Oggi è giovedì 21 marzo 2019, 5:21

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 129 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 5, 6, 7, 8, 9  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: ARMAMENTO: DOMANDA SUI BINARI TRAMVIARI
MessaggioInviato: martedì 2 luglio 2013, 18:55 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 24 gennaio 2008, 18:40
Messaggi: 1994
Località: piemonte
Forse qualcosa riesco a finire, grazie anche alle dimensioni della maquette.
Un decisivo salto di qualità é avvenuto stabilendo definitivamente quale sarebbe stata la destinazione produttiva dello stabilimento. Ho deciso di dedicare il piccolo angolo produttivo alla memoria della Ditta Ettore Cardini e al suo stabilimento di Omegna. Tra il 1921 e il 1930 si era messo a produrre giocattoli di latta in banda stagnata e litografata, e realizzando tra l'altro una locomotiva a vapore traendo ispirazione dalla Gr 690. In fondo cosa sarebbe la vita senza il gioco?


Immagine

Uploaded with ImageShack.us

Immagine

Uploaded with ImageShack.us

Immagine

Uploaded with ImageShack.us

Immagine

Uploaded with ImageShack.us


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ARMAMENTO: DOMANDA SUI BINARI TRAMVIARI
MessaggioInviato: martedì 2 luglio 2013, 19:01 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 24 gennaio 2008, 18:40
Messaggi: 1994
Località: piemonte
massimo.s.1957 ha scritto:
Comunque ti volevo chiedere se quel trattore RR che campeggia nell'immagine si riesce ancora a reperire
perchè penso che con un piccolo intervento di maquillage potrebbe ben figurare nel mio diorama ambientato proprio in quell'epoca.

Nei mercatini si trova sempre, anche se non a prezzi di saldo.
Dovrei averne un paio in resina da montare, anche se mi sarebbe difficile raggiungere i risultati di nonomologati, baroni o estevan0000...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ARMAMENTO: DOMANDA SUI BINARI TRAMVIARI
MessaggioInviato: martedì 2 luglio 2013, 20:00 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 28 febbraio 2013, 10:57
Messaggi: 552
Potresti postarmi delle immagini di quelle in kit di resina.
Ti ringrazio anticipatamente.
Massimo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ARMAMENTO: DOMANDA SUI BINARI TRAMVIARI
MessaggioInviato: mercoledì 3 luglio 2013, 8:26 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 3 febbraio 2006, 14:52
Messaggi: 608
Complimenti per il lavoro: fantastico davvero.
Ma mi sorge un dubbio..
Hai già pensato a dove inserire gli sganciavagoni?
E che tipo hai scelto?
Grazie
Francesco


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ARMAMENTO: DOMANDA SUI BINARI TRAMVIARI
MessaggioInviato: mercoledì 3 luglio 2013, 10:22 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 24 gennaio 2008, 18:40
Messaggi: 1994
Località: piemonte
straccaletto ha scritto:
Hai già pensato a dove inserire gli sganciavagoni?

Ah, no! Niente sganciavagoni qui.
E niente ganci modellistici.
Ganci realistici, respingenti molleggiati, al limite un gancio telecomandato sulla macchina da manovra.
E poi manovre a cavo, con tanto di cabestano motorizzato e rinvii e lunghi canapi.
Siamo nel 1921! che diamine.
Ti ringrazio per i complimenti.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ARMAMENTO: DOMANDA SUI BINARI TRAMVIARI
MessaggioInviato: mercoledì 3 luglio 2013, 14:25 
Non connesso

Iscritto il: sabato 27 aprile 2013, 9:41
Messaggi: 44
Località: Tra il duomo e il fumaiolo - Roma Trastevere
Sgancio manuale é meglio! Complimenti per tutto!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ARMAMENTO: DOMANDA SUI BINARI TRAMVIARI
MessaggioInviato: giovedì 11 luglio 2013, 16:23 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 9 ottobre 2006, 17:27
Messaggi: 582
Località: Torre vedetta di Amon Sûl (Colle Vento)
Chicco avrei una domanda, sempre che tu non l'abbia già spiegato e io me lo sia perso (cosa molto probabile). Riguardando la foto dell'acquedotto, volevo sapere come hai realizzato il nome dello stabilimento?

Saluti e buoni cabestani,
Silvio


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ARMAMENTO: DOMANDA SUI BINARI TRAMVIARI
MessaggioInviato: giovedì 11 luglio 2013, 21:08 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 24 gennaio 2008, 18:40
Messaggi: 1994
Località: piemonte
Silvio Assi ha scritto:
Riguardando la foto dell'acquedotto, volevo sapere come hai realizzato il nome dello stabilimento?

ciao Silvio,
no non l'avevo mai detto. Ho realizzato al cad i caratteri che volevo sulla scorta di vecchi timbri alfanumerici per stampare indirizzi sulle casse di spedizione proprio della Ditta Cardini di Omegna, di cui, per un caso fortuito sono entrato in possesso, quindi con voluta coerenza storica e stilistica, poi dopo le prove di rito sul dimensionamento li ho stampati con la laser su una carta velina molto sottile, quasi impalpabile, adottando come colore un bel blu di metilene, come in uso negli anni venti e trenta del secolo scorso, avrai presente le vecchie scritte "é l'aratro che traccia il solco..."
Per la stampa, la velina é stata fissata su un foglio A4 da 120 gr/mq con del nastro adesivo, naturalmente, altrimenti sarei ancora qui ad estrarre pezzetti dai rulli della stampante.
Poi, sul serbatoio già invecchiato e bene asciutto, passata di colla vinilica molto diluita e solito sapone dei piatti, stesso mix della massicciata, e posa della velina ritagliata con cura con le forbici (col cutter si strappa) centratura e delicato tamponamento con pennello morbido sempre bagnato di colla. Assume, ad essicamento del collante avvenuto, una lieve trasparenza che lascia emergere l'invecchiamento e/o il colore sottostante. Stesso discorso per il cartello "pericolo attenti al treno" sul muro e per le strisce orizzontali nere e gialle di pericolo che si vedono nell'ultima foto postata. Insistendo con il pennello, e forse con le setole più ruvide, si ottiene un invecchiamento via via più marcato delle scritte, sino alla quasi totale scomparsa.
Non ho una telecamera, ma i rinvii per la manovra a fune, realizzati al tornio in ferro, e liberi di ruotare sull'asse verticale consentono esaltanti movimentazioni modellistiche dei carri, con una sogliola che tira un lungo canapo dotato di due ganci. Adesso devo motorizzare il cabestano di manovra per avere funzionante anche la sola manovra a mano.

P.S. Ma qualcuno mi dice se posso partecipare al concorso del plastico con questa maquette operativa? Ho speso poco più di cento euro, ne posso fare quasi altre quattro!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ARMAMENTO: DOMANDA SUI BINARI TRAMVIARI
MessaggioInviato: venerdì 12 luglio 2013, 14:18 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 24 gennaio 2008, 18:40
Messaggi: 1994
Località: piemonte
Cabestano e relativi rinvii folli montati nel piazzale per la manovra a fune. Presto, sono alla ricerca di un motore adeguato, il cabestano verrà motorizzato.

Immagine

Uploaded with ImageShack.us

Immagine

Uploaded with ImageShack.us

Immagine

Uploaded with ImageShack.us


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ARMAMENTO: DOMANDA SUI BINARI TRAMVIARI
MessaggioInviato: venerdì 12 luglio 2013, 16:49 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 27 gennaio 2006, 13:12
Messaggi: 1970
Ho dei micromotori faullhaber a 1,5V moooolto demoltiplicati, potresti calettare il cabestano direttamente sull'asse, fammi sapere se ti può andare bene :)
Magnifico lavoro sul pavè...!
ciao
Giancarlo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ARMAMENTO: DOMANDA SUI BINARI TRAMVIARI
MessaggioInviato: sabato 13 luglio 2013, 11:29 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 24 gennaio 2008, 18:40
Messaggi: 1994
Località: piemonte
gianca ha scritto:
Ho dei micromotori faullhaber a 1,5V moooolto demoltiplicati

Ti ringrazio molto per l'offerta, ma ho anch'io a disposizione vari motori elettrici, tra cui alcuni a 12 volts di comando degli specchietti retrovisori, dotati di riduttore epicicloidale coassiale molto ridotto, forse troppo. Comunque dovrò fare delle prove di installazione, e per questo il cabestano é già predisposto con un filetto da 3M, perno e bronzina.
In ogni caso la manovra a cavo é una libidine!
gianca ha scritto:
Magnifico lavoro sul pavè...!

Ancora qualche ritocco di colore e pesanti sporcature, ma ne sono soddisfatto. E' comunque solo una prova per la "maquette industriale", decisamente più impegnativa come dimensioni.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ARMAMENTO: DOMANDA SUI BINARI TRAMVIARI
MessaggioInviato: giovedì 8 agosto 2013, 20:07 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 24 gennaio 2008, 18:40
Messaggi: 1994
Località: piemonte
per questo mese basta! Tiro giù la clèr (le clèr).
Buone ferie a tutti

Immagine

Uploaded with ImageShack.us


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ARMAMENTO: DOMANDA SUI BINARI TRAMVIARI
MessaggioInviato: giovedì 8 agosto 2013, 20:51 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 16 gennaio 2006, 8:37
Messaggi: 2792
Località: Roma
Allora: buone vacanze!
Che tu possa vedere tanti treni! (di quelli che ti piacciono!)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ARMAMENTO: DOMANDA SUI BINARI TRAMVIARI
MessaggioInviato: giovedì 11 febbraio 2016, 10:20 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 6 gennaio 2012, 16:05
Messaggi: 1054
Località: Bagno di Gavorrano - Follonica GR
Ciao a tutti!
Tiro su questo bellissimo topic per condividere con voi questa mia autocostruzione di armamento tranviario, che, se con risultati positivi sarà utilizzato su un mio nuovo progetto. Naturalmente è un altra cosa dai bellissimi foenix di Chicco, ma mi permette di farci girare tutti i rotabili, visto il codice 75 che ho utilizzato per la sua costruzione.

Allegato:
Test armamento tranviario.jpg
Test armamento tranviario.jpg [ 189.61 KiB | Osservato 2252 volte ]


Cosa ne pensate?

Massimo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ARMAMENTO: DOMANDA SUI BINARI TRAMVIARI
MessaggioInviato: giovedì 11 febbraio 2016, 11:26 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 25 novembre 2011, 19:13
Messaggi: 1220
Località: Trieste
Ciao Massimo.
Complimentandomi per la realizzazione pulita e anticipando che non sono esperto di binari tranviari, ti vorrei porre qualche domanda.
Come mai questa strana traversinatura ( rispetto quella standard FS)? Si usa sulle tranvie? Oppure semplicemente sarà tutto nascosto quindi chissenefrega?
La lunghezza della parte mobile dell'ago è sufficiente? Cioè, più questa è corta più forza ti serve per ruotare la punta dell'ago, avendo tu gli aghi elastici. E questa considerazione si lega anche al tipo di cerniera sulla punta degli aghi. Più l'ago è rigido più robusta sarà la cerniera. Come farai?
Le controrotaie proseguiranno anche dalla parte della punta degli aghi?
Insomma, argomento e realizzazione interessante :D
Grazie per condividere
Antonio


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 129 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 5, 6, 7, 8, 9  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice