Oggi è domenica 5 luglio 2020, 11:56

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 532 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 32, 33, 34, 35, 36
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: FS GLOBETROTTER
MessaggioInviato: domenica 12 aprile 2020, 23:07 
Non connesso

Iscritto il: domenica 14 marzo 2010, 21:37
Messaggi: 1547
Località: Faenza
La Gr 835 in Africa :

https://armyhistory.org/railroaders-in- ... e-in-wwii/

Scorrere fino a circa metà pagina.


Stefano Minghetti


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: FS GLOBETROTTER
MessaggioInviato: domenica 12 aprile 2020, 23:12 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 4244
Località: Sorbolo (PR)
Non sapevo che in terra nord africana ci fossero all'epoca linee in trazione elettrica, poi tipo FS. :shock:
Mi sa tanto di foto farlocca per l'argomento del testo. :roll:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: FS GLOBETROTTER
MessaggioInviato: lunedì 13 aprile 2020, 10:49 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 8 settembre 2011, 16:07
Messaggi: 409
Località: Nizza - Francia
Ciao,

Non vorrei sbagliarmi, però in effetti nei paragrafi adiacenti alla fotografia, sia prima che dopo, non si fa cenno a quest'ultima. C'è solo la storia del MRS in Nord Africa prima e dopo lo sbarco in Sicilia. Inoltre vi sono riportate alcune note interessanti su come il MRS gestiva la ferrovia in Nord Africa:

"Railroading in North Africa proved to be a challenge. Trains were operated by British, French, and American crews assisted by Arab civilians. With a variety of languages among the railroaders, the crew often used hand signals, although that was not always a solution. For example, the U.S. signal for “go” or “highball it” in railroad terms meant “stop!” in the French system used in North Africa. Another quirk was that French locomotives in North Africa did not have seats for engineers or firemen as American ones did, so crews had to stand for hours on end while they were underway."

traduco a spanne:

"Andare in ferrovia nel Nord Africa era certo essere una sfida. I treni erano operati dagli equipaggi Inglesi, Francesi e americani assistiti dai civili Arabi. Con una varietà di lingue tra i ferrovieri, gli equipaggi usavano spesso i segnali a mano, sebbene questo non fosse sempre una soluzione. Per esempio, il segnale U.S. per "via" o "highball it" secondo il sistema Francese usato in Nord Africa significava "stop!". Un'altra stranezza era che le locomotive francesi in Nord Africa non disponevano di posti a sedere per i macchinisti o i fuochisti come quelle americane. Così gli equipaggi dovevano stare all'in piedi per ore mentre erano in corsa."

Dunque quella foto forse non si riferisce esplicitamente al nord Africa, ma probabilmente a qualche luogo in Sicilia. Anche perché dopo si parla della Sicilia e delle truppe a Licata.

Saluti
Luciano


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: FS GLOBETROTTER
MessaggioInviato: lunedì 13 aprile 2020, 12:52 
Non connesso

Iscritto il: domenica 14 marzo 2010, 21:37
Messaggi: 1547
Località: Faenza
Marco, tieni sempre presente che sono un vecchietto (secondo alcuni). :o
Quando avrai la mia età (l' anno prossimo), capirai . . :lol:

On 9 September 1943, the Allies made their first landing on the European mainland at Salerno, Italy. After encountering heavy German resistance, they spent the rest of the month building up men and supplies in the beachhead in preparation for an offensive to capture the port city of Naples. Three days after the first Allied troops entered Naples, the advance party of the 703d Railway Grand Division (Atlantic Coast Railroad Company) reached the port only to find that the combination of Allied bombing and German demolition had left the rail yard in shambles. Technical Sergeant Louis L. Russel of the 713th Railway Operating Battalion described the scene on Wednesday 6 October: “Charred and twisted cars were strewn around haphazardly, with lengths of rail cross ties still attached, pointing toward the sky.” It was a mess, but the next day, First Lieutenant R.H. Anderson, a yardmaster from Newton, Kansas, was optimistic when he said, “I believe we can get a train out of this by Sunday.” With everybody in the battalion, including conductors, engineers, and firemen working to clear the debris, Anderson proved correct. On Saturday, a test train consisting of an old Italian locomotive pushing five cars moved four miles out of the yard. Four days later, six trains moving an average of 450 tons each, rolled to the forward railhead.

Dal chè capisco :
Il 9 sett. '43 gli Alleati fecero il loro primo sbarco sulla terraferma europea a Salerno, in Italia. Dopo aver incontrato una forte resistenza tedesca, trascorsero il resto del mese a costruire fortificazioni e rifornimenti nelle retrovie in preparazione di un'offensiva per catturare la città portuale di Napoli. Tre giorni dopo l' entrata delle prime truppe alleate a Napoli, l'avanzata della Grande Divisione ferroviaria 703d (Atlantic Coast Railroad Company) raggiunse il porto solo per scoprire che la combinazione di bombardamenti alleati e demolizione tedesca aveva lasciato le stazioni ferroviarie in rovina. Il sergente tecnico Louis L. Russel del 713 ° Battaglione Operativo Ferroviario ha descritto la scena mercoledì 6 ottobre: ​​"I carri carbonizzati e contorti erano sparpagliati a casaccio, con tratti di rotaia con le traverse ancora attaccate, che puntavano verso il cielo". Era un disastro, ma il giorno seguente, il primo tenente R.H. Anderson, un direttore di cantiere di Newton, nel Kansas, era ottimista quando disse: "Credo che potremo far partire un treno domenica". Con tutti quelli del battaglione, compresi conduttori, ingegneri e pompieri che lavoravano per eliminare i detriti, Anderson ebbe ragione. Il sabato, un treno di prova costituito da una vecchia locomotiva italiana che spingeva cinque carri si muoveva quattro miglia dalla stazione. Quattro giorni dopo, sei treni che trasportavano una media di 450 tonnellate ciascuno, circolavano per ferrovia.

Ecco, non avevo notato la linea aerea nella foto con la Gr835, ma avevo notato l' ultima parte di questo stralcio, con la parte che ho evidenziato in neretto.
Come "vecchia locomotiva" avevo visto possibile la Gr835.
Quindi, non in Africa, ma a Napoli.
La foto non sarà esattamente quella della "vecchia locomotiva" citata, ma è sicuramente del periodo.

Notata la livrea americana, coi respingenti presenti per uso in Italia, mi è venuto in mente il paragone col modello Rivarossi americanizzato.
Non so se ne avessero, poi, portate negli Stati Uniti, ma la foto mostra come furono dipinte durante la liberazione americana.

Quindi è un globetrotter particolare : non si è mossa dall' Italia, ma non era più sotto la giurisdizione italiana.


Stefano Minghetti


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: FS GLOBETROTTER
MessaggioInviato: mercoledì 15 aprile 2020, 15:26 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 18 gennaio 2006, 19:35
Messaggi: 4454
EC 52 colosseum basilea - roma t.

estate 1995

fonte da rete.

saluti


Allegati:
colosseum re 620.jpg
colosseum re 620.jpg [ 88.08 KiB | Osservato 1197 volte ]
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: FS GLOBETROTTER
MessaggioInviato: domenica 28 giugno 2020, 17:42 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 18 gennaio 2006, 19:35
Messaggi: 4454
EC vauban - anno 2004

(fonte da rete)

saluti

malte


Allegati:
EC.jpg
EC.jpg [ 189.76 KiB | Osservato 319 volte ]
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: FS GLOBETROTTER
MessaggioInviato: giovedì 2 luglio 2020, 21:52 
Non connesso

Iscritto il: domenica 19 marzo 2006, 21:42
Messaggi: 643
Secondo me, se tanto mi dà tanto, guardando la rimessa sullo sfondo (più che rimessa sembra l'architettura dei capannoni dove si svolgevano le riparazioni di media entità) mi sembra il deposito di Napoli Smistamento.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 532 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 32, 33, 34, 35, 36

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice