Oggi è venerdì 22 gennaio 2021, 14:17

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 18 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Doppio scambio inglese
MessaggioInviato: domenica 3 gennaio 2021, 14:35 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 29 agosto 2013, 7:11
Messaggi: 378
Una domanda, alla ricerca di una situazione plausibile per il plastico.
Può capitare che, in stazione, il primo scambio che si incontri proveniendo dal corretto tracciato sia un doppio scambio inglese?
Immagino che la risposta sia negativa ma...
Buon pomeriggio a tutti.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Doppio scambio inglese
MessaggioInviato: domenica 3 gennaio 2021, 14:56 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 21 dicembre 2016, 20:37
Messaggi: 384
In passato su linee a bassa velocità di percorrenza era possibile. Specie in quelle in cui era obbligatoria l'entrata a 30 km/h non solo per tipo di esercizio, ma proprio per impiantistica. Ricordo un'immagine di una località a semplice binario, dove all'uscita di galleria c'era una disposizione di quel tipo.
A pelle direi sulla linea dalle parti di Metaponto, o per Potenza .... ma vado a memoria.
Se la ritrovo, lo indico.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Doppio scambio inglese
MessaggioInviato: domenica 3 gennaio 2021, 15:03 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 29 agosto 2013, 7:11
Messaggi: 378
Ok. Quindi è da escludersi per epoche recenti.
Grazie!!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Doppio scambio inglese
MessaggioInviato: domenica 3 gennaio 2021, 15:46 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 21 dicembre 2016, 20:37
Messaggi: 384
Sì sì, assolutamente. Si parla di ambientazione in epoca decisamente lontana.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Doppio scambio inglese
MessaggioInviato: domenica 3 gennaio 2021, 15:59 
Non connesso

Iscritto il: martedì 28 marzo 2006, 17:03
Messaggi: 15693
Località: Dove i treni sono a vapore e gli scambi a mano
Nel razionalizzare il piano del ferro in occasione di installazione di ACC, RFI tende ad eliminare gli inglesi doppi sostituendoli con due deviatoi semplici ogni volta che lo spazio lo permetta.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Doppio scambio inglese
MessaggioInviato: domenica 3 gennaio 2021, 23:10 
Non connesso

Iscritto il: domenica 14 marzo 2010, 21:37
Messaggi: 1638
Località: Faenza
Fermo restando che, ove possibile, sostituiscono gli inglesi con comunicazioni normali (sarà la Brexit ?),
ancor oggi, arrivando a Ravenna dalla linea di Ferrara, il primo scambio incontrato è un deviatoio inglese, preso in corretto tracciato (ovvero la diagonale che è la prosecuzione della linea) :
Quì : 44.43191082092173, 12.198500067239982

Comunque si entri su uno scambio incrocio, si hanno due possibilità : dritto e deviato.
- se dritto, consente una buona velocità. In molti casi, pari alla velocità di linea. A tuttoggi (FL 82 Bologna) a Parma sono consentiti 175 km/h in rango C e 200 km/h in rango P. Vedere quì : 44.81089624603261, 10.32538461495769
- se deviato la velocità massima è di 30 km/h.
- se dritto e con una curva di deviata a valle del tratto rettilineo, la velocità massima è data dal raggio della curva

Frà i motivi per l' eliminazione degli inglesi credo ci siano :
- aumentare da 30 km/h a 60 km/h l' itinerario in deviata
- maggior facilità di allineamento del binario con le rincalzatrici, o visto in un altro modo, poter allineare il binario per velocità maggiori
- evitare le accelerazioni laterali causate dalla tripla sequenza di controrotaie su entrambe le rotaie o alternate, incontrate a breve distanza nel percorrerlo

Lo scambio incrocio italiano è progettato per la velocità standard in deviata di 30 km/h. All' estero ci sono reti ove lo standard più basso è 40 km/h, anche per gli inglesi.
Con certi tipi di Baesler, non adottati in Italia, si può arrivare a 60 km/h in deviata (Germania principalmente).
In Inghilterra si vedono tuttoggi scambi inglesi (appunto !) leggermente curvati. In Italia ciò è assai raro, e solo negli scali.


Stefano Minghetti


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Doppio scambio inglese
MessaggioInviato: domenica 3 gennaio 2021, 23:40 
Non connesso

Iscritto il: sabato 18 febbraio 2006, 22:49
Messaggi: 671
Non so se è esattamente quello che cerchi, ma anche nella stazione di Bressanone, scendendo da Brennero sul binario di destra pari, si incontra per primo un deviatoio inglese doppio che è collocato proprio sul corretto tracciato. E non stiamo parlando di certo di una stazioncina di campagna su una linea secondaria a scarso traffico.

Inviato dal mio M2003J15SC utilizzando Tapatalk


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Doppio scambio inglese
MessaggioInviato: lunedì 4 gennaio 2021, 0:11 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 29 agosto 2013, 7:11
Messaggi: 378
Grazie per le preziose informazioni!
Quindi posso installare correttamente uno scambio inglese su corretto tracciato!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Doppio scambio inglese
MessaggioInviato: lunedì 4 gennaio 2021, 7:25 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 21 dicembre 2016, 20:37
Messaggi: 384
Effettivamente anch'io avevo inteso male la tua richiesta. Scusami.
Leggendo meglio, ne esistono ancor oggi moltissime realtà, in tutta la rete.
Buona settimana


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Doppio scambio inglese
MessaggioInviato: lunedì 4 gennaio 2021, 11:35 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 5 giugno 2006, 19:20
Messaggi: 970
Località: Città di Castello
Scusate se complico il quadro con una situazione molto particolare: Precedenze, nella Grande Galleria dell'Appennino.

Se non ricordo male, c'erano dei doppi inglesi in piena linea. A quale velocità erano percorribili?

Un gagliardo 2021 a tutti!

Andrea Chiapponi


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Doppio scambio inglese
MessaggioInviato: lunedì 4 gennaio 2021, 12:23 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 21 dicembre 2016, 20:37
Messaggi: 384
Da FCL degli anni 2000
Direzione BO

Immagine

Direzione FI

Immagine

e Limitazione Vmax rispetto orario:

Immagine


Ultima modifica di DOZ il lunedì 4 gennaio 2021, 13:22, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Doppio scambio inglese
MessaggioInviato: lunedì 4 gennaio 2021, 12:27 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 5 giugno 2006, 19:20
Messaggi: 970
Località: Città di Castello
Grazie mille!!

Andrea Chiapponi


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Doppio scambio inglese
MessaggioInviato: lunedì 4 gennaio 2021, 14:39 
Non connesso

Iscritto il: martedì 28 marzo 2006, 17:03
Messaggi: 15693
Località: Dove i treni sono a vapore e gli scambi a mano
staccionata ha scritto:
Può capitare che, in stazione, il primo scambio che si incontri provenendo dal corretto tracciato sia un doppio scambio inglese?
Forse intendevi scrivere "sull'itinerario di arrivo in corretto tracciato"?
Comunque a Padova si riscontrano due casi:
- arrivo da Pari BO al binario II si incontra il doppio inglese 102/103;
- arrivo da Dispari MI al binario V si incontra il doppio inglese 119/121 (non sarebbe il primo in assoluto, ma il deviatoio precedente è talmente distante che lo si può considerare tale).


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Doppio scambio inglese
MessaggioInviato: lunedì 4 gennaio 2021, 14:42 
Non connesso

Iscritto il: martedì 28 marzo 2006, 17:03
Messaggi: 15693
Località: Dove i treni sono a vapore e gli scambi a mano
Andrea Chiapponi ha scritto:
Precedenze, nella Grande Galleria dell'Appennino. C'erano dei doppi inglesi in piena linea.
Non erano in "piena linea", erano sui binari di corsa, ma comunque all'interno del Posto di Movimento.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Doppio scambio inglese
MessaggioInviato: lunedì 4 gennaio 2021, 14:56 
Non connesso

Iscritto il: martedì 28 marzo 2006, 17:03
Messaggi: 15693
Località: Dove i treni sono a vapore e gli scambi a mano
ste.klausen21 ha scritto:
Fermo restando che, ove possibile, sostituiscono gli inglesi con comunicazioni normali (sarà la Brexit ?) ...
Quando facemmo il corso per l'abilitazione agli ACS (poi diventati ACC) ci spiegarono che la presenza degli inglesi comportava la necessità dell'installazione di un particolare circuito elettrico denominato "traversa negativa". Questi circuiti però, oltre ad essere costosi, complicano assai il montaggio e la manutenzione dell'inglese. Inoltre agli effetti della circolazione in condizione degradata comporta degli impedimenti superabili soltanto con il ricorso alla messaggistica di soccorso con ovvio abbassamento del livello di sicurezza.
Questi i motivi della sostituzione degli inglesi ogni volta fosse possibile.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 18 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot], R4512, Simone Cristaudo e 12 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice