Oggi è venerdì 23 ottobre 2020, 11:27

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 138 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 5, 6, 7, 8, 9, 10  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Cabine scambi anni '60 e '70
MessaggioInviato: mercoledì 21 marzo 2018, 6:41 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 10 gennaio 2014, 7:20
Messaggi: 857
Ciao, c'è sempre da imparare: non mi è mai capitato di vedere una coppia di deviatoi con comando e controllo misti. C'è un' altra perplessità: dal Q.L. si vede che c'è un segnale inerente il binario 2 lato Chiasso per cui mi sembra strano che non ci sia stata possibilità di arrivo su quel binario lato Albate.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cabine scambi anni '60 e '70
MessaggioInviato: mercoledì 21 marzo 2018, 7:13 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 7:15
Messaggi: 296
Ciao,
si per il QL della foto hai ragione e anche guardando verso Albate sembra che il bin.3 abbia il segnale, pero' dalle informazioni che ho raccolto io negli anni '60-70 era come ho impostato io.
Ovviamente sono sempre pronto ad essere smentito e purtroppo nonostante siano anni che cerco documentazione e raccolgo info so che i "buchi" sono tanti.

Per esempio il bin.2 in un periodo antececente e' stato il binario di corsa verso Albate, nel QL della foto sembra essere un binario di raddoppio per entrambe le direzioni, poi il bin.2 e' diventato solo raddoppio per Albate e il bin.1 e' diventato quello di corsa. Anche queste modifiche non sono mai riuscito a datarle esattamente e purtroppo quando ho progettato il layout e posato i binari ho erroneamente impostato il bin.2 di corsa e l'1 di raddoppio.
Per i fabbricati e' andata meglio, ho raccolto info anche tramite l'associazione "Como in treno". Poi Fondazione FS ha pubblicato tutti i fabbricati ma ormai la stazione era costruita stimando da foto e aerofoto (130m di FV sono comunque 150cm in H0 che ho ovviamente dovuto comprimere).
Non aiuta poi trovare foto dichiarate fine anni '50 o '60 dove nell'angolo in alto vedi una sospensione TE anni '70 !

Lamps


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cabine scambi anni '60 e '70
MessaggioInviato: mercoledì 21 marzo 2018, 23:06 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 10 gennaio 2014, 7:20
Messaggi: 857
Ciao, sempre per continuare nel capire le cose, dal QL il segnale che indichi come bin. 3 per me è quello di partenza del bin. 2 posto a destra sul marciapiede, è la funzione del segnale lato Chiasso che mi sfugge: se non potevano essere accolti treni sul 2 che significato ha quel segnale?
Il QL mi sembra il classico ACE con c.d.b. sempre accesi che si spengono con l'occupazione.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cabine scambi anni '60 e '70
MessaggioInviato: giovedì 22 marzo 2018, 6:59 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 7:15
Messaggi: 296
Ciao,
scusa, non mi sono spiegato bene.

In base alle info raccolte, penso che l'organizzazione dei binari 1-2-3 abbia avuto almeno le seguenti fasi:
- fase 0, fino al 1876, la metto solo per la curiosita': i binari non arrivavano a Como ma si fermavano a Camerlata perche' gli Austriaci non volevano che Milano avesse comunicazioni rapide verso nord senza passare dall'Austria. Da Camerlata in poi si procedeva con la Diligenza a cavalli del Gottardo.
- fase 1, antecedente al QL della foto, diciamo primi '900: bin.1 raddoppio verso Milano, bin.2 corsa verso Milano, bin.3 corsa verso Chiasso. Marciapiedi fra i binari 1-2 e 2-3.
- fase 2, quella del QL nella foto: bin.1 corsa verso Milano, bin.2 raddoppio ambo i sensi, bin.3 corsa verso Chiasso. Marciapiedi fra i binari 1-2 e 2-3.
- fase 3, sicuramente dal 1945 in poi: bin.1 corsa verso Milano, bin2. raddoppio verso Milano, bin.3 corsa verso Chiasso. Marciapiedi fra i binari 2-3 (dal 1949 in poi).

Solo nella fase 1, per mancanza di deviatoi lato Albate, i treni per Chiasso non potevano usare i bin. 1 e 2 mentre quelli per Milano potevano usare qualsiasi binario.
Per le info che ho io, la fase 2, quella del QL in foto, la metto fra il 1930 e il 1945.

Per il segnale a destra sul 2 hai ragione, anche in fase 3 e' stato per un periodo a destra, solo non sapevo che anche sul QL sarebbe stato a destra.

Lamps


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cabine scambi anni '60 e '70
MessaggioInviato: venerdì 23 marzo 2018, 6:39 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 10 gennaio 2014, 7:20
Messaggi: 857
Guardo e riguardo la foto ma non riesco ad individuare bene dove collocarla; dalla completezza del QL sembrerebbe dell'UM all'FV, ma allora perchè tutte quelle leve delle quali le prime 4 a destra mi danno l'impressione di comandi di segnali? Che senso avevano allora le cabine d'estremità? Inoltre sempre dal QL mi sembra che dei deviatoi non siano a comando elettrico tra i quali proprio quelli del binario 2.
Ho provato a cercare in rete immagini, filmati, ma non ho trovato niente che possa aiutarmi di più per capire. Ciao.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cabine scambi anni '60 e '70
MessaggioInviato: venerdì 23 marzo 2018, 6:48 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 7:15
Messaggi: 296
Ciao,
torno a bomba sulle cabine ACE, in particolare per la gestione dei segnali bassi (marmotte girevoli).

So che le leve in posizione N erano verticali (come per le leve segnali) e che in posizione Avanti e Indietro potevano comandare
due marmotte distinte (e incompatibili fra di loro).

Sopra alle leve c'erano spie (come per le leve deviatoi) oppure no ?

E sul QL, con quali colori di luce erano rappresentate ?

Lamps


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cabine scambi anni '60 e '70
MessaggioInviato: martedì 3 aprile 2018, 0:00 
Non connesso

Iscritto il: martedì 28 marzo 2006, 17:03
Messaggi: 14795
Località: Dove i treni sono a vapore e gli scambi a mano
Questo è il blocco leve Milano della cabina A di Padova.
Immagine
La leva 46 comanda 3 diversi segnali (dal bin I, dal bin III, dal bin VI) a seconda della leva di istradamento rovesciata.
Identico il blocco leve Bologna.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cabine scambi anni '60 e '70
MessaggioInviato: martedì 3 aprile 2018, 5:57 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 7:15
Messaggi: 296
Ciao Omnibus,
grazie,
quindi a seconda dei banchi poteva capitare che una leva segnali gestisse o un binario (partenza, arrivo) o una funzione (partenza piu' binari, arrivo piu' binari) come nella tua foto.
Le leve 46 e 47 sono sdoppiate proprio perche' tramite le leve di itinerario potevi contemporaneamente ricevere e inviare.
Ovviamente con tutti gli interblocchi elettrici/meccanici del caso.
La mia impressione generale e' che la scelta fra le diverse soluzioni possibili dipendesse molto dal progettista del banco.

Salvo qualche foto da cui non si deduce niente, non trovo info per le leve viola delle marmotte (avevano posizioni intermedie oltre a Normale, R.i, R.a ?) e per le loro eventuali spie di conferma...

Lamps


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cabine scambi anni '60 e '70
MessaggioInviato: lunedì 12 novembre 2018, 7:12 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 7:15
Messaggi: 296
Ciao,
riapro qui per un dubbio sui segnali di partenza, sempre nel periodo '60 e '70

Partendo in stazione da fermo, sul binario di corsa, con segnale a una sola vela (e senza triangolo mutanda):
se il treno veniva fatto partire in deviata (es. per instradarlo sul binario illegale), quale aspetto avrebbe avuto il segnale ?
Verde con qualche altra forma di avviso al macchinista ?
Giallo ?
Giallo lampeggiante ?

Lamps


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cabine scambi anni '60 e '70
MessaggioInviato: martedì 20 novembre 2018, 9:34 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 10 gennaio 2014, 7:20
Messaggi: 857
Per quello che mi ricordo (visivo), non da tecnico, visto il periodo che chiedi posso dirti, non essendo ancora in auge la banalizzazione, che il segnale di partenza restava "imperativamente" rosso e la circolazione gestita con blocco telefonico sull'unico binario tra le due stazioni.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cabine scambi anni '60 e '70
MessaggioInviato: martedì 20 novembre 2018, 9:51 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 10 gennaio 2014, 7:20
Messaggi: 857
Per quanto riguarda la domanda precedente la funzione delle leve 46 e 47 era naturalmente d'obbligo fosse così separata in quanto la 46 comandava le partenze e la 47 gli arrivi, ed essendo la linea a doppio binario questo lavoro non era possibile gestirlo con una sola leva. Va da se che il progettista del banco non è che potesse giocare molto "di fantasia", ma dalle effettive esigenze dell'impianto.
Per le leve, e rispettivi controlli visivi, non posso aiutarti perchè non ho mai avuto la possibilità di vederne (o forse ero troppo piccolo).


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cabine scambi anni '60 e '70
MessaggioInviato: mercoledì 21 novembre 2018, 6:33 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 7:15
Messaggi: 296
Grazie, per entrambe le risposte !


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cabine scambi anni '60 e '70
MessaggioInviato: sabato 24 novembre 2018, 23:08 
Non connesso

Iscritto il: martedì 28 marzo 2006, 17:03
Messaggi: 14795
Località: Dove i treni sono a vapore e gli scambi a mano
Lamps ha scritto:
Partendo in stazione da fermo, sul binario di corsa, con segnale a una sola vela (e senza triangolo mutanda):
se il treno veniva fatto partire in deviata (es. per instradarlo sul binario illegale), quale aspetto avrebbe avuto il segnale?
Come già anticipato da CCkm17+072, la partenza verso l'illegale avveniva con segnale a via impedita perché negli apparati non era previsto tale itinerario. Al treno venivano consegnate apposite prescrizioni mediante i moduli M6 (circolazione sull'illegale) e M7 (partenza con segnale a via impedita).
Se invece era una partenza verso una linea deviata, premesso che non mi risulta vi fossero simili situazioni in quel periodo, il segnale era sicuramente verde e la limitazione di velocità o era inserita in fascicolo orario o veniva partecipata con apposita prescrizione su modulo M3 o M40.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cabine scambi anni '60 e '70
MessaggioInviato: domenica 25 novembre 2018, 8:10 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 7:15
Messaggi: 296
Grazie a tutti, chiarissimo.

Lamps


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cabine scambi anni '60 e '70
MessaggioInviato: domenica 25 novembre 2018, 10:08 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 21 dicembre 2016, 20:37
Messaggi: 329
Non sono d'accordo sull'uso dell M3, in quanto non previsto per queste casistiche,
dato che l'M3 è relativo ad un "Rallentamento (ovvero limitazione rispetto velocità max esistente)" e non ad una "Velocità max percorribile", a seguito di.. instradamento su illegale per anomalia,
dato che anche ai sensi dell'Art. 6.23 RCT un Rallentamento indicato con M3 costituisce una limitazione sempre presente (o, con orario di inizio e fine), fissa o spostabile, che fa riferimento ad un "punto o sezione (anche in movimento se spostabile) di linea".
Limitazione che viene comunicata alle Località (Staz. ecc.) per la sua instaurazione direttamente dal Capo Reparto Esercizio Infrastruttura, con ordine di produzione di Modulistica. Il Capo Reparto avvisa stazione Capotronco, Località origine, ed attigue linea, Punti interessati ed adiacenti, e da TUTTE deve ricevere "conferma di ricezione" del suo ordine, dai relativi soggetti responsabili.
Ma per un caso di partenza e inoltro su illegale, la causa può essere semplicemente il guasto di uno scambio di uscita sul legale .. Ovvero un evento che interessa un punto di una sola località, e null'altro.

Inoltre qualsiasi "Rallentamento" se interessa "quel punto", è bidirezionale. Quindi la limitazione sarebbe stata attiva per le partenze, ma .. anche per tutti gli arrivi da direz. opposta.
Nel nostro caso … non ha senso, perché per il treno che arriva dalla direzione opposta su quel punto, si trova sul binario che è per lui … legale ;) e quindi lo percorre secondo aspetto segnali.
Dunque, sia per la bidirezionalità, sia perchè un Capo Reparto non si sarebbe mai disturbato per ogni "partenza per illegale, avente percorrenza in deviata …" (improponibile anche solo pensarlo)
il modulo M3 qui sotto, non ha senso allo scopo.
Con gli altri Moduli citati, si ottengono gli stessi risultati, anche perchè in tutti questi c'erano delle "righe in bianco" (come M40) dove infatti veniva scritto se necessario:
"Percorrete itinerario di partenza a velocità non superiore a XX kmh"

Immagine


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 138 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 5, 6, 7, 8, 9, 10  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 12 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice