Oggi è domenica 21 luglio 2019, 17:10

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 37 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Olimpiadi 2026 Torna il treno a Cortina?
MessaggioInviato: venerdì 28 giugno 2019, 17:42 
Non connesso

Iscritto il: sabato 14 gennaio 2006, 9:21
Messaggi: 1268
Località: Città dell' autodromo
Marco,
sono consapevole delle enormi difficoltà che hai elencato, vivo ogni giorno con la burocrazia, ministeri e quant'altro.

E' vero, per la ferrovia di Cortina, paradossalmente c'è una montagna da superare, certamente molto più alta e solida di quella naturale.

Quello che voglio dire è che a questo punto, se tutti i cambiamenti, quelli più tortuosi ed ardui si danno per impossibili, nulla potrà mai cambiare.

Non si può vivere solo nella rassegnazione, i grandi cambiamenti, anche quelli epocali, nel bene e purtroppo anche nel male, spesso sono partiti inizialmente da uno o pochi individui.

Sono perfettamente d'accordo con te che questo lassismo non sia un problema solo Italiano, anzi.....

Passiamo sempre per quelli delle irregolarità, poi vai a guardare, tanto per citare un caso, lo scandalo Dieselgate è arrivato dal paese che si proponeva di essere il buon esempio.

Ritornando al tema della nostra discussione, pensiamo a quali vantaggi porterebbe il ritorno del treno a Cortina per le Olimpiadi 2026.

Pensiamo alla mole di traffico che si riverserà sulle strade e autostrade.

Inoltre per le località turistiche anche dopo le Olimpiadi, avere una ferrovia sarebbe un grande vantaggio.

L'Italia in questo senso, non ha la mentalità della vicina Svizzera, ma non siamo poi così ottusi come si vuol fare credere.

Dopotutto anche da noi esistono realtà come ad esempio la Genova Casella, mantenuta in vita con amore.

Cambia la politica, cambiano gli uomini, cambiano le generazioni e nel bene o nel male cambiano gli orientamenti in ogni parte del globo.

La rassegnazione è un sentimento che non produce cambiamenti.

Bisogna almeno provare.

Naturalmente, questo è solo il mio pensiero


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Olimpiadi 2026 Torna il treno a Cortina?
MessaggioInviato: venerdì 28 giugno 2019, 19:36 
Non connesso

Iscritto il: domenica 14 marzo 2010, 21:37
Messaggi: 1373
Località: Faenza
Però, io noto che :
- la Bologna - Verona, è stata raddoppiata efficacemente, da quando ne è nata la volontà
- la circonvallazione di Mestre (autostrada) è stata fatta velocemente quando la si è voluta fare
- l' Alta Velocità italiana la si è fatta quando è venuta la volontà di farla
- la variante di valico (Bologna - Firenze) la si è fatta, non velocissimamente, ma la si è fatta quando se ne è avuta la volontà

Sono tutti esempi che sono, in qualche modo, favorevoli alle tesi di Giovanni q.
Prima pareva che ci fossero difficoltà tecniche e logistiche insormontabili.
Non che difficoltà non ce ne fossero (1), ma quando lo si è voluto fare, lo si è fatto.

Senza, poi, tacere, dell' unto per tutti i mali, ovvero la Merano Malles.


Certo, sono opere che costano anche dopo che il magna-magna della costruzione è terminato.
Ma con politici un po' lungimiranti, le cose si fanno.

Come andrà con la ferrovia per Cortina ?
Ve lo dirò sicurmente, ma frà 7 anni.


Stefano Minghetti


(1) : ovviamente di difficoltà ce ne sono state : su un numero di Ingegneria Ferroviaria lessi dello stupore di un ingegnere che aveva partecipato alla costruzione di una direttissima di decine di anni prima, nel vedere la quantità di materiali approvvigionata, e la velocità di posa in opera.

p.s. per Giovanni q : autorevole io ? Certamente mi hai scambiato per un altro


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Olimpiadi 2026 Torna il treno a Cortina?
MessaggioInviato: venerdì 28 giugno 2019, 21:55 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 3892
Località: Sorbolo (PR)
ste.klausen21 ha scritto:
...
Senza, poi, tacere, dell' unto per tutti i mali, ovvero la Merano Malles.
...


Si, ma come esempio non vale, lì culturalmente e geograficamente siamo in Tirolo: non in Europa o peggio in Italia.
E vale anche per la varinate della Val di Riga.

Le AV di fatto, le costruiscono perchè la linea precedente è satura, e chè da guadagnare: e si vede. Non per spirito ecologico o passionale.

Come ho scritto più volte, io metterei anche il treno tra letto e bagno: 1,5 o 3 metri in funzione di quale scelgo. Ma poi sono anche realista.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Olimpiadi 2026 Torna il treno a Cortina?
MessaggioInviato: venerdì 28 giugno 2019, 21:58 
Non connesso

Iscritto il: sabato 14 gennaio 2006, 9:21
Messaggi: 1268
Località: Città dell' autodromo
ste.klausen21 ha scritto:

p.s. per Giovanni q : autorevole io ? Certamente mi hai scambiato per un altro


Stefano, oltre a leggere ogni tanto i tuoi interventi, ho seguito con particolare interesse Klausen1921 su TTM, inoltre, anche se non ho partecipato alla discussione, è stata molto interessante la pubblicazione delle tue foto da webcam.
Mi pare anche che la tua esperienza in elettronica non sia cosa da poco.
La modestia è dei grandi


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Olimpiadi 2026 Torna il treno a Cortina?
MessaggioInviato: domenica 30 giugno 2019, 21:30 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 luglio 2016, 15:44
Messaggi: 125
ste.klausen21 ha scritto:
Però, io noto che :
- la Bologna - Verona, è stata raddoppiata efficacemente, da quando ne è nata la volontà
- la circonvallazione di Mestre (autostrada) è stata fatta velocemente quando la si è voluta fare
- l' Alta Velocità italiana la si è fatta quando è venuta la volontà di farla
- la variante di valico (Bologna - Firenze) la si è fatta, non velocissimamente, ma la si è fatta quando se ne è avuta la volontà

Sono tutti esempi che sono, in qualche modo, favorevoli alle tesi di Giovanni q.
Prima pareva che ci fossero difficoltà tecniche e logistiche insormontabili.
Non che difficoltà non ce ne fossero (1), ma quando lo si è voluto fare, lo si è fatto.

Senza, poi, tacere, dell' unto per tutti i mali, ovvero la Merano Malles.


Certo, sono opere che costano anche dopo che il magna-magna della costruzione è terminato.
Ma con politici un po' lungimiranti, le cose si fanno.

Come andrà con la ferrovia per Cortina ?
Ve lo dirò sicurmente, ma frà 7 anni.


Stefano Minghetti


(1) : ovviamente di difficoltà ce ne sono state : su un numero di Ingegneria Ferroviaria lessi dello stupore di un ingegnere che aveva partecipato alla costruzione di una direttissima di decine di anni prima, nel vedere la quantità di materiali approvvigionata, e la velocità di posa in opera.

p.s. per Giovanni q : autorevole io ? Certamente mi hai scambiato per un altro


Le opere soprascritte sono state fatte in italia con la "forza" della disperazione, nate cioe' proprio perche' non se ne poteva proprio fare a meno. Ricordo:
La Bologna-Verona, completata dopo l'inaccettabile condizione della linea a binario unico e il tragico incidente della Bolognina.
le linee ad alta velocita': per fare in modo che il sistema treno potesse ancora sopravvivere nel panorama italiano con la concorrenza auto/aereo
variante di valico/tangenziale di venezia: indispensabile per fare in modo che tutti i giorni non si formassero le solite code/imbuti.
Alla luce di queste considerazioni, non credo che almeno in italia la ferrovia delle dolomiti venga presa in considerazione come opera prioritaria e da fare "a tutti i costi". L'unica speranza potrebbe venire (forse) dall'alto adige che puo' prendere in considerazione un collegamento Dobbiaco-Cortina e offrire un valido prolungamento sulla pusteria. Staremo a vedere.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Olimpiadi 2026 Torna il treno a Cortina?
MessaggioInviato: martedì 2 luglio 2019, 19:22 
Connesso

Iscritto il: giovedì 21 giugno 2012, 14:23
Messaggi: 3393
Località: Massa Finalese (MO)
Se Cortina e Calalzo fossero in Sudtirolo, la linea ci sarebbe già: è in Veneto, quindi si va avanti a chiacchiere.
Il lato da Dobbiaco non ha senso economico: collegherebbe località turisticamente concorrenti (vabbè che Cortina è Cortina, ma...) e ha utilità nulla in quanto a Tpl, tra i due estremi c'è il nulla. Discorso diverso dall'altro lato. É purtroppo vero che i soldi sono quelli e ci sono anche altre priorità. Ma quello che manca è l'interesse: agli stakeholder principali importa ben poco dei poveracci che non hanno almeno almeno un Q5... e a quelli col Q5 o col Cayenne frega un cavolo se c'è il treno e, più di ogni altra cosa, meno "poveri" vedono e meglio stanno, specie quando sono in vacanza. Discorso brutto, ma questo è.
Potrei essere entusiasta e proporre un prodotto innovativo come i modelli in h0 dei treni del Kirghizistan, ma li venderei?

La Bologna-Verona, unico tratto dell'asse Berlino-Roma a binario unico ci hanno messo 110 anni a raddoppiarla a tappe e l'hanno comunque lasciata azzoppata per altri 10 (una sezione di blocco unica di 25 km con bca e limitazione a 150 km/h), bacc attivato quest'anno.
Non mi pare l'esempio migliore...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Olimpiadi 2026 Torna il treno a Cortina?
MessaggioInviato: giovedì 11 luglio 2019, 14:55 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 7 dicembre 2007, 19:06
Messaggi: 1607
Località: TS, nel mitico nord-est :-)
Io, spero di no'.
Ma havete un idea dei "skei" che costa fare una ferrovia in mezzo alle montagne?? E dove gli pigliano sti soldi: dalle tasche nostre.......... :cry: già basta il tram di opcina, pure questa mo'................


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 37 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice