Oggi è domenica 18 agosto 2019, 19:21

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 39 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Per la TAV ci vuole lo PSICHIATRA
MessaggioInviato: sabato 11 maggio 2019, 19:23 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 6 novembre 2013, 21:57
Messaggi: 264
Mille grazie a Omnibus per i dati messi a disposizione, veramente utili e interessanti.
Ora mi farò quattro calcoli per poi arrivare ad alcune conlusioni.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Per la TAV ci vuole lo PSICHIATRA
MessaggioInviato: sabato 25 maggio 2019, 23:40 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 29 ottobre 2014, 16:39
Messaggi: 20
verbano60 ha scritto:
TENDA PASS ha scritto:
Il traforo autostradale è stato raddoppiato da pochi anni… evidentemente l'analisi costi-benefici per quello non l'hanno fatta….

ovviamente non so se l'hanno fatta, ma ormai visto che il raddoppio del traforo autostradale è quasi terminato, è giusto tenerne conto; sotto il Fréjus mi sembra che tunnel autostradale doppio e tunnel ferroviario esistente possano anche bastare, trattandosi di un itinerario in cui i traffico è in declino da decenni

Il problema che lì la merce passa su gomma e meno su rotaia al contrario della svizzera.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Per la TAV ci vuole lo PSICHIATRA
MessaggioInviato: sabato 25 maggio 2019, 23:48 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 29 ottobre 2014, 16:39
Messaggi: 20
ROBINTRENO ha scritto:
Ma quella non è una linea definita AV-AC...

Anche questo è vero. Comunque io sulla tratta italia-francia avrei messo dei pendolini, come ci sono già tra l' italia e la svizzera francese, alla fine un TGV sulla tratta del frejus non è sfruttato al 100%. Se sncf e trenitalia facevano una join-venture, si acquistavano i treni (pendolino) a quest ora avevamo un collegamento efficiente.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Per la TAV ci vuole lo PSICHIATRA
MessaggioInviato: domenica 28 luglio 2019, 20:30 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 3 settembre 2012, 23:39
Messaggi: 90
Intanto,
Il sottoscritto e famiglia atre persone, di ritorno da Parigi in treno (andata con il THELLO) ...a causa della frana prima di Modane in territorio francese...siamo stati costretti a scendere dal TGV a Chambery...da li in pulmann GT fino a Bardonecchia ..e da Bardonecchia a Milano riprendre il TGV “intrappolato” in Italia...( pulmann e 1a classe oppure dove volevamo sederci messi gentilmente a disposizione delle SNCF)...
quella ormai è una linea no vecchia..stravecchia, e nonostante rimodernata sia la linea che i vari sistemi di sicurezza.,rimane una linea concepita e costruita nell’800....quando la domanda ,ma soprattutto l’esigenza della odierna clientela ferroviaria è totalmente cambiata...
P.s..i vari TGV , ai nostri FRECCIA o Italo non gli allacciano manco mezza scarpa..e comunuqe un plauso al “customer care” delle SNCF...con un a penna, un timbro e un banchetto, i due
ragazzi addetti all’assistenza ci hanno messo a disposizione due opzioni..l’altra era passare da Ginevra..
Ciao


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Per la TAV ci vuole lo PSICHIATRA
MessaggioInviato: lunedì 29 luglio 2019, 15:47 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 3 settembre 2012, 23:39
Messaggi: 90
E poi,
Una precisazione...il tunnel del Frejus è ancora ad una galleria ( lo so appunto, perchè ...ahimè sono stato costretto a passarci poco tempo fa :( )...l’altro “ buco” è terminato...ma manca ancora il resto....(asfalto, illuminazione ecc. ecc.)

Marco


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Per la TAV ci vuole lo PSICHIATRA
MessaggioInviato: lunedì 29 luglio 2019, 22:02 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 3913
Località: Sorbolo (PR)
Scusa quale altro buco al Frejus?
La galleria ferroviaria storica è da sempre a due binari.
Se non hanno finito i lavori, è attivo un solo binario.

Di quello stardale, qui si evita di parlarne: è concorrenza ... sleale!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Per la TAV ci vuole lo PSICHIATRA
MessaggioInviato: lunedì 29 luglio 2019, 23:23 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 3 settembre 2012, 23:39
Messaggi: 90
Ovviamente mi riferisco a quello stradale dove appunto sono stato costretto a passarci poichè la linea ferroviaria era interrotta prima di Modane...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Per la TAV ci vuole lo PSICHIATRA
MessaggioInviato: martedì 30 luglio 2019, 11:47 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 29 ottobre 2014, 16:39
Messaggi: 20
Spoletonorcia ha scritto:
P.s..i vari TGV , ai nostri FRECCIA o Italo non gli allacciano manco mezza scarpa..e comunuqe un plauso al “customer care” delle SNCF...con un a penna, un timbro e
Ciao

Io ho preso il tgv da Parigi a Lilla e l ho trovato comodo, quello del record di 515kmh per intenderci, (aveva anche la regolazione elettronica sui sedili) mentre non mi è piaciuto quello del ritorno a due piani.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Per la TAV ci vuole lo PSICHIATRA
MessaggioInviato: martedì 30 luglio 2019, 11:49 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 29 ottobre 2014, 16:39
Messaggi: 20
Spoletonorcia ha scritto:
Intanto,

ragazzi addetti all’assistenza ci hanno messo a disposizione due opzioni..l’altra era passare da Ginevra..
Ciao

Se passavi da Ginevra potevi prendere un Eurocity pendolino che va a Milano (uno dei miei preferiti) .


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 39 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice