Oggi è martedì 24 settembre 2019, 11:06

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: La stazione
MessaggioInviato: lunedì 10 giugno 2019, 15:45 
Non connesso

Iscritto il: sabato 4 luglio 2009, 22:25
Messaggi: 3393
Località: Brescia
La stazione

Nascosto nel nostro subconscio c'è una visione idilliaca: ci vediamo in un lungo viaggio a bordo di un treno passeggeri, e guardando il paesaggio dai finestrini notiamo:
il transito di auto sulle strade vicine, dei bambini festosi che salutano con le manine, del bestiame al pascolo su una collina lontana, il fumo che sgorga da una ciminiera, filari di piante, campi di grano, pianure e valli, montagne e colline ondulate.

Ma in cima ai nostri pensieri c'è la destinazione finale.

Con quanta irrequietezza percorriamo gli scompartimenti aspettando, aspettando, aspettando la stazione e ci auspichiamo una serie di quando.

Quando la raggiungerò sarà fatta!
Quando avrò diciotto anni!
Quando mi comprerò una Mercedes!
Quando l’ultimo figlio avrà terminato l’Università!
“Quando avrò finito di pagare il mutuo!” 
Quando avrò la promozione! 
Quando raggiungerò l’età della pensione, vivrò felice e contento!

Tuttavia, prima o poi, dobbiamo renderci conto che non esiste una stazione, nessun luogo per arrivare subito e per sempre.
La vera gioia della vita è il viaggio. La stazione è soltanto un sogno che ci distanzia sempre. 

Assaporiamo dunque l’attimo fuggente.
Non sono i fardelli quotidiani a fare impazzire gli uomini. 
Sono i rimpianti di ieri e le paure di domani. 
Rimpianti e paure sono ladri che ci derubano dell’oggi. 

Allora smettiamo di percorrere i corridoi e di contare i chilometri. 
Invece scaliamo più montagne, nuotiamo in più fiumi, ammiriamo più tramonti e cieli stellati.
Ridiamo di più, piangiamo di meno. 

La vita deve essere vissuta a mano a mano che si procede. 
La stazione arriverà fin troppo presto.

I treni che cambiano la vita esistono, ma non si aspettano.
Si guidano!

Robert J. Hastings


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La stazione
MessaggioInviato: lunedì 10 giugno 2019, 20:06 
Non connesso

Iscritto il: martedì 28 marzo 2006, 17:03
Messaggi: 12954
Località: Dove i treni sono a vapore e gli scambi a mano
La vita è fatta di infiniti viaggi ed ognuno ha una sua stazione di partenza e una di arrivo.
E nelle stazioni c'è sempre qualcuno.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La stazione
MessaggioInviato: martedì 11 giugno 2019, 4:58 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 5 settembre 2016, 13:17
Messaggi: 489
Sono d'accordo con Hastings sul fatto che il viaggio assume un'importanza in quanto tale, e che vada vissuto e goduto pienamente nella sua interezza. Ma è proprio l'insoddisfazione tipica dell'Uomo e la sua sete di conoscenza e di conquista di nuove stazioni, che lo spinge ad affrontare nuovi viaggi. Ringrazio crosshead per aver condiviso questa pagina; puo' farci riflettere che, tutto sommato, la chiodatura errata del sottocassa del rotabile di turno non è poi cosi' angosciante.. :) saluti a tutti Roberto


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice