Oggi è venerdì 4 dicembre 2020, 5:57

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: motori elettrici, istruzioni per l’uso
MessaggioInviato: domenica 27 gennaio 2019, 12:40 
Non connesso

Iscritto il: domenica 12 marzo 2017, 20:41
Messaggi: 702
duplico qui
“sono sincero, non mi e’ mai capitato di fare girare una stessa loco o convoglio per piu’ di un massimo 20/30 minuti continuativi, quindi non posso offrire testimonianza in tal senso, ma qual’e’ il limite di funzionamento continuativo di un mezzo motore? voglio dire se lascio girare a tensione elevata una loco per ore, 2, 3, 4 o anche di piu’ il motore elettrico che non e’ quello di una macchina utensile dovrebbe riscaldarsi o schiattare?”
Non ho mai letto alcuna istruzione in tal senso che accompagna un modello, tranne che per lubrificazione e sostituzione carboncini.

saluti curiosi.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: motori elettrici, istruzioni per l’uso
MessaggioInviato: domenica 27 gennaio 2019, 12:48 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 ottobre 2008, 8:35
Messaggi: 932
Località: Milano/Bari
finchè i carboncini hanno materiale il motore gira...il collettore raramente si consuma prima dei suddetti...però un limite temporale è alquanto impossibile da stabilire a priori...e comunque, quasi tutti i costruttori, consigliano ogni 40 ore di utilizzo, un adeguata manutenzione, per cui, in teoria, 40 ore potrebbe girare di continuo :roll:


Ultima modifica di peppardo il domenica 27 gennaio 2019, 13:32, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: motori elettrici, istruzioni per l’uso
MessaggioInviato: domenica 27 gennaio 2019, 12:52 
Non connesso

Iscritto il: domenica 12 marzo 2017, 20:41
Messaggi: 702
infatti e’ quello che pensavo, il problema nasce quando leggi di modelli che squagliano dopo due ore di funzionamento continuativo cfr. il thread sull’ETR 610.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: motori elettrici
MessaggioInviato: domenica 27 gennaio 2019, 12:56 
Non connesso

Iscritto il: domenica 27 maggio 2007, 12:00
Messaggi: 631
Località: FREMO-Calabria
Io farei le seguenti considerazioni:
Considerando che il motore sia stato scelto correttamente, bisognerebbe valutare le reali condizioni di utilizzo; gli ingranaggi sono lubrificanti periodicamente o perlomeno di recente? Le ruote trainante hanno una buona scorrevolezza? Eventuali lamelle prendi corrente frenano eccessivamente gli assali relativi?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: motori elettrici, istruzioni per l’uso
MessaggioInviato: domenica 27 gennaio 2019, 13:49 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 5 settembre 2016, 13:17
Messaggi: 624
Mah, ti posso dire che ho fatto girare a potenza medio alta un 626 Roco in tondo per almeno 14 ore, e non è successo niente..


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: motori elettrici, istruzioni per l’uso
MessaggioInviato: domenica 27 gennaio 2019, 15:53 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 4439
Località: Sorbolo (PR)
Potenza media cosa significa?
In un motore elettrico tutti i parametri sono esponenziali, dimezzare la tensione di alimentazione o ridursi a 1/2 la corrente di targa significa 1/4 di potenza assorbita.
A parte difetti o guasti, tipicamente* un motore elettrico si surriscalda per sovraccarico ovvero per uso non adeguato alle sue caratteristiche.

* Nota
Per alcuni usi ci sono motori che si devono scaldare. Non è il caso dei nostri trenini.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: motori elettrici, istruzioni per l’uso
MessaggioInviato: domenica 27 gennaio 2019, 17:20 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 5 settembre 2016, 13:17
Messaggi: 624
Mi dispiace, purtroppo non avevo nessuno strumento atto alla rilevazione della potenza assorbita collegato all' impianto durante la prova, ma posso con certezza affermare che il locomotore procedeva ad una velocita' pari ai due terzi della velocita' massima che è in grado di raggiungere quel modello. Rimarco altresì che, per quanto il mio cervello possa ricordare, in considerazione del fatto che la prova è avvenuta diversi anni addietro, il modello in questione presentava solo deboli tracce di innalzamento della temperatura a livello della carrozzeria, peraltro non registrate e quindi non quantificabili su normale scala termometrica. Distinti saluti :mrgreen:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: motori elettrici, istruzioni per l’uso
MessaggioInviato: giovedì 31 gennaio 2019, 18:27 
Non connesso

Iscritto il: domenica 10 dicembre 2006, 15:15
Messaggi: 236
Località: Torino
Salve atutta la fauna del Forum,
una E636 ROCO della produzione con i musi non esatti, ha girato per una settimana intera su un ovalone con alcuni vagoni al seguito.
Il proprietario dopo la performance mi chiese una manuitenzione completa dato che ipotizzava che lo zama dei carrelli non esistesse più o quasi per via dello sfregamento, dopo lavaggio con petrolio e rimontaggio non trovai nulla di anomalo e, al tempo non pensai minimamente di misurare i carboncini del motore per verificarne il consumo, non ho mai saputo con precisione se si trattasse di una prova o di una dimenticanza.
Quando il connubio fra meccanica e motore è felice penso che nel normale utilizzo non esistano particolari vincoli anche se, nulla è garantito, un cipollone ROCO praticamente nuovo ha pensato di rendere gli avvolgimenti al creatore durante una semplice sgranchita di ruote sul classico ovalone e senza nessun carico rimorchiato ma può capitare e non inficia la fama del cipollone di motore infaticabile.
Ci sono stati negli anni casi di motori/meccaniche evidentemente sottodimensionati in vari modelli e quindi occorre sempre informarsi ed avere un pizzico di fortuna.
Saluti
Topolox


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: motori elettrici, istruzioni per l’uso
MessaggioInviato: domenica 3 febbraio 2019, 15:29 
Non connesso

Iscritto il: domenica 22 novembre 2009, 23:10
Messaggi: 520
Ciao,
io ho fatto girare per ore delle loco senza avere problemi anzi una loco della Fleischmann involontariamente invertita la direzione si bloccò sul paraurti del binario terminale con una evidente fumata. Smontata e pulita dopo anni funziona benissimo trasformata in digitale è una meraviglia. Però preoccupato per il fumo che era uscito dal motore ho comperato cieca 20 rotori 20 calamite e decine di carboncini. I carboncini alcuni li ho usati ma i rotori mai. Meglio così.
Ciao

Mario


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Johnny Decauville, Majestic-12 [Bot] e 50 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice