Duegieditrice.it
http://forum.duegieditrice.it/

#46, tra le pieghe di una carriera infinita.
http://forum.duegieditrice.it/viewtopic.php?f=22&t=61959
Pagina 1 di 71

Autore:  cico [ lunedì 9 aprile 2012, 10:29 ]
Oggetto del messaggio:  #46, tra le pieghe di una carriera infinita.

Persino Lucchinelli ha detto che Valentino si sta Biaggizzando (...solo lamentele...) il timore che ormai sia un pilota bollito è nell'aria, cosa ne pensate?

Autore:  ddt [ lunedì 9 aprile 2012, 11:29 ]
Oggetto del messaggio:  Re: E' bollito?

Penso di no, ma l'unica cosa che dovrebbe fare ora sarebbe sganciarsi prima possibile e trovare posto in un team con una giapponese "clienti" prima che sia troppo tardi, sia per lui sia per la Ducati. L'operazione è stata messa insieme in maniera artificiale, solo in forza dei soldi e non funziona.

Autore:  ramapao69 [ lunedì 9 aprile 2012, 13:08 ]
Oggetto del messaggio:  Re: E' bollito?

Sta di fatto che il matrimonio con la Ducati si sta rivelando una pietra tombale per il virtuoso 46....non si trova con la moto non riesce a guidarla come dovrebbe fare un campione come lui....possiamo parlare per ore e dire tutto e il contrario di tutto sui vari perché ma siamo ad un punto di non ritorno ormai ed è inutile pensare di modificare rivoluzionare o migliorare più di tanto la moto, secondo me è lui che ha qualcosa che non va...io penso che dopo il grosso incidente del Mugello la carriera di Vale sia stata tramortita seriamente, prima non si era mai infortunato seriamente e con grande fortuna non aveva conosciuto questo lato "oscuro"....e una cosa e' infortunarsi quando sei ad inizio carriera e hai ancora "fame" e voglia di dimostrare, altro è farlo dopo aver vinto 9 mondiali ed essere diventato una stella immortale.
Io lo vedrei bene in SBK per esempio ma lui non n'e parla quasi insistendo invece con le 4 ruote.....gli è passata la voglia di andare "oltre" e questo è un grosso problema per chi guida una Ducati nella MotoGp......a posteriori avrebbe fatto meglio a scegliere una Honda privata un paio d'anni fa,molto più gestibile.....

Autore:  el panza [ lunedì 9 aprile 2012, 14:52 ]
Oggetto del messaggio:  Re: E' bollito?

Dal 1996 al 2009 passano 14 anni carriera agonistica vissuta ai massimi livelli, con una esposizione mediatica senza precedenti nel settore, due sfide ciclopiche (contro la Honda e contro la Michelin) vinte, tutto questo ha un prezzo, alla fine il conto arriva, prenderne coscienza può essere molto duro ma è ineludibile.

Vale pensaci prima di sfiorare il ridicolo :wink:

Autore:  galimba [ lunedì 9 aprile 2012, 16:48 ]
Oggetto del messaggio:  Re: E' bollito?

C'è una cosa che non mi quadra.
Nel 2000 Valentino approda alla Honda nella massima serie e dopo una stagione di apprendistato
vince il suo primo titolo in sella all'ultima 500 della storia. Poi nel 2002 vince in sella alla nuova MotoGP, successo bissato l'anno seguente.
Poi nel 2003 passa sulla Yamaha M1 che non andava neanche a spingerla e come per magia centra altri due titoli consecutivi (che alla fine saranno quattro per non dire cinque in sette stagioni visto che nell'ultima ha vinto l'altro pilota del suo team).
Poi il passaggio ad nuovo team con il primo anno di apprendistato per capire la moto e per guidare i tecnici alla realizzazione di un mezzo fatto su misura per lui.
Per cui mi sarei aspettato che la nuova moto sia stata fatta come un abito su misura per lui,
ma a quanto pare non è così.
Com'è possibile, secondo voi?

Autore:  flaco [ lunedì 9 aprile 2012, 18:27 ]
Oggetto del messaggio:  Re: E' bollito?

Sono seriamente preoccupato, fino a ieri prendevo con una certa sufficienza le critiche assatanate dei detrattori, ma c'e' qualcosa che non gira, e qualcosa di serio. Non puo'aver smesso di saper guidare di colpo, va bene che l'incidente puo' aver lasciato strascichi, ma in fondo vinse in Malesia al ritorno e con la spalla malandata.
Credo che EP abbia detto cose sagge, come sempre, in piu' le nuove moto e sopratutto le nuove gomme sembra proprio non digerirle. E' tempo di decisioni drastiche, pur con dispiacere vero temo che il sogno di Valerossi vincente col Duca stia svanendo. Peccato

Autore:  Umberto [ lunedì 9 aprile 2012, 20:20 ]
Oggetto del messaggio:  Re: E' bollito?

Ricordo ancora gli ultimi sprazzi di carriera di Giacomo Agostini, con un patetico arrembaggio al mondo delle quattro ruote.
Purtroppo temo che le vostre perplessità siano ben fondate. A meno di rivoluzioni tecniche ed umane che oggi penso non siano possibili.
E' finito un ciclo? Solo chi è addentro al circus della Moto Gp può dirlo, osservando il pilota fuori e dentro le piste, conoscendo le vicissitudini attuali di Ducati.
Ci sono i fondi necessari per sviluppare la moto alla pari dei giapponesi?
C'è la voglia di rimettersi in gioco di Valentino?
Oltre il denaro, il mago di Tavullia ha ancora fame di risultati?
Io osservo tutto solo dallo schermo di una TV, alla fine conta la classifica al termine della gara.
Decimo. Lontano, lontanissimo, quasi rassegnato.

Autore:  casper [ martedì 10 aprile 2012, 8:31 ]
Oggetto del messaggio:  Re: E' bollito?

Quest'anno andrà ancora così, data la scadenza del contratto nel 2013. L'idea che mi sono fatto è che in Ducati fossero convinti di risolvere le magagne tecniche con un pilota fuori dal mazzo per bravura e carisma (un po' come nel rapporto Ferrari / Schumacher). Solo che le indicazioni di Vale non sono state recepite, o sono state del tutto disattese per mancanza di... fondi. Di sicuro vedo un pilota che non si fida del mezzo, e questo è il peggio che può capitare: toglie ogni voglia di rischio necessario e fame di vittoria. Del resto, se adesso, subito, il 46 passasse su una Honda o una Yamaha privata, e i ragazzo tornasse nei primi cinque, cosa succederebbe per Ducati? In questo momento è "comodo" assegnare le colpe al pilota, magari giocando sul fatto che Hayden fa meglio di lui... Ma la moto non va, è evidente, si avvia anche quest'anno a prendere distacchi da misurare con la sveglia...

Autore:  cico [ martedì 10 aprile 2012, 10:53 ]
Oggetto del messaggio:  Re: E' bollito?

casper ha scritto:
magari giocando sul fatto che Hayden fa meglio di lui...

anche Barbera, sia in prova sia a fine gara...

Autore:  lollex [ martedì 10 aprile 2012, 12:15 ]
Oggetto del messaggio:  Re: E' bollito?

ddt ha scritto:
Penso di no, ma l'unica cosa che dovrebbe fare ora sarebbe sganciarsi prima possibile e trovare posto in un team con una giapponese "clienti" prima che sia troppo tardi, sia per lui sia per la Ducati. L'operazione è stata messa insieme in maniera artificiale, solo in forza dei soldi e non funziona.

Premesso che, non seguendo la MotoGP e non sapendo neppure guidare la motocicletta :?, sono del tutto incompetente in materia, a naso mi trovo d'accordo con David. Il matrimonio Ducati-Rossi mi è sembrato fin dall'inizio di puro interesse.
E chiunque abbia praticato sport agonistico, anche a livello infimo, sa che quando manca la convinzione, non c'è talento che tenga.
Fermo, naturalmente, restando che il tempo passa anche per i fuoriclasse.

Autore:  casper [ martedì 10 aprile 2012, 13:25 ]
Oggetto del messaggio:  Re: E' bollito?

Non sono del tutto d'accordo su un matrimonio fatto solo per interesse.
Certo, i soldi contano, e forse, dico forse, la "dote" della sposa Ducati si è dimostrata inferiore alle aspettative.
Però sono convinto che, da parte di Rossi, ci fosse anche la volontà di provare l'ultima grande sfida di carriera: moto italiana portata al successo da un pilota italiano nel massimo campionato, dopo un cursus honorum assolutamente unico e già ben ricordato da Galimba qui sopra.
Non è andata così, e non credo proprio che quest'anno la musica cambierà.
Forse è già stata fatta la scelta strategica di dare spazio e credito ai piloti più giovani o meno "esigenti".
Di certo, in questo Lollex ha ragione, manca la convinzione, da parte di entrambi direi.

Autore:  Fofò [ martedì 10 aprile 2012, 14:09 ]
Oggetto del messaggio:  Re: E' bollito?

Nei vostri interventi manca un dato...
Ovvero, dal tono dei vostri interventi sembra emergerne uno di segno completamente opposto.
La Ducati non è l'ultima arrivata...
Avrebbe potuto anche lottare per il titolo con Capirossi se non ci fosse stato il botto a Barcellona.
E poi il titolo l'ha vinto.
Con Stoner.
E forse, dico forse, ci stiamo finalmente rendendo conto che è più fenomeno Stoner di Rossi.
E la cosa ci dispiace o meglio, ci (io per primo) spiace ammetterlo.
A me Stoner non piace.
La spiegazione nasce dal fatto che forse Rossi si è trovato in un momento di buco, tra una generazione di fenomeni (vedi gli Americani Rainey, Lawson e Schwantz e gli Australiani Gardner e Doohan) e la successiva, perché sicuramente Stoner e Lorenzo, fenomeni, lo sono, forse un po' meno Pedrosa.
Rossi nel suo momento migliore si è trovato a lottare con piloti non certo al top (Roberts...), con altri in fase calante, per mezzi ed anagrafe, ed altri ancora pompati al di sopra del loro effettivo talento.
Stoner nel suo anno iridato con la Ducati ha ridicolizzato Rossi e tutti abbiamo dato i meriti della cosa alla Ducati, ed ora?
Lorenzo, al suo debutto in Motogp, ha subito fatto risultato ed abbiamo dato tutto il merito a Rossi, per aver saputo sviluppare bene la moto, ed ora?
Se la Ducati è stata capace (lei, e non Stoner...) di vincere il titolo, oggi, con il pilota in attività più titolato, dovrebbe fare stragi, dare un giro a tutti...ma non è così.
E Lorenzo non dovrebbe neanche riuscire a distinguere la ruota anteriore dalla posteriore...ma non è stato mai così, anzi lo Spagnolo è stato sempre più svelto nel trovare le soluzioni di set up ideali per la sua moto.
Siamo stati ciechi, non abbiamo voluto vedere i segnali.
Speriamo comunque in una stagione decorosa, in fondo siamo alla prima gara.

Autore:  bimario [ martedì 10 aprile 2012, 14:15 ]
Oggetto del messaggio:  Re: E' bollito?

Premetto che non faccio testo perchè Ducatista convinto (dopotutto ho avuto due Scrambler, ah! che bella gioventù :roll: ) e scarsamente abbagliato da Rossi, con ciò non voglio dire ch'è uno scarso, altroche, però credo anch'io che la cosa è nata sbagliata per entrambi. Il grande e grosso rischio che correvano lo sapevano benissimo e sapevano altrettanto benissimo che in caso di insuccesso (moooolto prevedibile, di Stoner c'è n'è uno) sarebbe stata una gara al rimpallo delle responsabilità.
Detto ciò io insisto nella mia campagna personale, inascoltata da moltissimi, nel dire che analizzando la situazione 2010, se non ci fosse stato questo sciagurato matrimonio, il Tavulliano avrebbe solo scoperto le bellezze della sua terra perchè restava a spasso e non avrebbe trovato chi gli dava la moto. Non Honda per i noti trascorsi, non Yamaha per la situazione del 2010, non altri per la vagonata di soldi necessari per dotare di adeguata sella il reale fondoschiena.
Troppo facile dire che Ducati (costruttrice di moto, e che moto se permettete) non ascolta il Pilota, chi dice che lo stesso sappia sempre cosa dire?, mi risulta essere anche molto condizionato dai "suoi" tecnici. Se ne sanno così tanto, acquistino il necessario e mettano assieme loro una moto adatta.
Spero solo che il sodalizio si concluda al più presto, anche se non è interesse di Va..lentino lasciare, ma molto meglio fare sparate, come ha fatto, a caso e farsi cacciare, così il budget d'incasso resta inalterato, anzi forse raddoppia per la penale.

Autore:  Fofò [ martedì 10 aprile 2012, 14:42 ]
Oggetto del messaggio:  Re: E' bollito?

Beh, sul discorso Honda non ci metterei la mano sul fuoco, Rossi è una macchina mediatica, mi ricordo ancora con stupore il sollievo con cui i responsabili Honda accolsero il passaggio di Valentino alla Ducati.
La spiegazione del sollievo era, è, semplice ed anche banale.
Ducati non è un marchio generalista, non è quindi un competitor di Honda sui mercati mondiali, Ducati produce moto sportive, l'immagine di Rossi serve soprattutto a vendere scooter e moto leggere.
Perché altrimenti, secondo voi, si corre in certi paesi? :wink:
La motogp è semplicemente una vetrina per il marchio, come la formula1 per le auto, che attrae un pubblico generalista, al contrario della Superbike che promuove maggiormente il prodotto sportivo ed è rivolta agli appassionati.
E' evidente, dunque, chi, tra Rossi e Ducati, ci ha guadagnato nell'affare, e su questo bimario ha perfettamente ragione...

Autore:  paolotron [ martedì 10 aprile 2012, 15:08 ]
Oggetto del messaggio:  Re: E' bollito?

Fuoriuscendo un po' dall'ambito "è bollito" "non è bollito" ... voi che ve ne intendete di moto...
cioè a dire... di estetica e di comportamento (come Lorenzo non ci capisco una efferata bega!)...
ma non vi sembra, oh voi esperti di pieghe, che la Ducati sia ...grossa/tozza ? ...
Non prendetemi per il c*lo ... per favore ... ma vedendo le nuove moto lì nel Qatarro... mi sembrava
palese la maggior maneggevolezza e minori dimensioni delle Yamahas e delle Hondas... oppure sono io che
sono totalmente scemo?

Pagina 1 di 71 Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicol (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice