Oggi è giovedì 12 dicembre 2019, 0:15

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 18 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Grosse locomotive a vapore tedesche d'epoca
MessaggioInviato: lunedì 2 dicembre 2019, 4:31 
Non connesso

Iscritto il: sabato 30 novembre 2019, 4:00
Messaggi: 7
Salve,

mi sono appena registrato, non molto esperto di forum mi scuso sin d'ora se commetterò qualche errore di regolamento o forma.
2 parole per presentarmi, appassionato di ferromodellismo (e treni veri) ho costruito a 13 anni con gioia un piccolo plastico semplice ed economico con materiale usato Lima e Favero, poi il trasferimento dalla Val di Susa in Friuli e le normali vicissitudini hanno sempre fatto rimandare il dedicarmi ancora a questa passione.
Finalmente un anno fa dopo aver acquistato su Ebay un bel po di materiale usato ho messo assieme un palastico 2,5 x 2.2 disposto a L nel poco spazio disponibile di una centrale termica-magazzino, molto realizzato artigianalmente come, montagne, galleria, salite, 2 depositi (1 radiale e uno dritto x vaporiere), certo è una cosetta rispetto a ciò che si vede in giro ma come dicono a Napoli "ogni strafalcione è bello a mamma sua" :)
Ho acquistato locomotive usate di varie marche qualcuna un po acciaccata o antica ma amo i restauri, principalmente sono Lima ma anche 2 Fleischmann, 2 Jouef, una BR 80 Piko anni 50 in ottime condizioni e una Gutzold V200 modello del 1968 con aderenza totale su 8 ruote meccanica ottima e robusta tutto sommato in buone condizioni, la mia preferita assieme alla Ludmilla BR 130 Piko.
Mi ero dato un tetto max di 40 eu per ogni locomotiva per intanto infoltire il parco poi si vedrà, sono arrivato a 18 modelli + varie carrozze e vagoni, molte le tengo riposte perchè troppe per il piccolo plastico nonostante un deposito a 9 posti e uno da 2.
Risistemate quelle bisognose di cure per inattività o usura più o meno bene circolano tutte, ho avuto invece problemi con 2 vaporiere tedesche d'epoca acquistate con "piccoli difetti" convinto di rimediare, sono una BR 39 Lima e una BR 52 Piko Kondensator (di fattura cinese immagino) bella ma non parente per materiali con la sua antenata BR 80 Piko anni 50-60, plastica sottile che par si rompa solo a guardarla, motorizzata nel tender a cardani su 8 ruote ma materiali scarsi, aveva motore ululante con asse su boccole in plastica (non teflon o naylon plasticaccia proprio) in parte già depositata sull'asse... inoltre ingranaggi crepati radialmente che slittano sugli assi, dopo lunga revisione, incollaggi e accorgimenti meccanici vari va benino pur con qualche rumore e vibrazione, rispetto alle antenate Gutzold-Piko pare comunque un giocattolino da uovo kinder, non si capisce perchè i cinesi che hanno comprato quasi tutte le marche storiche non usino materiali migliori... non penso inciderebbe poi molto sul prezzo finale.
La BR 39 Lima ha problemi insormontabili di usura biellismo, ho provato di tutto persino a rifare le bronzine con brasatura ma niente si pianta sempre, unica soluzione semplificare il biellismo collegandolo solo alla coppia di ruote motrici ma la trazione è quella che è, pare proprio un progetto nato male poichè se ne trovano molte a prezzo stracciato tutte con questo dichiarato difetto al biellismo.

Penso che per una vaporiera complessa come la BR 52 o la BR 01 anche affidabile bisogna andare su modelli come Rivarossi, Gutzold-Piko pre Cina, Fleischmann, Trix ecc, forse anche Kleibhan e vecchie Jouef pre Cina sono affidabili ma come riconoscerle dalle foto?
Per molti anni non ho seguito l'evolversi del settore e sono impreparato a distinguere i modelli poichè nemmeno so bene quali marche sono diventate cinesi e da quale anno, mi pare Lima, Rivarossi, Roco, Mheano, Jouef oggi sono tutte cinesi plasticone ma fatico a distingure pre e dopo.
Ho trovato a prezzo accettabile una BR 01 Fleischmann, mi rivolgo a chi ha seguito il settore nel tempo chiedendo se questo modello abbastanza recente pur avendo molta plastica e propulsione nel tender è ancora tedesca con la qualità riconosciuta oppure cinese come la BR 52 Piko che ho comprato?
Non mi piace la motorizzazione nel tender preferirei su ruote locomotiva con ingranaggi tra loro, così ho visto però solo le vecchie Rivarossi e le Trix (Marklin DC mi paiono) ma queste ultime hanno prese a pattini strane e non so se possibile convertirle sulle ruote e renderle compatibili?

Scusate il poema ma volevo anche presentarmi un minimo e il problema non era facilissimo da spiegare.

grazie in ogni caso per risposte e considerazioni

un saluto a tutti

Danilo - Pordenone


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Grosse locomotive a vapore tedesche d'epoca
MessaggioInviato: lunedì 2 dicembre 2019, 9:39 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 3996
Località: Sorbolo (PR)
Ben arrivato, e intanto una risposta rapida.
Piko produce da qualche anno anche in Cina ma in uno stabilimento di proprietà, e la gamma dei suoi modelli nel tempo è stata divisa in 3 categorie con livelli di realizzazione diversi, pertanto dipende da cosa hai.
Fleischmann, così come Roco, ha quasi sempre messo i motori nei tender, salvo i vecchi simili ai G Lima (di fatto Lima ha copiato lì).
In ogni caso per esserti maggiore aiuto devi indicare gli articoli a catalogo dei modelli che possiedi, e magari anche l'anno di produzione.
Senza offesa, ma oggetivamente, se hai trovato locomotive di quei marchi a meno di 50 € è normale che abbiano la meccanica quasi distrutta, e anche altri guai, i tutto fatte salve le botte di fortuna.
I biellismi quando s'impuntano è perche qualche sua parte è sfasata, o manca qualche pezzo, per rimetterli a posto ci vuole tanta pazienza e dimenticarsi i fori perfettamente circolari: la maggior parte devono essero ovali o/e più larghi del necessario, 2/10 di tolleranza la vero non è nulla, e nei modelli permette di farli funzionare.
Permettimi, ma direi che ti manca la storia del fermodellismo dagli anni '80 ad oggi. E tutti i modelli di ogni produttore hanno +/- gli stessi difetti, è la riduzione in scala di veicoli funzionanti non permette di meglio.
Il fatto che un veicolo sia prodotto artiganalmente in metallo non significa che anche la meccanica sia quanto di meglio possibile, ovvero che il modello riesca a muoversi anche in una curva con raggio realistico.
Lascia perdere i paragoni con i modelli Maerklin perchè non ha senso: è un universo a se stante. Per Rivarossi e Trix dipende da che modelli sono e dall'anno di produzione: i vari cambiamenti di proprietà, e collaborazione, hanno portanto anche cambiamenti tecnologici non piccoli.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Grosse locomotive a vapore tedesche d'epoca
MessaggioInviato: lunedì 2 dicembre 2019, 19:51 
Non connesso

Iscritto il: sabato 30 novembre 2019, 4:00
Messaggi: 7
Grazie per le considerazioni un po mi hanno chiarito le idee,

sono ben consapevole che mi manca una grande fetta della storia del ferromodellismo per questo ho avanzato il quesito, e non solo gli anni 80, ho smontato il mio primo plastico nel 1969 per il trasloco in Friuli (avevo 14 anni) e mi sono riavvicinato a questo mondo nel 2018...
Al tempo guardavo in un negozio di via Po a Torino le per me inarrivabili locomotive Fleischmann e Rivarossi e non so come giunta li dall'ermetica DDR una V 200 Gutzold come quella che ho comprato qualche mese fa, mi dovevo accontentare di una Lima e di una rustica Favero (oggi un reperto) ma ero felice lo stesso, oggi tutto è cambiato e mi sto documentando un po alla volta.

La Piko che ho comprato è la BR 52-2006 kondenstender, non reca n. di serie e nemmeno la scritta Piko come i vagoni e le carrozze Piko che ho, è come questa:

https://www.ebay.it/itm/spielejack-VIK2 ... 3767910849

anche qui e altre simili su Ebay non vedo marchio e n. di serie, forse sono cloni? in ogni caso è un bel modello perfetto nei particolari e nel movimento sono rimasto stupito dalla scarsa qualità dei materiali di motore e della trasmissione, certo non può avere vita lunga se utilizzata di frequente per la complessità del doppio cardano e dei molti componenti in plastica scadente, in ogni caso l'ho riparata e corre fluida anche se con qualche rumore per la ovalizzazione di alcuni ingranaggi crepati radialmente, vedo esistono kits di rimotorizzazione per varie marche forse sarebbe una soluzione, oppure metto nel tender enorme un carrello Lima con motore G almeno quello è rozzo ma va sempre.

Volevo acquistare una BR 01 Fleischmann ma ero dubbioso sulla qualità attuale, le tue parole mi hanno rassicurato, questa mi è ormai sfuggita ma ne troverò altre al limite la prendo nuova, io ho una filosofia per l'usato spendo il minimo ed eventualmente riparo tanto si rischia comunque, se voglio essere sicuro compro nuovo.

Essendo appassionato di meccanica vorrei collezionare un modello almeno di tutte le marche anche per curiosità di vedere le soluzioni adottate, mi piace molto ad esempio la meccanica di una Jouef BB 9288 Le Capitole anche se viene considerato dai "puristi" rozzo, solo il sistema di prelievo corrente è un po rognoso e si sporca facilmente, mi manca una vecchia Mheano e una Klehiban per esaminarle e provarle ma il bello di questa passione è che c'è sempre da scoprire.

grazie ancora dei chiarimenti

Danilo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Grosse locomotive a vapore tedesche d'epoca
MessaggioInviato: lunedì 2 dicembre 2019, 22:36 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 3996
Località: Sorbolo (PR)
I modelli Piko all'epoca della proprietà statale mi pare non avessero nessun marchio. Se cerchi in rete trovi foto dei modelli con le scatole originali e magari si leggono i codici degli articoli.
Nella DDR ci doveva essere tutto quello che era presenta al di là del muro, ma fatto con i loro metodi e a costi minimi. Però facevano anche modelli con doppia motorizzazione.
All'epoca Gutzold era un eccellente produttore.
Entrambi i produttori erano importati in Italia.
Sempre all'epoca, Mehano era anche terzista di Rivarossi e altri blasonati marchi, pure di oltreoceano.
Di Fleischmann in H0 ormai trovi solo modelli non recenti o rimanenze nei negozi, ufficialmente il marchio è rimasto solo per la scala N, la H0 è confluita in Roco: sono riunite in unica azienda di proprietà di banche. A memoria, sempre Fleischmann ho prodotto modelli in H0 fino a due anni fa.

La clonatura dei modelli è in atto da una decina di anni da parte dei cinesi, ma spesso con il beneplacito del produttore originale.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Grosse locomotive a vapore tedesche d'epoca
MessaggioInviato: lunedì 2 dicembre 2019, 22:43 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 3 marzo 2006, 12:22
Messaggi: 758
Località: Monza
La BR 52 che hai preso fa sicuramente parte della produzione Piko ex DDR. Ne avevo comprata una in Polonia nel 1990 e tanto era carina esteticamente, quanto disastrosa nei materiali utilizzati per realizzarla. Lo stesso dicasi per le altre vaporiere di produzione Piko dell'epoca. Gli stampi, comunque, erano talmente validi, che vengono utilizzati ancora oggi.
Saluti

Pier


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Grosse locomotive a vapore tedesche d'epoca
MessaggioInviato: martedì 3 dicembre 2019, 4:36 
Non connesso

Iscritto il: sabato 30 novembre 2019, 4:00
Messaggi: 7
Grazie a Marco e Pier,

finalmente comincio a capirci qualcosa, la mia BR 52 Piko probabilmente è anni 80 quindi ancora DDR e senza marchio perchè quella identica del link Ebay cui sopra è del 1983 ma non più motorizzata come i muli Piko anni 60-70, il venditore dichiara:
Numero del produttore: BR 5219-20
Anno di produzione: 1983 Serie: 52 2006
qui la vendono come Gutzold e dalla scatola si direbbe che questo era davvero il suo primo marchio:

https://www.ebay.it/itm/Schlepptenderlo ... 3325217779

la pensavo più recente visti motore e trasmissione "leggerini" in materiale scarso, sono rimasto deluso poichè mi aspettavo dentro l'enorme tender di trovare un motore da aspirapolvere con ingranaggi in bronzo come la Piko BR 80 del 1958 che già avevo della quale allego una foto senza la carrozzeria (all'interno questa reca il marchio Piko) e del tender BR 52 aperto dove si vede la motorizzazione chiedendo a Pier se nella sua è la stessa.
Le dritte di Marco mi sono state molto utili il periodo di produzione è davvero molto importante le stesse marche hanno cambiato tutto nel tempo ma sbagliando si impara...
A saperlo avrei preso questa Piko BR 50 anni 50-60 con il motore da mulo che piace a me e trasmissione ad ingranaggi in bronzo sulle ruote come la mia BR 80 1958, non sarà dettagliatissima e assorbe corrente come un aspirapolvere ma questa meccanicamente è altra cosa e va in eterno, al limite basta cambiare i carboncini pulire e lubrificare

https://www.ebay.it/itm/H0-Piko-ME-1801 ... 3742321320

Penso farò un'offerta, il prezzo è un po alto per un vecchiume ma così se va bene avrò da divertirmi nel tirarla a lustro :)

grazie a tutti per le info

Danilo


Allegati:
BR52_int.jpg
BR52_int.jpg [ 99.56 KiB | Osservato 780 volte ]
BR80_INT.jpg
BR80_INT.jpg [ 90.42 KiB | Osservato 780 volte ]
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Grosse locomotive a vapore tedesche d'epoca
MessaggioInviato: martedì 3 dicembre 2019, 10:09 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 3 marzo 2006, 12:22
Messaggi: 758
Località: Monza
Frejus ha scritto:
Grazie a Marco e Pier,
finalmente comincio a capirci qualcosa, la mia BR 52 Piko probabilmente è anni 80 quindi ancora DDR e senza marchio perchè quella identica del link Ebay cui sopra è del 1983 ma non più motorizzata come i muli Piko anni 60-70, il venditore dichiara:
Numero del produttore: BR 5219-20
Anno di produzione: 1983 Serie: 52 2006
qui la vendono come Gutzold e dalla scatola si direbbe che questo era davvero il suo primo marchio:

Ciao Danilo,
il concetto di "marchi" come lo intendiamo noi era insistente nei Paesi dell'Est. Mi spiego meglio. I modelli ferroviari erano venduti sostanzialmente sotto tre marchi: Piko, Gutzold, Sachsenmodelle. In realtà, se tu hai per le mani delle scatole originali dell'epoca puoi constatare facilmente come tutti i modelli venissero prodotti negli stessi stabilimenti, indipendentemente dal marchio che li commercializzava. Su ogni scatola, infatti, è riportato il nome e l'indirizzo dello stabilimento di produzione (il nome dello stabilimento è di solito del tipo: "Fabbrica di giocattoli - Stabilimento X"). Alla fine degli anni '80, i cataloghi Piko erano i più ricchi e comprendevano sia la Scala H0 che la Scala N. E come ti dicevo, a fronte di stampi davvero raffinati, purtroppo le plastiche utilizzate erano semplicemente pessime (problema comune in tutti i Paesi dell'Est dell'epoca, dove le tecnologie di fabbricazione delle plastiche erano molto indietro rispetto alle nostre).
Consiglio spassionato: per le produzioni ex DDR, compra solo carri e carrozze... lascia stare le locomotive!
Buona giornata

Pier


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Grosse locomotive a vapore tedesche d'epoca
MessaggioInviato: martedì 3 dicembre 2019, 11:21 
Non connesso

Iscritto il: domenica 3 gennaio 2010, 20:36
Messaggi: 8052
Località: la citta' della 3 t: torri, tortellini e ...
Personalmente se volessi acquistare modelli di loco a vapore DB di vecchia produzione, cercherei di andare su modelli dal funzionamento sicuro: Marklin Hamo, Trix, Fleischmann.
Ho visto loco a vapore Flesichmann venire estratte da una vetrinetta dove riposavano da oltre 20 anni e muoversi sui binari senza nessuna incertezza fin da subito…
Saluti
Stefano.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Grosse locomotive a vapore tedesche d'epoca
MessaggioInviato: martedì 3 dicembre 2019, 13:00 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 28 gennaio 2009, 18:12
Messaggi: 2217
Località: Più a est di Vienna
Sono d'accordo con Stefano, anche se i marchi ex DDR sono molto affascinanti (i loro prodotti un po' meno, perlomeno oggigiorno...). Facevano tutti capo al sistema delle VEB, fabbriche di proprietà dello stato che portavano avanti l'iniziativa dei progettisti e degli ideatori. Tra i marchi più noti c'erano Schicht, Prefo, Piko, Rokal, Zeuke (poi Berliner TT), Ehlcke, Gützold. Molti di essi furono al centro di acquisizioni e trasferimenti, come nel sistema capitalistico, ma su disposizioni dello stato invece che del mercato.
All'indomani della unificazione i complessi industriali finirono nel mirino dell'iniziativa privata, e i marchi continuarono a distribuirsi qui e lì: Ehlcke era già stata assimilata da Schicht, a sua volta riposizionata all'interno del complesso PREFO assieme ai marchi Permot e Hruska, roba poi confluita in parte nella Piko; Gustav Kiesewetter, che era nel gruppo con il suo vecchio marchio Stärz, fondò nel 1990 la Sachsenmodelle; la BTTB ex Zeuke si privatizzò e le sue ceneri furono raccolte da Tillig dopo la privatizzazione; Rokal fu responsabile, con la sua bancarotta, della chiusura di Röwa di cui era azionista di maggioranza; anche Gützold andò sul mercato da sola, e dopo aver cercato di proporre modelli di alta qualità dovette chiudere definitivamente nel 2014. È un riassunto frettoloso e superficiale, ma credo possa dare un'idea della tumultuosa vita dell'industria fermodellistica della DDR.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Grosse locomotive a vapore tedesche d'epoca
MessaggioInviato: mercoledì 4 dicembre 2019, 3:16 
Non connesso

Iscritto il: sabato 30 novembre 2019, 4:00
Messaggi: 7
Salve a tutti,

davvero un bel forum, considerazioni e opinioni dei molti appassionati competenti aiutano a capire come si è evoluto il settore per chi come me è stato lontano molti anni dal ferromodellismo, sono rimasto basito dalle conoscenze approfondite del ns. amico "più ad est di Vienna" riguardo la storia del ferromodellismo DDR prima e dopo la riunificazione!
Sono sempre stato affascinato dall'est un universo a parte della tecnologia industriale e non solo, la prima BR 130 Ludmilla la vidi alla stazione di Ternopil (Ukr) la si chiamano se non erro TE 109, costruite a Lugansk per molti paesi non solo dell'est circolano tuttora in Olanda, Norvegia e altrove oltre che assorbite dalla DR nella DB dopo la riunificazione, erano 2 che trainavano un merci di oltre 1 km impressionanti per mole, potenza e sound...
Tornando alle "piccoline" la Ludmilla dovevo proprio averla... cerca cerca ho trovato una Piko del 1977 BR 130 DR, ha pure scatola originale discreta con manuale descrittivo ed elenco dei centri assistenza anche in Germania ovest (nella foto)
Rispetto alla vaporiera BR 52 degli anni 80 è assai meglio di meccanica, telaio metallico, motore grosso, boccole serie e trasmissione ben fatta a ingranaggi su 6 ruote, questo modello 1977 meccanicamente sembra una via di mezzo tra i trattori Piko anni 50-60 (che comunque come collezionista adoro) e le sucessive Piko molto belle ma al risparmio nella sostenza...
Carrozzeria comunque ben definita, peccato i carrelli grigi anonimi si poteva far meglio, con un pennarello si potrebbe migliorare ma la voglio originale anche nei difetti.
Per le vaporiere ho seguito un po i consigli dell'amico della città delle 3 torri, Marklin seppur ottime sono un universo a parte, esiste mi pare qualche modello DC ma raro, Fleischmann è ottima ne ho già 2 ma non mi piace la trazione nel tender sulle vaporiere, solo i modelli datati mi pare non sono così.
Della Trix che non conoscevo ho visto una BR 01, ben fatta molto metallo robustissima, sono comunque esemplari datati con segni dell'uso e costicchiano forse quelle belle se le tengono strette, vedrò se esce qualche buona occasione anche se confesso i vecchi muli Piko anni 50-60 mi attirano molto, di quelle veramente grossa ho trovato solo la BR 50 trazione ad ingranaggi su 10 ruote e lo stesso motore enorme old Piko della mia BR 80, intanto con le Vs dritte mi oriento meglio poi si vedrà cosa offre la Baia

grazie ancora per i suggerimenti

buon vapore (e nafta) a tutti

Danilo


Allegati:
BR130_ pan.jpg
BR130_ pan.jpg [ 118.76 KiB | Osservato 529 volte ]
BR130_sc.jpg
BR130_sc.jpg [ 88.76 KiB | Osservato 529 volte ]
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Grosse locomotive a vapore tedesche d'epoca
MessaggioInviato: mercoledì 4 dicembre 2019, 7:44 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 3 marzo 2006, 12:22
Messaggi: 758
Località: Monza
Frejus ha scritto:
cerca cerca ho trovato una Piko del 1977 BR 130 DR, ha pure scatola originale discreta con manuale descrittivo ed elenco dei centri assistenza anche in Germania ovest (nella foto)
Rispetto alla vaporiera BR 52 degli anni 80 è assai meglio di meccanica, telaio metallico, motore grosso, boccole serie e trasmissione ben fatta a ingranaggi su 6 ruote, questo modello 1977 meccanicamente sembra una via di mezzo tra i trattori Piko anni 50-60 (che comunque come collezionista adoro) e le sucessive Piko molto belle ma al risparmio nella sostenza...

Ciao,

la BR 130 hanno continuato a farla così anche dopo. Io ne ho una versione del 1987 (circa) e, scatola a parte, che ha una grafica più moderna, per il resto è ancora fatta come la tua!
Buona giornata

Pier


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Grosse locomotive a vapore tedesche d'epoca
MessaggioInviato: mercoledì 4 dicembre 2019, 8:52 
Non connesso

Iscritto il: domenica 3 gennaio 2010, 20:36
Messaggi: 8052
Località: la citta' della 3 t: torri, tortellini e ...
Frejus ha scritto:
...
Della Trix che non conoscevo...


Trix e' un marchio storico tedesco, gia' da un po' d' anni di proprieta' di Marklin.
Ora come ora i modelli Trix non sono altro che dei Marklin in DC ( acquisendo Trix Marklin ha ampliato la propria offerta nel settore DC, dove prima era presente solamente con le versioni Hamo dei propri modelli ).
Attenzione ai modelli di Trix datati !!!
Il sistema storico di Trix era il cosiddetto Trix Express, in DC a 3 rotaie, ossia con motorizzazioni in DC, ma con presa di corrente da binari a 3 rotaie tipo Marklin ( rotaie esterne un polo, rotaia mediana altro polo ). A questo sistema Trix affianco' successivamente il sistema in DC a 2 rotaie.
Saluti
Stefano.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Grosse locomotive a vapore tedesche d'epoca
MessaggioInviato: mercoledì 4 dicembre 2019, 11:05 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 16 gennaio 2006, 11:08
Messaggi: 1841
Personalmente ho una vecchia 01 , una 17 e una 23 della vecchia produzione Roco made in Austria (scatole arancioni e blu) e vanno benissimo...magari prendetele in considerazione, le pagai tipo 80 Euro l'una sulla Baia..

I mei due cents di condivisione


Saluti


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Grosse locomotive a vapore tedesche d'epoca
MessaggioInviato: sabato 7 dicembre 2019, 2:49 
Non connesso

Iscritto il: sabato 30 novembre 2019, 4:00
Messaggi: 7
Non ho nessuna locomotiva Roco prima o poi mi riprometto sempre di comprarne una, quelle vecchie made in Austria mi sembrano davvero ben realizzate come suggerisce Saltobravo.
Giorni fa ho partecipato ad un'asta su ebay per una Roco BR 218 diesel DB un po malconcia, modello inflazionato (ne ho già una Lima) solo per avere una Roco originale Austria, naturalmente non ho vinto poichè all'ultimo secondo sono arrivati in 10 che usano i software che rilanciano... odio queste aste anche se a volte ho comprato bene ma ci vuole fortuna.
Restando alle vaporiere mammuth ho trovato una Trix express BR 01 in discrete condizioni sui 70 eu cs, si nota la stretta parentela con Marklin soprattutto per la robustezza, Marklin la conosco è un lontano ricordo fu il mio primo "trenino" a 4 anni... un ovale con la BR 80 classica e 2 vagoncini verdi stile prussiano regalo degli zii che lavoravono emigrati a Monaco di Baviera, ricordo bene i 3 fari e lo scintillio del pattini :) però è incompatibile con tutto e da più grande scambiai il Marklin con molto più materiale Lima e Favero almeno li ci mettevo di tutto.
Questa Trix l'avrei già presa se non avessi trovato una BR 50 Piko anni 50-60 quella gigante con motorone e trasmissione ad ingranaggi su 10 ruote alla quale per ulteriore trazione (non so cosa lefacevano tirare...) hanno aggiunto il tender motorizzato delle Piko sucessive che mi farebbe molto comodo per la mia BR 52 date le condizioni precarie della trasmissione nel suo, insomma con una ne farei 2... è asta se la prendo bene se no sarà per la Trix.

Riguardo a loco particolari sono molto affezionato ad una francesina (francesona direi...) la CC 7007 che nel 1955 raggiunse l'incredibile velocità di 331 km/h!! la Lima ne ha fatto un bel modello pur con i limiti della storica casa vicentina.
Il record danneggiò binari e linea aerea ma per il tempo era incredibile, è stato superato solo qualche anno fa da una moderna loco austriaca con altro armeggio ealtra tecnologia.
A quei tempi le nostre marroncione Breda e Ansaldo avevano problemi a superare i 100 km/h senza perdere carrelli o distruggere i binari... però sti francesi... il video forse lo conoscete è impressionante sembra un TGV portato indietro nel tempo

https://www.youtube.com/watch?v=FpLf4M5OXeQ

buon treno a tutti

Danilo


Allegati:
CC7140.jpg
CC7140.jpg [ 132.28 KiB | Osservato 226 volte ]


Ultima modifica di Frejus il sabato 7 dicembre 2019, 3:14, modificato 1 volta in totale.
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Grosse locomotive a vapore tedesche d'epoca
MessaggioInviato: sabato 7 dicembre 2019, 3:01 
Non connesso

Iscritto il: sabato 30 novembre 2019, 4:00
Messaggi: 7
Forse sbaglio a postare qui questo argomento ma chi ama i treni piccoli ama anche quelli grandi e questa poi era la casa delle vaporiere, mi ha colpito questo post che documenta l'ex deposito di Treviso oggi purtroppo demolito e il suo ai tempi importante snodo

viewtopic.php?f=20&t=64192

nel FVG e vicino Veneto sono molte le linee dismesse dalle FS dopo la nascita della rete autostradale e purtroppo lo snodo di Treviso non serviva più :(


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 18 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot], Maurizio il Vaporista, mirko76 e 18 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice