Duegieditrice.it
http://forum.duegieditrice.it/

IDEE E PROGETTI: Plastico Italiano in Austria
http://forum.duegieditrice.it/viewtopic.php?f=7&t=101664
Pagina 1 di 3

Autore:  mazy [ sabato 12 ottobre 2019, 9:56 ]
Oggetto del messaggio:  IDEE E PROGETTI: Plastico Italiano in Austria

Ciao a tutti... Finalmente inizio a lavorare/progettare il nuovo plastico, perché Italiano in Austria? Niente di più semplice ho comprato casa oltre confine e l'ambientazione sarà italiana. Il progetto andrà avanti per gradi.. Un pezzo alla volta. Per prima cosa inizierò la costruzione della struttura dove sorgerà la stazione di testa principale che avrà uno sviluppo di oltre 4 metri in modo da poter ospitare i vari etr in composizione completa. La profondità sarà invece di 96,5cm. Proprio a riguardo della profondità cerco idee su come sfruttare lo spazio sotto al plastico tenendo conto che sarà accessibile solo da un lato e che vorrei poter accedere alle cose messe nella parte posteriore senza dover spostare tutto quanto quello che hanno davanti. Quindi cassetti carrellini o altro? Avete idee? Non voglio fare accrocchi ma deve essere assolutamente tutto esteticamente piacevole alla vista. La struttura sarà in nobilitato (il materiale che si usa per fare le cucine per intendersi) e per le attrezzature per la lavorazione per mia fortuna ho modo di usare una combinata professionale e altri utensili di falegnameria.  Del tracciato che ho in mente ed ho già disegnato ne riparleremo quando avrò trovato la soluzione definitiva per la struttura. Avanti con le idee/esperienze!

Autore:  davscarna [ sabato 12 ottobre 2019, 12:02 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Plastico Italiano in Austria

Solo io non riesco a visualizzare l'immagine? Ho già provato a fare il refresh della pagina ma nulla.
Ad ogni modo, siccome si sta parlando di un telaio con base al pavimento, secondo me potresti progettarlo come se fosse una sorta di mega cucina: tutta la zona sottostante il livello più basso del plastico, usala per ricavarci cassettoni e simili in cui riporre le confezioni dei convogli oppure tutto il materiale per la diagnostica dell'impianto (multimetri, ecc...).

Autore:  paolone [ sabato 12 ottobre 2019, 15:13 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Plastico Italiano in Austria

Ciao
prima di andare oltre non mi è chiara una cosa. Sei proprio sicuro di usare il nobilitato? Perchè il nobilitato è un trucciolare di più o meno qualità (struttura) sul quale vengono incollati a caldo due pannelli di melanina. Altra storia è il tamburato (dalle mie parti lo chiamiamo così) che non è altro che lamellare di abete nobilitato di essenze anche importanti noce, ciliegio ecc. quindi tutto legno. Anch'io non riesco ad aprire la foto. Sarebbe meglio secondo me, fare delle foto dell'ambiente per capire cosa vuoi, porte finestre spigoli e la sua destinazione d'uso.

Autore:  mazy [ sabato 12 ottobre 2019, 17:27 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Plastico Italiano in Austria

@davscarna

Si l'idea sarebbe quella di una mega cucina... Il problema mio al momento è che 900mm son veramente molto come sbalzo per un cassetto con le normali guide, avevo pensato a dei carrellini che escono integralmente ma la struttura non sarebbe stabile mancando il pannello di base. Quindi cerco una soluzione alternativa magari qualcuno ha già sperimentato soluzioni efficienti tra noi

@paolone

Si nobilitato, quel truciolare rivestito.. Il materiale con cui si fanno le cucine, se resistono loro a bimbi e cuoche maldestre ce la farà anche la mia struttura hahahah
Lo spazio è praticamente lineare per quanto riguarda questa stazione... Senza angoli spigoli ne altri intralci. Quindi alla fine è un enorme parallelepipedo. Il resto del plastico si svilupperà in maniera successiva al di là di una parete che verrà attraversata dai binari di uscita della stazione

Il tamburato da noi corrispondente a due strati leggeri di un materiale che sia massello o truciolare con del vuoto in mezzo... Come un tamburo eheheh ed ai bordi e al centro come rinforzo dei listelli

Per la foto... L'ho caricata con Tapatalk dal cell. Forse non funziona bene.... Riprovo dopo dal pc a casa

Intanto grazie per l'interesse! :-)

Autore:  sennajj [ sabato 12 ottobre 2019, 22:38 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Plastico Italiano in Austria

Qualsiasi cosa tu vada a metter sotto al plastico tieni presente che prima o poi su quella parte dovrai metterci mano. Lì passano tutti gli impianti elettrici (DCC, scambi, feedback eccetera), li ci sono i motori soggetti a rotture e via dicendo. Quindi pensa a qualcosa che in futuro ti permetta di lavorare liberamente, l'idea di avere delle cassettiere su ruote non la scarterei a priori.
Benvenuto e buon lavoro.

Inviato dal mio STF-L09 utilizzando Tapatalk

Autore:  mazy [ sabato 12 ottobre 2019, 22:59 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Plastico Italiano in Austria

Ciao Sennajj sicuramente lascerò un "volume vuoto" tra il piano del plastico e le cose che andrò a mettere sotto.. Ed allo stesso modo dovrò poter lavorare agevolmente in un futuro... Cavi booster sensori decoder ecc ce ne sarà di roba là che avrà bisogno di manutenzione...

Non escludo ancora nessuna soluzione ma devo trovare anche il modo di dare stabilità alla Struttura con la. Cassettiera estraibile.. Di certo non posso ancorare la struttura al pavimento eheheh

Inviato dal mio ATU-L11 utilizzando Tapatalk

Autore:  marco_58 [ sabato 12 ottobre 2019, 23:55 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Plastico Italiano in Austria

Per quello che vuoi fare evita il trucciolare nobilitato: è pesante, oggi la qualità non è quella degli anni '80 (quanto ho fatto le prime linee di produzione), devi lavorarlo con lame al vidia per via delle resine utilizzate, le viti tengono solo se non le sviti mai più, per incollarlo ci vogliono le sue colle.
Usa i soliti abete e compensato che non sbagli e fai prima con minor spesa.
Per la struttura devi fare in modo che il plastico si regga da solo su piedi, e non pareti piene che crei solo casse armoniche, poi i carrelli li infili sotto con le loro ruote, ma 90 cm son tanti.
Occhio con quello che poi metti nei carrelli che se sei su un pavimento a solaio la portata tipica di una abitazione è 250 kg mq per carico equamente distribuito.

Autore:  davscarna [ domenica 13 ottobre 2019, 11:16 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Plastico Italiano in Austria

Io mi trovo molto bene con l'abete piallato su quattro lati: robusto, bello da vedere e non eccessivamente pesante. Nei vari negozi di fai da te lo si trova a pochi euro al listello (io consiglio Bricoman, molto economico rispetto a Self o Leroy Merlin e con un buon servizio di assistenza al cliente).

Autore:  mazy [ domenica 13 ottobre 2019, 12:00 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Plastico Italiano in Austria

Vi rispondo al volo poi integro dopo che son alle prese con lo scarico della cucina otturato....

La struttura sarà nascosta dalle facciate dei cassetti carrelli antine o quello che sarà, appena avrò capito cosa e come realizzare la struttura per questa parte di plastico.. Le successive invece saranno sicuramente legno a vista e ben lavorato

Per il legno l approvvigionamento è il minore dei problemi.. Vivo in montagna ed ho molte segherie in zona, il problema piuttosto è la stagionatura del legno ed essere abbastanza sicuro che non si muova troppo nel tempo

Per la lavorazione invece il problema è pari a zero. Come dicevo ho in casa una combinata professionale per cui potrò piallare segare squadrate ecc a mio piacimento...

Ci sentiamo dopo che è da ieri sera che litigo con questo tubo ciauuuuuu

Inviato dal mio ATU-L11 utilizzando Tapatalk

Autore:  paolone [ domenica 13 ottobre 2019, 16:23 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Plastico Italiano in Austria

Ciao
Marco tutto quello che dici assolutamente vero...
Secondo me hai due soluzioni:
1 - quella con il mio adorato e profumato abete austriaco :shock: dal quale ricavare una struttura "da taverna" bella da vedersi.
2 - in metallo.
Nell'ultima soluzione hai bisogno di un trapano a colonna di ottima qualità, di una saldatrice potente (da fabbro o dall'amico carrozziere..)
Io per vari problemi l'ho fatto realizzare dal mio fabbro in pensione al costo 250 euro compreso lavoro, ferro ruote piroettanti di grande qualità e verniciatura a polveri nero opaco.
In sostanza si tratta di barellone-tavolo su ruote - perchè avevo necessità di spostare il mio dioramone 90x220 anche sopra un tavolo :shock: - completamente vuoto sotto ed in kit per poterlo portare in casa.
Se devo pensare ad un tavolo-barellone lungo 4 mt. riesco a trasportare delle verghe lunghe 4 mt.? e a portarle in casa? Forse è preferibile farne 2 da 2 metri anche perchè il costo in più è irrisorio e poi unirli con viti e bulloni o fascette stringi tubi ecc
Ho preso un quadrangole 3X3 per le gambe e ho inserito le ruote. Sulla parte superiore ho fatto saldare un profilato ad L 3x3x0,4 con la base in orizzontale e l'altra in verticale come base-appoggio-incastro del piano di lavoro. Alla base del profilato ho fatto fare dei buchi per le autofilettanti per bloccare il piano di appoggio + due più grandi per le viti e bulloni per il fissaggio di 2 traverse a misura.
Dopo averne realizzato un'altro uguale li ho uniti con due traverse a X imbullonate alle gambe e al loro centro con altro bullone passante. Inserimento del piano di piano tagliato a misura nelle traverse e...... :D :D
Per quanto riguarda il sotto io ti consiglio, anche se hai una combinata :evil: :evil: :evil: :evil:, di prenderli già fatti "da battaglia" Ikea, Mondo Convenienza, Mercatone ecc. dove applicherai delle ruote semplicemente. Se poi mi dici "e la soddisfazione di farseli dove la metti?" Cosa vuoi che ti dica...accidenti a te ed alla tua combinata :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :mrgreen: :mrgreen:
Se questa soluzione ti può interessare ci risentiamo come procedere.

P.S. nei miei plastici ci sono solo abeti e chalet in legno....

Autore:  mazy [ domenica 13 ottobre 2019, 18:49 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Plastico Italiano in Austria

Allora ho avuto un paio di idee appena riesco a faccio un disegno e lo condivido...
Comunque basta barelle ho già dato abbastanza sulle ambulanze ahahaha
Scherzi a parte niente ferro... Voglio fare tutto da solo... Per la soddisfazione e per fare qualcosa che si adatti perfettamente alle mie esigenze
Scusate se non son super reattivo a rispondere ma sto nel frattempo anche ristrutturando casa... Ed i lavori si devono sovrapporre ehehe

Inviato dal mio ATU-L11 utilizzando Tapatalk

Autore:  paolone [ lunedì 14 ottobre 2019, 7:45 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Plastico Italiano in Austria

Ciao
il discorso del barellone era solo per avere una struttura essenziale sotto la quale poterci mettere anche un letto :lol: :lol: e con le ruote per poter eccedere lato muro ma se pensi al legno con me sfondi una porta aperta... In questo momento mi sto costruendo una sorta di mobile in lamellare di abete... :D :D :D

Autore:  mazy [ lunedì 14 ottobre 2019, 8:42 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Plastico Italiano in Austria

ho iniziato a buttare giu una prima bozza di disegno della eventuale struttura in legno.. per coprire tutta la parete serviranno 4 di questi blocchi, separati tra loro per eventuali esigenze di spostamento del plastico.. nel muro dietro scorrono impianto idraulico ed elettrico.. meglio prevedere di poterlo spostare per eventuali manutenzioni future.

questa è una prima bozza buttata giu al cad mentre facevo colazione.. ora che son sveglio vado avanti con i mobili della cucina ;-)

dentro i due vani correranno dei carrelloni con ruote e guide laterali poi disegno anche quelle con calma


ci sentiamo in "pausa pranzo"

Allegato:
struttura base.jpg
struttura base.jpg [ 89.74 KiB | Osservato 3447 volte ]


ps questa è la foto della parete su cui andrà il plastico, non fate caso alle finestre, tutto sarà sotto a quel livello

Allegato:
parete stazine di testa.jpeg
parete stazine di testa.jpeg [ 171.02 KiB | Osservato 3441 volte ]


PPS ho preso bene le misure che l'altro giorno andavo a memoria.... la lunghezza era sbagliata.. son 5,30 metri ihihihihihih



@paolone.. peccato che tu sia lontano.... altrimenti credo che ci saremmo divertiti parecchio insieme tra trucioli e treni!

Autore:  paolone [ lunedì 14 ottobre 2019, 11:38 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Plastico Italiano in Austria

OOOOh..siiii fratello!! :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: Pensa che è dal 1978 che sogno di vivere in una blockhause...me la sono persino fatta progettare da Rubner.. Poi i casi della vita.. :( :( In compenso sui miei plastici solo laser cut su legno ovviamente abitazioni e stazione blockhause e tanti tanti pini...... :D :D :D
Ora venendo a noi, le mie considerazioni.
Applicherei con vinilica e viti sul retro un grande foglio di compensato da 4 mm su tutta la lunghezza e altezza del plastico. Questo eviterà l'ondeggiamento dxsxdxsx
Stessa cosa sulle gambe in profondità se del caso.
Valuterei nella lunghezza davanti se aggiungere un longherone con altezza 20-25 per per dare più stabilità alle gambe "libere", obbligatorio ruote piroettanti in gomma con freno solo su quelle davanti. Limiterei la lunghezza fino alla verticale dell'ultima finestra aperta. Questo per poter accedere a tutto il plastico, aprire agevolmente la finestra ed evitando che acqua vento e polvere si depositi sul plastico e magari qualche intruso che viene a nidificare sui tuoi tronchini :lol: :lol: :lol: :lol:
4 moduli mi sembrano tanti... 3 da 1 e 50..

Autore:  mazy [ lunedì 14 ottobre 2019, 12:21 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Plastico Italiano in Austria

io invece stavo pensando di fare tutto ad incastro tranne la connessione tra i 4 blocchi che sarebbero fatte con vite e controvite, e quindi anche niente schienale posteriore

con questo sistema avevo gia fatto una prima struttura in legno per un plastico mai nato e non si muoveva di un mm, e non aveva neanche i longheroni in basso

a meta altezza in lunghezza metterò delle guide in metallo per indirizzare il carrello in ingresso e uscita che avra ruote fisse..

mentre la struttra avra ruote pivottanti senza freno e dei piedini regolabili in altezza, se devo muoverlo tiro su i piedini ed il carico va sulle ruote.

mentre per la lunghezza... negativo.. devo usare tutta la parete... al fondo ci sarà un buchetto che lancerà i treni verso l'infinito e oltre ahahahahma li ne riparleremo più avanti

adesso fino alle 14 mi rimetto al cad.. poi torno in cucina

Pagina 1 di 3 Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicol (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice