Oggi è venerdì 23 agosto 2019, 20:03

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 31 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Passione Rally Eaglemoss Collection
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2012, 8:26 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 23 settembre 2011, 22:47
Messaggi: 3654
Località: chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile
Jack ha scritto:
non riuscirebbe a raggiungere il successo, vista già l'insoddisfazione generale sulla serie Ferrari GT, e tutti i suoi doppioni.
Sigh...


e la Ferrari Racing Collection dove la metti?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Passione Rally Eaglemoss Collection
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2012, 10:17 
Non connesso
Site Admin

Iscritto il: lunedì 9 gennaio 2006, 11:35
Messaggi: 25995
Località: Ai confini della realtà
Le collezioni da edicola stanno scricchiolando soprattutto nei paesi dove hanno avuto la prima diffusione mentre sembrano logicamente in salute oltre le nuove frontiere.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Passione Rally Eaglemoss Collection
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2012, 11:32 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 9 gennaio 2006, 12:35
Messaggi: 12349
Località: SINAI
Mi ripeto, come la peperonata.
Secondo me, in passato, si è lavorato male.
Non mi riferisco alle collezioni legate al marchio Ferrari, perché comunque, secondo quanto ho sentito dire in giro, ci sono pali e paletti legati allo sfruttamento del marchio e quindi ogni cosa è frutto di compromessi sudati, da parte di tutti.
La collezione Abarth, sempre secondo voci di corridoio, ha avuto il fattivo supporto da parte di mamma Fiat, intenzionata a ri-lanciare il marchio,che quindi ha investito soldini; a detta di molti la miglior raccolta uscita finora, ma con gravi lacune, a mio avviso...
Collezione Alfa, bei soggetti, ma troppo spesso mischiati tra loro, stradali e competizione, in questa maniera, volendo riprendere il soggetto con una nuova raccolta ci saranno (come già capitato con le raccolte Ferrari), doppioni sia approfondendo il discorso "stradale", sia nel campo "competizione".
Ci sono modelli, come dimostra l'edicola francese, che già da soli varrebbero una raccolta, non sto qui a fare esempi... 8)
Ritornando al discorso sovrapposizione vorrei indicare nella collezione 100 anni di auto da competizione uno dei più grandi errori, perché?
Perché troppo eterogenea...soggetti provenienti da ogni settore dello sport automobilistico, senza esclusione di categoria, di periodo storico e di valore del mezzo rappresentato.
Un calderone.
Ma anche altre raccolte hanno toppato, troppo generaliste, anche se legate ad una singola categoria (rally, formula uno...).
Non sarebbe stato meglio inquadrare il tutto in un determinato periodo storico? O in una singola gara? Uno specifico campionato?
Oggi riprendere il filo è difficile, come già avete scritto, il settore è inflazionato e si è anche screditato agli occhi dei collezionisti.
Ma non bisogna dimenticare che certi soggetti, apparsi ormai 10 anni fa, purtroppo malamente, potrebbero ancora trovare terreno ideale ed una schiera di appassionati, a patto che non si ricada (e questo vale per tutti) nei soliti errori.
In questo caso, e senza fare nomi, un singolo modello varrebbe da solo la collezione, in prima battuta non occorrerebbe tracciarne tutta la vita agonistica, ma ci si potrebbe limitare ad i vari decenni, con le varie, tante, evoluzioni.
Venderebbe?
Chissà, il successo è decretato dall'originalità della scelta e dal rapporto prezzo-qualità.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Passione Rally Eaglemoss Collection
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2012, 13:09 
Non connesso

Iscritto il: martedì 10 gennaio 2006, 1:08
Messaggi: 1492
Le collezioni in edicola sono in crisi sopratutto qui in Italia, le tematiche che alla fine hanno un seguito sono sempre le stesse vedi Ferrari, altre strade a torto o ragione sono state bocciate dalle ditte, presumo dopo i deludenti test di mercato, oppure come qualcuno ha gia' detto per mancanza di coraggio, andando a curiosare nel forum francese vedo che le tematiche sono varie, stessi modelli usciti magari in due, tre o addirittura N volte i diverse edizioni sono accolti comunque positivamente, magari proposti in diversi colori cosa che non sempre è avvenuta qui da noi.
Certo è che se rimaniamo nell'ambito prettamente dell'automodellismo in Francia ( vado un po a memoria) è uscita una collezione rally sorella della ns rally collection, seguita da altre 3 dove la qualita dei modelli è aumentata progressivamente e fanno 4, ferrari collection come da noi, poi mercedes , peugeot, citroen, successivamente DS collection e 2CV collection, renault con la costola anche sportiva, passiamo alle ruote coperte almeno 2 collezioni tematiche ( che mi ricordo io) se non di piu' , la Route francese un mix di cose gia' viste, vetture storiche, vetture da sogno, Ferrari F1, cammion, Vaillante(qui siamo al limite per i puristi), magari qualcuno per curiosita puo dire quante volte è stata proposta la citroen DS nelle edicole francesi, noi (non entro nel merito se a torto o ragione) ci lamentiamo che la ferrari PINCO PALLO e stata proposta 2 o 3 volte e che invece avrebbero dovuto fare il prototipo in unico esemplare carrozzato Ermenegildo di cui esiste una foto dentro il box tenuto nell'albun di famiglia del nipote, secondo voi un produttore che deve fare un'investimento per una collezione in italia ci pensa su non 2 volte ma 10 e poi rinuncia, siamo pronti a criticare il fatto che in una rally collection ci sono in previsione Lancia Stratos e Delta perche gia proposte precedentemente, ma abbiamo criticato la Mille Miglia collection perche mancavano le Ferrari, basta mettersi d'accordo su cosa si vuole. Alla fine tutti i discorsi si fermano sul solo argomento che fa' breccia nei produttori, cioe quanto guadagneranno dalle pubblicazioni e quanto l'investimento è a rischio e se il mercato non recepisce quanto proposto tutto finisce li, prova contraria è comunque l'interesse mostrato nei veicoli pubblicitari che escono dagli schemi prefissati o il successo che ha avuto la abarth.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Passione Rally Eaglemoss Collection
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2012, 14:45 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 9 gennaio 2006, 12:05
Messaggi: 2776
Località: Un po' qua, un po' là
baldotl ha scritto:
...siamo pronti a criticare il fatto che in una rally collection ci sono in previsione Lancia Stratos e Delta perche gia proposte precedentemente, ma abbiamo criticato la Mille Miglia collection perche mancavano le Ferrari...
Come non quotare..... Tanto per alcuni non va mai bene comunque.... :roll:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Passione Rally Eaglemoss Collection
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2012, 15:03 
Non connesso
Site Admin

Iscritto il: lunedì 9 gennaio 2006, 11:35
Messaggi: 25995
Località: Ai confini della realtà
In Italia non possiamo toccare le cifre che si raggiungono in Francia.
Meno punti vendita, meno collezionisti e minor tradizione.
L'Abarth è andata bene perché posava su basi solide, era seguita da persone qualificate e proponeva ottimi ed inediti soggetti.
Gli stessi fascicoli a corredo erano esemplari.
Non ha senso puntare su ennesimi modelli di soggetti già conosciuti.
Nell'ambito rally, sfruttando basi già esistenti, si potrebbero studiare almeno una quarantina di riproduzioni relative al campionato italiano. Ignoro le cifre che renderebbero vantaggiosa economicamente l'operazione, a che punto arriva la quota di effettivo guadagno?
10.000, 20.000 modelli venduti?
Non si chiedono nuovi stampi ma solo l'investimento-relativo- per nuove livree.
La raccolta Mille Miglia è stata davvero deludente, mancando quasi tutte le protagoniste.
La Ferrari Collection è ancora in fase di studio, ma quando esce un inedito, l'interesse è sempre vivo.
Altrettanto dicasi per i veicoli pubblicitari, una proposta a torto passata quasi sotto silenzio.
Sarebbe interessante poter confrontare i dati di vendita dei singoli paesi, Spagna, Francia ed Italia in primis.
Qui di seguito trovate la lista quasi completa delle proposte da edicola transalpine:

Age d'or des Voitures Francaises (L')
Age d'or des voitures Françaises - Les Bonus -
Alpine & Renault Sportives
Auto Plus La Collection
Camions d'autrefois
Champions Francais de Rallye
Chars de Combat
Citroën Type H
Collection 2 CV Citroën
Collection des Voitures Françaises d'autrefois
Collection Michelin Véhicules (Exclusivité)
Collection Peugeot (Exclusivité)
Concepts Cars La collection
DS Collection
La Caravane du Tour de France (En Exclusivité)
La casse de Journaux.fr !!
La Légende de la 2CV
La Légende du Dakar
La légende Mercedes-Benz
La Passion du Rallye
La Route Bleue
La saga des TRACTION CITROEN
Les voitures de James Bond 007
Les Voitures de Michel Vaillant
Les voitures et véhicules fantastiques de Blake et
Monstres sacrés de l'endurance
Nos Chères Camionnettes d'Antan (Exclusivité)
Nos Chères Voitures d'Antan (Exclusivité)
Passion Citroën
Passion de la Vitesse
Rallye Monte-Carlo
Renault 4 CV
Renault Collection
Seat Classique
Seat Sport
Simca Les Belles Années
Véhicules Postaux (Exclusivité)
Véhicules Sapeurs-Pompiers et leur Univers (Exclus
Voiture de Rallye de Collection (Exclusivité)
Voiture de Rêve de Collection (Exclusivité)
Voitures classiques (Exclusivité)

In questo caso, i numeri parlano da soli, senza bisogno di alcun commento.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Passione Rally Eaglemoss Collection
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2012, 15:05 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 9 gennaio 2006, 12:35
Messaggi: 12349
Località: SINAI
Nella MM collection mancavano le Ferrari per un veto posto direttamente da Maranello, secondo i bene informati, infatti, le "rosse" non possono apparire in raccolte "non" Ferrari.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Passione Rally Eaglemoss Collection
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2012, 15:08 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 9 gennaio 2006, 12:35
Messaggi: 12349
Località: SINAI
Umberto ha scritto:
In Italia non possiamo toccare le cifre che si raggiungono in Francia.
Meno punti vendita, meno collezionisti e minor tradizione.
L'Abarth è andata bene perché posava su basi solide, era seguita da persone qualificate e proponeva ottimi ed inediti soggetti.
Gli stessi fascicoli a corredo erano esemplari.
Non ha senso puntare su ennesimi modelli di soggetti già conosciuti.
Nell'ambito rally, sfruttando basi già esistenti, si potrebbero studiare almeno una quarantina di riproduzioni relative al campionato italiano. Ignoro le cifre che renderebbero vantaggiosa economicamente l'operazione, a che punto arriva la quota di effettivo guadagno?
10.000, 20.000 modelli venduti?
Non si chiedono nuovi stampi ma solo l'investimento-relativo- per nuove livree.
La raccolta Mille Miglia è stata davvero deludente, mancando quasi tutte le protagoniste.
La Ferrari Collection è ancora in fase di studio, ma quando esce un inedito, l'interesse è sempre vivo.
Altrettanto dicasi per i veicoli pubblicitari, una proposta a torto passata quasi sotto silenzio.
Sarebbe interessante poter confrontare i dati di vendita dei singoli paesi, Spagna, Francia ed Italia in primis.
Qui di seguito trovate la lista quasi completa delle proposte da edicola transalpine:

Age d'or des Voitures Francaises (L')
Age d'or des voitures Françaises - Les Bonus -
Alpine & Renault Sportives
Auto Plus La Collection
Avions de Combat à Réaction
Avions de combat de la 2ème guerre mondiale (Exclu
Blindés de combat
Bombardiers de la 2nd Guerre Mondiale
Camions d'autrefois
Champions Francais de Rallye
Chars de Combat
Citroën Type H
Collection 2 CV Citroën

Collection des Voitures Françaises d'autrefois
Collection Michelin Véhicules (Exclusivité)
Collection Peugeot (Exclusivité)
Concepts Cars La collection
DS Collection
La Caravane du Tour de France (En Exclusivité)
La casse de Journaux.fr !!
La Légende de la 2CV
La Légende du Dakar
La légende Mercedes-Benz
La Passion du Rallye
La Route Bleue
La saga des TRACTION CITROEN
Les Grandes Motos (En exclusivité)
Les HO de Journaux 1/87éme
Les voitures de James Bond 007
Les Voitures de Michel Vaillant
Les voitures et véhicules fantastiques de Blake et
Monstres sacrés de l'endurance
Motos de Compétition
Nos Chères Camionnettes d'Antan (Exclusivité)
Nos Chères Voitures d'Antan (Exclusivité)
Nuestros Campeones de Rallyes
Panzer
Passion Citroën
Passion de la Vitesse
Portes-Clés
Rallye Monte-Carlo
Renault 4 CV
Renault Collection
Seat Classique
Seat Sport
Simca Les Belles Années
Tracteurs et monde agricole
Véhicules Postaux (Exclusivité)
Véhicules Sapeurs-Pompiers et leur Univers (Exclus
Voiture de Rallye de Collection (Exclusivité)
Voiture de Rêve de Collection (Exclusivité)
Voitures classiques (Exclusivité)

In questo caso, i numeri parlano da soli, senza bisogno di alcun commento.


Ho sottolineato alcuni esempi che sono tutto tranne che "quattro macchinine prese a caso collection". :mrgreen:
Sarebbe "bello" imparare a copiare dagli altri con tanta umiltà.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Passione Rally Eaglemoss Collection
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2012, 15:32 
Non connesso
Site Admin

Iscritto il: lunedì 9 gennaio 2006, 11:35
Messaggi: 25995
Località: Ai confini della realtà
Si sapeva fin dagli inizi che la collezione Mille Miglia sarebbe stata orfana del cavallino.
Così come si sapeva che la messa in opera di nuovi stampi non sarebbe stata di certo un affare.
Qualora si vendessero almeno cinquantamila pezzi di un soggetto, per quanto di nicchia, il gioco varrebbe la candela, in caso contrario, nisba.
La Giaur oppure la Fiat 1100 sono state scelte coraggiose ma supportate da un effettivo successo di vendite?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Passione Rally Eaglemoss Collection
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2012, 15:34 
Non connesso
Site Admin

Iscritto il: lunedì 9 gennaio 2006, 11:35
Messaggi: 25995
Località: Ai confini della realtà
Fofò ha scritto:
Sarebbe "bello" imparare a copiare dagli altri con tanta umiltà.


Alf, non si tratta di copiare e nemmeno di vestire i panni francescani, purtroppo da noi i numeri sono deludenti, c'è poco da fare.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Passione Rally Eaglemoss Collection
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2012, 15:40 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 23 settembre 2011, 22:47
Messaggi: 3654
Località: chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile
Vi ricordo che Altaya, per quanto riguarda le gare di durata, aveva fatto oltre alla "Les monstres sacrés de l'Endurance" e l'ultima attualmente in corso "Passion de la Vitesse", la raccolta "24 heures du Mans" uscita per due volte.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Passione Rally Eaglemoss Collection
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2012, 15:50 
Non connesso
Site Admin

Iscritto il: lunedì 9 gennaio 2006, 11:35
Messaggi: 25995
Località: Ai confini della realtà
Detto così, en confidence...
La 24 ore di Le Mans riesce ancor oggi a radunare quasi duecentomila persone nell'arco della settimana.
Nessun'altra corsa al mondo può raggiungere questi numeri.
Un dato per tutti, gli spettatori della 1000 km d'Imola dello scorso anno. Con presenza qualificata e di prestigio.
Tanto numerosi da....
Glissons.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Passione Rally Eaglemoss Collection
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2012, 16:10 
Non connesso

Iscritto il: martedì 10 gennaio 2006, 1:08
Messaggi: 1492
stesso dicasi per la 1000Km di Monza l'ultima edizione si poteva organizzare una partita di calcio ... a 7 perche' per una partita standard 22 spettatori non c'erano, risultato la gara non fa' piu' parte del calendario


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Passione Rally Eaglemoss Collection
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2012, 16:14 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 23 settembre 2011, 22:47
Messaggi: 3654
Località: chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile
Umberto ha scritto:
Detto così, en confidence...
La 24 ore di Le Mans riesce ancor oggi a radunare quasi duecentomila persone nell'arco della settimana.
Nessun'altra corsa al mondo può raggiungere questi numeri.
Un dato per tutti, gli spettatori della 1000 km d'Imola dello scorso anno. Con presenza qualificata e di prestigio.
Tanto numerosi da....
Glissons.


Umberto, mi hai letto nel pensiero....
Ero presente ad Imola per la sei ore lo scorso luglio, spettatori, nonostante il costo del biglietto full di 15 euro, si e no 7/8000 persone, così come all'ultima (ahimè)1000 Km di Monza del 2008.
E' tutta una questione di cultura, non solo Le Mans ha successo tra il pubblico straniero, bastava vedere quanta gente era presente all'ultima sei ore di SPA lo scorso mese di maggio, per noi italiani esiste purtroppo solo la F1 e se non ci fosse la Ferrari neanche quella..


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Passione Rally Eaglemoss Collection
MessaggioInviato: mercoledì 6 giugno 2012, 16:55 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 13 giugno 2008, 20:52
Messaggi: 1568
Località: il paese del sole
Umberto ha scritto:
Detto così, en confidence...
La 24 ore di Le Mans riesce ancor oggi a radunare quasi duecentomila persone nell'arco della settimana.
Nessun'altra corsa al mondo può raggiungere questi numeri.
Un dato per tutti, gli spettatori della 1000 km d'Imola dello scorso anno. Con presenza qualificata e di prestigio.
Tanto numerosi da....
Glissons.


500 miglia Indianapolis 400.000 spettatori

500 miglia Daytona 180.000 spettatori

E' l'America Baby.... :mrgreen:

In compenso alla 12H di Sebring c'era meno gente che a Imola... :(


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 31 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice