Oggi è sabato 4 luglio 2020, 15:07

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 30 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 19 gennaio 2006, 19:55 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 19:04
Messaggi: 224
Località: Grizzana (Bo)
Mah, fatte salve le classiche eccezioni che confermano la regola, io
alla intermodalita' non ci ho mai creduto piu' di tanto: i clienti vanno serviti a domicilio!
Continuo cioe' a pensare che sia il raccordo l'arma vincente.
Quanti ne avevamo attivi decenni fa? 1500? 1700? boh , non ricordo piu'.
Ma ha poca importanza: se solo guardo la mia regione, una delle piu'
industrializzate, mi vien da piangere.....

Ciao a tutti

PS: poi ci sarebbe un dicorsetto interessante da affrontare prima o poi:
è piu' facile frodare il fisco caricando un carro o chiamando un camionaro?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 19 gennaio 2006, 20:45 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 16 gennaio 2006, 13:37
Messaggi: 403
Località: La Spezia
Aiaiaiaiaiaa caro Rgs...hai toccato un punto dolente...
sante parole le tue!
Di dove sei ?
Emy


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 19 gennaio 2006, 22:28 
Non connesso

Iscritto il: martedì 17 gennaio 2006, 14:21
Messaggi: 1245
Intermodalità?
Se prima i sacchi di cemento da borgo San dalmazzo arrivavano in treno fino al cementificio di Fanna di Cavasso, in Friuli, adesso arrivano in treno fino a Pordenone Centro Commerciale a bordo di tanti bei CONTAINER, e poi.... TUTTI IN FILA INDIANA (sono 40 container) sulle strade del Friuli fino a Fanna di Cavasso!
Bell'affare, no?

Altro esempio?
Prima la Castelgarden di Castelfranco Veneto (trattorini e rasaerba) spediva giornalmente 1 o 2 carri tipo Hbillns per la Germania centrale.
ADESSO spedisce con i TIR splendide casse mobili fino a Verona quadrante Europa (appena 90 km di strade e autostrade completamente libere dal traffico...) e poi tutti sul treno per monaco e poi ancora su gomma fino a destino (zona di Stoccarda).
Bell'affare, no?

se volete ho altre centinaia di esempi :shock:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 19 gennaio 2006, 22:40 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 16 gennaio 2006, 21:41
Messaggi: 378
........


Ultima modifica di il vero giangi il giovedì 15 febbraio 2007, 0:52, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 20 gennaio 2006, 20:50 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 19:04
Messaggi: 224
Località: Grizzana (Bo)
Tradotta, non infierire, che poi la notte faccio brutti sogni.....

Ciao a tutti


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 20 gennaio 2006, 22:21 
Non connesso

Iscritto il: martedì 17 gennaio 2006, 14:21
Messaggi: 1245
Tra l'altro Rgs, qui in Veneto c'è un accordo tacito tra i due interporti di Vr e Padova. Il primo fa quasi solo casse mobili ma ignora i container, il secondo fa quasi solo container ma ignora le casse mobili.
Il primo è specializzato per l'estero e il nord/nord-ovest, il secondo per i porti e il centro sud ma non fa quasi niente per l'estero.
Sarà un servizio questo??


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lunedì 23 gennaio 2006, 8:33 
Non connesso

Iscritto il: domenica 15 gennaio 2006, 10:28
Messaggi: 66
Il fatto sembrerebbe è che la cargo TI opta su treni completi di qualita',cioe' che rendono economicamente.In quanto alle societa' private;a parte alcune che si sono imposte, le altre societa' credo che si sono accontentate dei pochi treni da effetture.Oppure si scambiano periodicamente i contratti di effettuazioni treni.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lunedì 23 gennaio 2006, 11:47 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 18:15
Messaggi: 2142
Località: 1640 Riverside Drive, Hill Valley
forse grazie alla assurda regolamentazione (che ci vogliono 50 persone per muovere un carro.. manco dovessero spingerlo a mano!!), diventa evidente che non è redditizio nessun trasporto che preveda tradotte e/o raccordi privati...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lunedì 23 gennaio 2006, 20:27 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 19:04
Messaggi: 224
Località: Grizzana (Bo)
Beh, non sempre: sui raccordi Mascarella (di cui a fianco) il servizio veniva svolto da due (2) persone; il macchinista e il manovratore-
deviatore-agganciatore-segnalatore-factotum (che fosse ferrarese? :D ).
Gestione ATC, specifichiamo.

Per altro ragionavo oggi sulla contemporaneita' tra la "crisi" della Manifattura Tabacchi, ultimo cliente di quei raccordi, e i pesanti lavori
a Bologna Centrale: un caso?

Ciao a tutti


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 24 gennaio 2006, 1:31 
Non connesso

Iscritto il: martedì 17 gennaio 2006, 14:21
Messaggi: 1245
NO, non è un caso. Infatti so per certo che la manifattura ha lavorato fino a qualche mese fa con merce trasbordata da carro a tir a Bologna Interporto. Infatti la manifattura NON è morta del tutto...

Certo, contro il potentissimo Partito Trasversale per l'Interramento dei 16.000 km di Ferrovie non si può fare assolutamente nulla, se non... NON votarlo alle proxx elezioni polllitiche :evil:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 24 gennaio 2006, 21:16 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 19:04
Messaggi: 224
Località: Grizzana (Bo)
No, non è morta, ma dopo aver cambiato padrone cambieranno
tipo di lavoro con tutto quello che ne consegue ,
tra cui un diverso "approccio" al trasporto delle loro merci.

E poi, detto tra noi, secondo me tra un po' sloggeranno da li'.....

Ciao a tutti


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Per fortuna c'è la concorrenza!
MessaggioInviato: martedì 24 gennaio 2006, 22:17 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 18 gennaio 2006, 22:19
Messaggi: 47
Località: Borgomanero (NO)
Per quel poco che posso vedere nella mia zona, trenitaglia sta sperendo dal traffico merci... Pure il molino Saini di Borgomanero, che ha sempre ricevuto-inviato ogni settimana quanto una D345 poteva portar sù da Novara, adesso è solo intasato di Tir...

Oltretutto, che collaborazione!
A fine dicembre, un merci della SBB cargo (credo domo-trecate di cisterne VTG ) si è piantato sullo scambio di Cressa ( e sul PL )alle 19 circa di sera. Fermo su un locale a Caltignaga, appena saputo del fatto, non ho esitato a farmi venire a recuperare da parenti... Alle 20 passate ho visto una Re474 scendere lentamente (marcia a vista?) da Borgomaero... Il locale è ripartito da Borgo dopo le 21...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 24 gennaio 2006, 22:42 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 21:55
Messaggi: 109
Località: Parma
Qualcosa si muove!
Questa sera al TG locale ho sentito che vogliono potenziare il raccordo di Castelguelfo (PR) che serve il CEPIM, poichè si prevede un notevole afflusso di merci. Questo fa parte dei progetti della famosissima (almeno dalle mie parti) TIBRE acronimo di "Asse Tirreno-Brennero".


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 26 gennaio 2006, 23:37 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 26 gennaio 2006, 22:51
Messaggi: 46
Località: Vigonza,Pd
Credo che l'incremento di traffico in Friuli sia legato alle 4 coppie di autostrade viaggianti da Trieste verso l'Austria. Inoltre Tarvisio alcuni giorni arriva a quasi 60 merci (da M53). Poco di più ma meglio di prima.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 27 gennaio 2006, 13:41 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 12:23
Messaggi: 76
eu11 ha scritto:
Credo che l'incremento di traffico in Friuli sia legato alle 4 coppie di autostrade viaggianti da Trieste verso l'Austria. Inoltre Tarvisio alcuni giorni arriva a quasi 60 merci (da M53). Poco di più ma meglio di prima.


le rola c'erano già prima del cambio orario.....però vedo che tu hai dati alla mano.....
ciauz


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 30 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 11 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice