliput, vernici e wheatering per provare a riempire, verniciare e mimetizzare i fori che dovrò per forza chiudere ( eovviamente stessa sorte per i bucchi dei praspruzzi anteriori)
Per Roberto invece nessun problema....la sua va verniciata ex novo.

Tornando alle traverse del tetto:
- La centrale è stata accorcciata, ma alla fine la ricostuirò da zero.
- L'accorciamento è stato dovuto in quanto all'anteriore non si chiudeva con le laterali.
- Le traverse laterali sono state forate (i falsi fori asolati chiusi) e sono stati aggiunti una nuova coppia di fori.
- La traversa posteriore è rimasta pressoché identica; i buchi del plexiglas verranno chiusi e al loro posto verranno messe delle staffe di alluminio che terranno fermo il plexiglas divisorio
- La traversa anteriore invece è stata completamente ricostruita: prima di tediarvi con i miei ragionamenti costruttivi mi sembra doveroso fareuna premessa.
Da foto di references (in special modo quelle della Ex Abrth Fiorio), la traversa centrale presenta i fori asolati....avrei voluti rifarli, ma tra rischio di farli sbilenchi o brutti, stavolta o cercato di semplificarli la vita adottando come esempio la fattezza della traversa centrale.

Ho costruito con una striscia di plasticard tutta la base del nuovo traversino.

Ho poi aggiunto dei profili a sezione quadrata di rinforzo come per la traversa centrale.

Avrei voluto eliminare il piolo: ma non cosi semplice come sembra. Tra dremel e lime varie tavo scaldando troppo la vernice.

Questa è la carrozzeria di Roby e posso tecnicamente andarci sul pesante perché verrà completamente riverniciata.
La sto utilizzando come banco di prova per capire quanto è il rischio di andare a rovinare la vernice.....quindi anche se sulla carta posso andar a cuor leggero, in realtà la maneggio come fosse la mia per non rovinare la livrea esterna che sulla mia rimarrà di serie.

Per coprire il piolo ho riutilizzato il quadratino di plastica che avevo tagliato per lo smanco sul traversino autocostruito, poi col il putty rifilerò i vari rimpimenti.

Mi manca di ricostruire la traversa centrale con la stessa tecnica dell’anteriore: ovvero striscia di plastica e due barrette di rinforzo; una volta ultimata l’interno del tetto sarà terminato....putty e stucco su tutti i vari ex fori di fissaggio e anche questa potrei dire di averla messa nel taschino.

Ho segato via i pioli che erano presenti sul roll bar e che servivano per tenere le traverse in posa le traverse

Ora invece la traverse sono solidali col tetto e come nella realtà

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Delta Integrale WRC 1991 + Delta "Test" WRC 1991
MessaggioInviato: giovedì 11 aprile 2019, 7:07 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2019, 10:22
Messaggi: 271
Oggi sono andato avanti con alcune particolari dalla parte inferiore delle delta che avevo tralasciato.

Ho carteggiato e riverniciato nuovamente le paratie laterali dei montanti posteriori del baule per avere la stessa tonalità di alluminio.

Ho preso sottomano il terminale dello scarico al quale ho eliminato il piolo di fissaggio al paraurti posteriore; l’ho successivamente forato ed aperto per aumentarne la profondità e dargli un maggior senso.
Il terminale è poi stato riverniciato in alluminio e ha ricevuto altre due mani di trasparente fumé....successivamente verrà poi trattato con le polveri wheatering per ricreare affetto scottatura bruciatura misto a sporco tirato su in gara....l’interno sarà scurito fortemente (causa i frequenti ritorni di fiamma)

Ho poi lavorato il bocchettone di carico della benzina; dalle foto di reference si vede che è composto da due pezzi che sembrerebbero in ergal rosso e che sono collegati tramite un manicotto centrale di silicone.

Dopo averlo stuccato e levigato nella giuntura l’ho verniciato in alluminio come base; successivamente ho dato due mani di metallic red: come risultato sono abbastanza soddisfatto direi che si avvicina decentemente all’effetto ergal.
Aspetto che asciughi e poi aggiungerò con la termo restringente rossa e le fascette d’alluminio il manicotto di giuntura.

Grazie ad una preziosa informazione da parte di un utente che mi sta dando una grande mano nei dettagli più difficili da scovare/interpretare, non avevo notato che le delta avevano sulla pedana del navigatore un pulsante da azionare con i piedi.
Tale pulsante (mi è stato spiegato) è il clacson obbligatorio per i trasferimenti sulle strade pubbliche tra le varie tappe.
Nella realtà si presenta come il classico fungo a pressione.
Per ricrearlo mi sono aiutato come al solito con i bric lego e ho cercato di riprodurlo al meglio. Per mantenere rialzato il bric che funge da pulsante ho fissato 2 rondelle da m2
Con una basetta d’alluminio ho ricreato la piastra che lo fissa alla pedana in kevlar. Fase successiva sarà di aggiungere il cablaggio elettrico verde.

Sempre delle preziose informazioni da parte di questo mio compagno di avventura nella costruzione di questa delta, ho notato un’altra incongruenza abbastanza evidente.

Per chi come me sta cercando di replicare il Montecarlo 91 la presa d’aria del tetto non è dotata di convogliatore ricurvo come proposto da hachette.
La presa d’aria ricurva è presente all’incirca dalla seconda metà della stagione e di sicuro a Sanremo.
A Montecarlo, che è la prima gara del campionato, lo sportello della presa d’aria aveva la stessa dimensione del buco del tetto.

Utilizzando la carrozzeria di Roberto come banco di prova, ho chiuso i fori con la tecnica della cianoacrilica e bicarbonato.

Successivamente ,con l’utilizzo di carta 12.000 e acqua e lama nuovissima del bisturi, ho cercato di pareggiare di lisciare il riempimento dei due foti.
Una volta fatto ciò ritoccato con il tamiya X2; posso dire che si avvicina molto al colore bianco originale.

Ovviamente rendere liscia la carrozzeria come se non ci fossero mai stati fori è utopia. Il lavoro perfetto sarebbe di chiudere stuccare levigare e riverniciare tutto da capo; dato che la livrea Martini è parecchio complicata cercherò di fare questo lavoro anche sulla mia poi con il wheatering s e sporcatura alla sommità del parabrezza cercheró di mimetizzare al meglio Il riempimento di questi due buchi.

Ovviamente il nuovo sportello della presa d’aria tetto è in lavorazione.

Ho poi terminato l’ultima traversa centrale di rinforzo tetto che mi mancava internamente.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Delta Integrale WRC 1991 + Delta "Test" WRC 1991
MessaggioInviato: venerdì 12 aprile 2019, 7:24 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2019, 10:22
Messaggi: 271
Ho terminato i bocchettoni di rifornimento benzina applicando la termo restringente rossa e le fascette di alluminio che simulano il manicotto di collegamento tra i vari tubi.
Montate infine anche le paratie laterali riverniciate dello stesso alluminio di tutto l’interno.

Ho poi applicato il clacson che sta alla base della pedana del navigatore.

Ho montato L’ultimo segmento del tubo di scarico finale.
Sulla delta reale è un pezzo unico che parte dalla culla del differenziale e arriva sino in fondo.
Sarebbe stato corretto stuccare il tutto in un unico pezzo però purtroppo se avessi voluto fare ciò avrei dovuto aspettare di montare tutte e 2 le delta dall’uscita 97.

Per nascondere la linea di giunzions ho applicato una weld line che va a simulare la saldatura.
Una volta fatto ciò ho dato una base di marrone all’interno del tubo di scarico e successivo lavaggio in nero in modo da ricreare dello scarico dopo innumerevoli ritorni.
Ho applicato il wheaterig sia dentro che fuori con un misto di oli stain, dust e mud.

Sono poi passato alla carrozzeria.
Ho riprodotto con il plasticard lo sportello della presa d’aria corretto per il Montecarlo 91. Prossimamente farò le cerniere in alluminio.

Sono andato per terminare l’interno della carrozzeria ma ho dovuto modificare in corso d’opera i montanti centrali che avevo in precedenza autocostruito.
Purtroppo con il progetto iniziale, I fori di fissaggio delle cerniere delle portiere posteriori vengono parzialmente coperti.
Ho provato a rifilar uno dei miei montanti ma purtroppo si sono spezzati entrambi perché c’è poca carne sulla plastica nel punto dove andavo a lavorarla.

Ho notato da tempo tramite le varie foto che le delta montavano i copri montanti neri superiori.
Con il plasticard li ho riprodotti quelli e li ho poi applicati definitivamente.

La carrozzeria di Roberto è tecnicamente pronta per la riverniciatura.

Seguirà il consiglio di Danilo ed con l’ acetone eliminerò tutta quanta la livrea Martini.

Levigherò tutta la carrozzeria con la 800 ad acqua, Mano di Primer, successiva passata di 2000 ad acqua e infine se tutto va bene la delta sarà pronta per ricevere il colore che voleva Roby: il rosso.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 252 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15 ... 17  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice