Oggi è venerdì 20 settembre 2019, 0:58

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 103 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Deterioramento vernice sugli 1:24 Quattroruote
MessaggioInviato: giovedì 26 agosto 2010, 8:20 
Non connesso
Site Admin

Iscritto il: lunedì 9 gennaio 2006, 11:35
Messaggi: 25995
Località: Ai confini della realtà
La 128 di David proviene da Loano o zone limitrofe.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Deterioramento vernice sugli 1:24 Quattroruote
MessaggioInviato: giovedì 26 agosto 2010, 9:37 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 9 agosto 2006, 19:43
Messaggi: 1704
Località: sulla cassia
lollex ha scritto:
Senza dilungarmi troppo, tanto piu' che sto scrivendo su una tastiera svizzera (con caratteri speciali francesi e tedeschi, ma non italiani):
- Ho in vetrina qualche modello da edicola - piu' o meno rivisti e corretti da me - certamente superiori, per fedeltà di linee e dettagli, ad alcuni prodotti artigianali. Fermo restando che i pezzi per me migliori della mia collezione rientrano nella seconda categoria, chi ha avuto tra le mani qualche kit di Rosso & Fly/Microspeed, ma anche certi Racing 43 (i.e. la Mègane Maxi) sa cosa intendo.
- Dalla Cina vengono la 128 di David e altre schifezze di cui sopra, ma anche i modelli Autoart e HPI Racing. Non è un filino affrettato considerare tutto il made in China rumenta tout court?
- Giusto considerare gli Ixo da negozio modelli da edicola con qualche decal in piu' fino a tre o quattro anni fa. Adesso la forbice nella cura dei dettagli, a cominciare dalla verniciatura, è molto piu' evidente.
- Gli editori si sono gettati sui collezionabili per non chiudere bottega. Avendo lavorato nel settore, scrivo con cognizione di causa.
- Tra gli artigiani che hanno chiuso i battenti, quanti proponevano prodotti qualitativamente apprezzabili? E quanti non avevano una sensibilità commerciale degna di una zanzara?
- Piccoli collezionisti crescono. Nel lontano 1986, quando iniziai la mia collezione, la 205 T16 della Vitesse mi sembrava una pietra miliare del settore. Adesso non la pagherei piu' di un Euro, naturalmente per farci giocare mio figlio di 2 anni.
- In ogni caso, ognuno è libero di spendere i propri soldi come gli pare e piace. E se un giorno qualcuno, purtroppo, si renderà conto di averli cacciati nel cesso, sarà affare suo. Le pubbliche ammende lasciamole a questioni ben piu' serie.


rispondendo con ordine, perché forse non hai letto con attenzione, o forse mi spiego male io.
affermazione 1): per caso ho criticato la qualità di autoart e hpi-racing? lo so bene che sono prodotti di qualità, ma non mi risulta che tali marche siano coinvolte nel "fenomeno edicola";
affermazioni 2-3-4-5): poverini, gli editori. se fosse come tu dici, questi sarebbero assimilabili a certe categorie che piangono sempre (però godono di agevolazioni fiscali di varia natura, gli artigiani invece no!). quanto alla sensibilità degli editori, mi fai il nome di uno di questi produttori di "allegati" che l'abbia almeno pari a quella degli artigiani che hanno chiuso i battenti?
affermazione 6): quanti comprano in edicola sono tutti "poppanti collezionisti"? giusto affermare che i modelli da edicola avvicinano i neofiti. ma gli effetti sono anche altri (compreso quello di ridurre la scelta di modelli di qualità perché in troppi si spaventano, a volte in modo ingiustificato, a investire su un nuovo prodotto. di contro 115 uscite per una raccolta non sono esuberanti per avvicinare un collezionista?).
quanto all'affermazione "7", ti invito a cliccare il link qua riportato. così forse ti rendi conto del perché in italia c'è un cuneo fiscale elevato. non è un problema di coscienza, una dozzina di "allegati" li ho comprati anche io. ma non chiamiamoli automodelli. poi possiamo discutere della bontà degli "automodelli" veri e propri.
faccio presente che i vespai (è la cosa che più mi disturba) si formano al momento in cui faccio una critica a queste operazioni o a questi modelli. la levata di scudi mi fa pensare parecchio male, visto che qualcuno è arrivato a definirmi "socio sostenitore" di un tale artigiano perché ho una legittima opinione diversa dalla sua, dettata dalla profonda conoscenza dell'auto reale oggetto della riproduzione. andazzo che ha aspetti grotteschi su altri forum (da uno di questi mi sono cancellato perché sembra - sottolineo sembra - più un organo di stampa di certi interessi piuttosto che di gente che conosce o che ha voglia di conoscere la storia dell'auto, visti i commenti positivi sui modelli da edicola quali oggetti bellissimi, magari facendo facile ironia su certi modelli artigianali del passato, senza aver visto mai l'auto reale).

"…si è arrivati ad allegare materassi ai giornali per sfruttare il favorevole regime fiscale concesso all’editoria…"
citazione reperita da: http://bompiani.rcslibri.corriere.it/li ... olito.html


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Deterioramento vernice sugli 1:24 Quattroruote
MessaggioInviato: giovedì 26 agosto 2010, 23:21 
Non connesso

Iscritto il: martedì 10 gennaio 2006, 20:05
Messaggi: 2699
Località: Genova e Milano
Luca, è un dato di fatto che le vendite dei prodotti editoriali c.d. tradizionali siano da tempo in picchiata, con l'aggravante del bacino d'utenza relativamente limitato su cui può contare l'editoria in lingua italiana: da qui il rifugiarsi nei collezionabili da edicola, nella piena coscienza che tale filone, prima o poi, si esaurirà. Analisi condivisa da un ex collega dirigente della DeAgostini (che, non a caso, è dovuta ricorrere alla cassa integrazione): con tutto il rispetto, ritengo il suo parere più competente del tuo.

Che qualcuno non accetti alcuna critica nei confronti dei modelli da edicola è altro discorso. Certamente non appartengo a tale schiera di collezionisti, visto che le cineserie da chiosco sono il cinque per cento dei miei pezzi: con ciò, non vedo alcun motivo per non considerarli modelli a tutti gli effetti. Tanto più che riproducono l'auto vera con maggiore fedeltà di qualche kit costatomi tre o quattro volte tanto, che avrei fatto meglio a lasciare in negozio: come oggi, più esperto, evito di acquistare qualsiasi modello che non mi convinca, a prescindere dal canale di vendita.

Umberto ha scritto:
La 128 di David proviene da Loano o zone limitrofe.

Per produzione?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Deterioramento vernice sugli 1:24 Quattroruote
MessaggioInviato: venerdì 27 agosto 2010, 9:14 
Non connesso
Site Admin

Iscritto il: lunedì 9 gennaio 2006, 11:35
Messaggi: 25995
Località: Ai confini della realtà
Produzione ed assemblaggio, tutto made in Italy.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Deterioramento vernice sugli 1:24 Quattroruote
MessaggioInviato: venerdì 27 agosto 2010, 9:16 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 9 agosto 2006, 19:43
Messaggi: 1704
Località: sulla cassia
lollex,
il mio parere affronta un tema integralmente diverso da quello del tuo amico. non replico neanche perché evidentemente non mi spiego bene (i bravi editori tanto sensibili e accomunati dalla storia dell'auto ricorrono alla cassa integrazione, gli artigiani, che costituiscono comunque una forza lavoro, esattamente come i commessi dei negozi e i commercianti, si attaccano al tram).
i sedicenti modelli da edicola sono automodelli? allora non sono allegati, con tutte le conseguenze penali del caso (hai mai sentito parlare di "elusione fiscale"?). esattamente come l'allegato a forma di materasso per il quale è intervenuta la GdF!

insomma sono modelli o allegati?
se sono modelli (comunque scadenti e storicamente errati, almeno quelli che potevano essere oggetto di mio interesse) ho molte perplessità in qualità di contribuente oltre che di appassionato di auto degli anni 70. se sono allegati non sono modelli, e allora si tratta di... allegati di pura fantasia.

chiudo il mio intervento dicendo che forse la mia posizione sugli... allegati soffre della corretta definizione di un allegato. dicesi allegato uno o più documenti a supporto di altro documento. o mi devo mettere in polemica con l'accademia della crusca di mais?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Deterioramento vernice sugli 1:24 Quattroruote
MessaggioInviato: venerdì 27 agosto 2010, 13:04 
Non connesso

Iscritto il: martedì 10 gennaio 2006, 20:05
Messaggi: 2699
Località: Genova e Milano
Non credo che gli artigiani, così come gli editori, lavorino per puro diletto. Va da sé una grande azienda, nei momenti di crisi, può comportarsi ben diversamente da chi lavora in proprio: dubito, però, che tutti gl'imprenditori lascino gente a casa a cuor leggero.
Non conosco la legislazione in merito a quelli che tu definisci allegati e gli addetti ai lavori collezionabili, ma mi sembra strano che, in un paese dove non mancano magistrati desiderosi di finire sotto i riflettori (accanto, naturalmente, a tanti che preferiscono svolgere il loro lavoro senza clamori) nessuno vi abbia mai ravvisato violazioni della legge, salvo casi limite come quello del materasso.
Prendendo alla lettera la tua definizione di allegato, però, un modello può essere considerato documentazione a supporto del fascicolo, anche se la realtà è del tutto opposta.
Come collezionista e modellista, in tutta sincerità, il problema non mi riguarda.


Ultima modifica di lollex il venerdì 27 agosto 2010, 14:19, modificato 2 volte in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Deterioramento vernice sugli 1:24 Quattroruote
MessaggioInviato: venerdì 27 agosto 2010, 13:58 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 9 gennaio 2006, 12:35
Messaggi: 12367
Località: SINAI
lollex ha scritto:
Come collezionista e modellista, in tutta sincerità, il problema non mi riguarda.

Quoto
Quando, qualche tempo fa, vidi reclamizzare in televisione degli pseudo scooter elettrici, reclame in cui si diceva che potevano circolare senza problemi, avendo dei dubbi, li esposi su un forum, indicatomi dal nostro cico, dove si trattavano temi di natura giuridica, il responso fu univoco: non possono circolare.
Da consumatore non mi convincevano e mai li avrei acquistati e da persona interessata agli aspetti legali di quella faccenda, i miei dubbi erano fondati.
Qui, caro Luca, siamo davanti ad una questione di lana caprina, non vedo la pietra dello scandalo, forse, come dice Lorenzo, quando qualcuno si vorrà fare pubblicità, spenderà un pò dei nostri soldi, per poi scoprire che le case editrici erano nel loro diritto.
Non ci vedo nessun furto, nessuna prevaricazione e nulla di illegale,
il commercio, pur regolato da troppe regole, spesso disattese e ben più importanti, è una guerra, vince chi sa offrire il miglior rapporto prezzo qualità, il prodotto da edicola non ti convince? Non lo comprare, metti in guardia gli altri, come è giusto che sia (e se vuoi) da difetti latenti o errore grossolani, ma non discuterne i gusti di coloro che li acquistano e non metterne, anche se in forma velata, in dubbio la moralità.
Perché a voler essere estremisti, non è il tuo caso, dico, ma volendo estremizzare, certi kit di certi artigiani sono dei veri furti, e non so se sono neanche tanto più legali degli "edicolanti", lavorando in pieno sommerso ed in barba a diritti su marchi e quant'altro...
Mi pare difficile che Hachette e De Agostini possano aggirare questi doveri.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Deterioramento vernice sugli 1:24 Quattroruote
MessaggioInviato: venerdì 27 agosto 2010, 16:14 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 9 agosto 2006, 19:43
Messaggi: 1704
Località: sulla cassia
no, non è una questione di lana caprina. però evidentemente siete contenti così. io no, perché prima di essere collezionista sono un contribuente. poi come collezionista vi posso raccontare a mo di esempio che un bravo artigiano ha escluso la messa in produzione un certo modello di fiat (modello quasi completamente pronto per essere prodotto) perché è uscita quella vergognosa porcheria in edicola con tutti i particolari errati, spiegandomi (e ha ragione) che se per assurdo la mettesse in vendita a trenta euro gli resterebbe invenduta in quanto la gente si venderebbe la propria madre pur di risparmiare e... gridare all'affare. evviva la sensibilità di chi paga l'iva al 4% e ci "regala" a noveenovanta "allegati" che si disfano pezzo a pezzo e che di realistico hanno ben poco. infine, lo ripeto (ma lo leggete quello che scrivo?), non critico chi compra modelli da edicola. critico quelli che, giudicando BELLISSIMI i modelli da edicola, fanno critiche a quelli artigianali senza conoscere l'auto reale, magari facendo facili ironie su quelli prodotti venti o trenta anni fa (è successo su un altro forum da dove la gente più competente si è cancellata).
potrei continuare all'infinito, ma la chiudo qui perché a quanto pare non mi spiego bene. oppure non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire!

buon fine settimana


Ultima modifica di lucapassanisi il venerdì 27 agosto 2010, 16:46, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Deterioramento vernice sugli 1:24 Quattroruote
MessaggioInviato: venerdì 27 agosto 2010, 16:45 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 9 gennaio 2006, 13:31
Messaggi: 9862
Località: Firenze
Qui si scivola su un'altra questione altrettanto interessante, ossia: l'artigiano che tu citi senza menzionarne il nome (ma sappiamo bene chi sia) o altri al suo posto sono sicuri che il pubblico dell'edicola avrebbe sottrato loro mercato? Non è un atteggiamento eccessivamente difensivistico quello di cedere le armi davanti all'arrivo di un prodotto che si colloca su tutta un'altra fascia di prezzo e forse di utenza?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Deterioramento vernice sugli 1:24 Quattroruote
MessaggioInviato: venerdì 27 agosto 2010, 16:47 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 9 agosto 2006, 19:43
Messaggi: 1704
Località: sulla cassia
non è l'artigiano che pensi tu, è un altro. però tutti quelli che conosco hanno fatto lo stesso ragionamento. in quel forum c'è gente che dice che la 130 berlina uscita in edicola è "spettacolare". peccato che è completamente sproporzionata, mentre c'è quella artigianale che è bella, fedele e completa. questo artigiano non ne vende più una neanche in kit e dunque non la produce più. pazienza, risparmierò. certo non compro per noveenovanta prodotti che favoriscono la peristalsi intestinale.

ari buon fine settimana


Ultima modifica di lucapassanisi il venerdì 27 agosto 2010, 16:52, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Deterioramento vernice sugli 1:24 Quattroruote
MessaggioInviato: venerdì 27 agosto 2010, 16:49 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 9 gennaio 2006, 13:31
Messaggi: 9862
Località: Firenze
sarà un altro. Comunque il discorso non cambia. Anche quello che penso io non faceva che ripetere questo concetto.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Deterioramento vernice sugli 1:24 Quattroruote
MessaggioInviato: venerdì 27 agosto 2010, 17:08 
Non connesso

Iscritto il: martedì 10 gennaio 2006, 20:05
Messaggi: 2699
Località: Genova e Milano
ddt ha scritto:
Qui si scivola su un'altra questione altrettanto interessante, ossia: l'artigiano che tu citi senza menzionarne il nome (ma sappiamo bene chi sia) o altri al suo posto sono sicuri che il pubblico dell'edicola avrebbe sottrato loro mercato? Non è un atteggiamento eccessivamente difensivistico quello di cedere le armi davanti all'arrivo di un prodotto che si colloca su tutta un'altra fascia di prezzo e forse di utenza?

Secondo me, sì.
In caso contrario, non avrebbe senso la continua crescita qualitativa di prodotti quali i c.d. speciali low cost, proprio a rimarcare la differenza con il collezionabile da chiosco.

Tornando in tema, comunque, Umberto ha fatto gentilmente notare che, per produrre porcatine come la 128 di David, non è necessario spingersi fino in Cina. :wink:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Deterioramento vernice sugli 1:24 Quattroruote
MessaggioInviato: venerdì 27 agosto 2010, 17:18 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 9 gennaio 2006, 13:31
Messaggi: 9862
Località: Firenze
Sotto la 128 c'è scritto made in China.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Deterioramento vernice sugli 1:24 Quattroruote
MessaggioInviato: venerdì 27 agosto 2010, 17:50 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 14:57
Messaggi: 7994
Località: Milano
Umberto, temo ci sia un po' di confusione tra la 128 "quattroruote" 1/24 cinese e la 128 krups Galmozzi fatta da Angelo Tron.
ddt, le 128 ti dicono male... :wink:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Deterioramento vernice sugli 1:24 Quattroruote
MessaggioInviato: venerdì 27 agosto 2010, 18:43 
Non connesso

Iscritto il: martedì 10 gennaio 2006, 1:08
Messaggi: 1495
128 di tron, mostrata da ddt, il modello base è corretto chi l'ha montata ha fatto degli errori, c'è da correggere alcune grafiche sulle decal, si puo' prendere il kit e farlo montare in modo corretto,o montarselo, si puo' andare da Angelo e documenti alla mano fargli vedere gli errori, non si è mai tirato indietro alle critiche che potevano migliorare il suo prodotto.
il modello resta un artigianale di qualita' pecca nel montaggio.
Nonostante tutto Tron continua a produrre, lui conosce il mercato cerca soggetti che possono interessare un pubblico ampio e conscio che il suo prodotto finito si pone sul mercato ad un prezzo anche 10 volte superiore ad un edicoloso, deve cercare quella nicchia disposta a spendere quella cifra per un soggetto che ingolosisce.
Io ho comprato molti modelli della Fiat Story, ma la mia tematica non è la fiat a meno che non abbia corso a Lemans... ;
ho visto la 130 artigianale a novegro, ho avuto il piacere di parlare con il produttore, persona animata da genuina passione, gli ho fatto i mie complimenti ho apprezzato i suoi modelli sul bancone ma non me la sono sentito di acquistarne anche 1 solo, avevo altre mire chiamate Spark e bizarre, ma a casa ho la 130 edicola, comprata tempo dopo, lungi da me paragonare i due modelli, nascono da due modi diversi di concepire il modellismo, quello che voglio dire e che l'artigiano (scusate ma non ricordo il nome) non ha perso un potenziale cliente, che ha scelto un edicoloso per il suo speciale, ma non l'ho ha mai avuto, il soggetto proposto è molto di nicchia che interessa probabilmente pochi soggetti e quando lui lo ha messo in commercio doveva sapere all'incirca il potenziale mercato, di contro mi sono portato a casa una marea di Alfa Romeo di Gamma Models, li per la mia passione per l'Alfa sono ben felice di spendere i miei soldi, forse ci sono piu' collezionisti di alfa che di fiat :D


Ultima modifica di baldotl il venerdì 27 agosto 2010, 18:59, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 103 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice