Oggi è mercoledì 8 aprile 2020, 3:19

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 35 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: DERAGLIA FRECCIAROSSA SU AV MILANO BOLOGNA
MessaggioInviato: giovedì 13 febbraio 2020, 7:22 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 2 marzo 2006, 19:02
Messaggi: 811
Vorrei sapere negli ACC a che serve la funzione di simulazione...dato che ne è vietato l'utilizzo ?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: DERAGLIA FRECCIAROSSA SU AV MILANO BOLOGNA
MessaggioInviato: giovedì 13 febbraio 2020, 10:31 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 3:48
Messaggi: 1083
Località: 'Lisondria...
ste.klausen21 ha scritto:
A parte le ultime due righe, mi pare che, con altre parole, dica ciò che avevo scritto io …

In queste inchieste, però, c' è sempre il problema, come dice Marco, di sapere di cosa si stà parlando.
Quando qualcuno si avvicina ad una situazione, si trova ad esaminare decine di aspetti, che sembrano avere tutti la stessa importanza.
Capiamo tutti che se lo scambio era deviato o se gli operai non avevano la divisa perfetta sono due aspetti di importanza estremamente differente : decisivo il primo, ininfluente il secondo.
Capire se la presenza di vagoni sul binario adiacente sia stato un problema, invece, mette già alla prova alcuni.
E', infatti, questo, un errore; ed errori come questo fanno saltare fuori cose assurde :
- a Bolognina il DM non aveva avvisato il treno della presenza del segnale rosso
- a Viareggio la colpa era del picchetto
- a Livraga c' erano carri parcheggiati su binari attigui

Tutte queste ipotesi si basano sull' assunto che il treno, fatalmente, deraglierà, quindi occorre premunirsi con contromisure che mitighino l' effetto di un deragliamento.
Come dire :
- una casa crollerà sicuramente, quindi obblighiamo a costruire solo case basse per salvarsi durante il crollo
- un processo condannerà un innocente, quindi riduciamo gli effetti del processo per ridurre il danno alla vittima dell' ingiustizia

Idee errate di sana pianta per questi motivi :
- è molto più facile ed efficace minimizzare i rischi di deragliamento (o di crollo case o di ingiustizia) che minimizzare i rischi di un treno che vaga fuori dai binari (o di una casa che crolla, o di una sentenza errata). Meglio tenere chiusa la stalla, che rincorrere tutti i buoi una volta scappati
- in ferrovia vedo che, ad inventarsi sistemi di sicurezza durante una inchiesta, si finisce sempre per ripercorrere le idee che hanno costituito la base dell' evoluzione del segnalamento da 150 anni a questa parte, quindi ricominciando da capo con sistemi che non hanno risparmiato incidenti e morti

D' altra parte, ogni giudice non confronta l' accaduto con tutti gli articoli di legge, ma seleziona a priori quelli che sono attinenti. Se non facesse questo, il processo, già lungo di suo, durerebbe ancora di più.
Ugualmente, se il giudice prende ad esaminare tutti i dettagli (carri fermi, edificio lontano da via di fuga, robustezza convoglio all' impatto, …) rischia di annacquare la reale causa in una serie di ipotesi, togliendole o riducendone l' importanza che ha.

Tutto ciò, sempre, a mio modesto avviso.


Stefano Minghetti


Un'analisi tecnica da psicologia sulla sicurezza del lavoro. :wink:
Ti occupi mica di ISO45000?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: DERAGLIA FRECCIAROSSA SU AV MILANO BOLOGNA
MessaggioInviato: giovedì 13 febbraio 2020, 20:29 
Non connesso

Iscritto il: domenica 14 marzo 2010, 21:37
Messaggi: 1479
Località: Faenza
Quadrilateroalto ha scritto:
Vorrei sapere negli ACC a che serve la funzione di simulazione...dato che ne è vietato l'utilizzo ?

In attesa di risposta da chi lo sa', ritengo che serva per diagnosi dopo l' installazione e validazione in vista dell' installazione.

Giacomo ha scritto:
Un'analisi tecnica da psicologia sulla sicurezza del lavoro. :wink:
Ti occupi mica di ISO45000?

No, mi occupo di psicologia di circuiti elettronici ..
Consiste nel persuaderli con le buone a funzionare.
Ho anche provato con le cattive, ma sassare la scheda nel muro, non risolve.

Tornando serio, grazie per l' apprezzamento.
Nei progetti si deve fare l' analisi dei rischi.
Questo insegna ad osservare le situazioni con pragmatismo.


Stefano Minghetti


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: DERAGLIA FRECCIAROSSA SU AV MILANO BOLOGNA
MessaggioInviato: martedì 18 febbraio 2020, 12:30 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 3:48
Messaggi: 1083
Località: 'Lisondria...
ste.klausen21 ha scritto:

Giacomo ha scritto:
Un'analisi tecnica da psicologia sulla sicurezza del lavoro. :wink:
Ti occupi mica di ISO45000?

No, mi occupo di psicologia di circuiti elettronici ..
Consiste nel persuaderli con le buone a funzionare.
Ho anche provato con le cattive, ma sassare la scheda nel muro, non risolve.

Tornando serio...


Stefano Minghetti


Ma io ero serio. :wink: Quel tipo di analisi si usa (purtroppo non in Italia perchè indietrissimo culturalmente rispetto l'Europa...) anche nel campo della sicurezza del lavoro, sia per le valutazioni preventive e sia, purtroppo, per l'analisi di incidenti.. :wink:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: DERAGLIA FRECCIAROSSA SU AV MILANO BOLOGNA
MessaggioInviato: lunedì 24 febbraio 2020, 21:42 
Non connesso

Iscritto il: domenica 14 marzo 2010, 21:37
Messaggi: 1479
Località: Faenza
Qualche volta ho visto un approccio anche psicologico su La tecnica Professionale, per cercare di eliminare le cause di comportamenti errati.
Oltre ai casi di negligenza "cattiva", ci sono anche casi di negligenza portata da una serie di circostanze.

Non so nel caso in oggetto come siano distribuite le cause della svista (scambio dritto vs scambio deviato).

Ho letto che l' incidente probatorio ha mostrato che i cablaggi della cassa di manovra erano invertiti : dritto con deviato.


Stefano Minghetti


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 35 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 27 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice