Oggi è sabato 28 maggio 2022, 13:47

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 42 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 21 marzo 2006, 20:37 
Non connesso

Iscritto il: sabato 14 gennaio 2006, 18:36
Messaggi: 231
Non sono d'accordo.
Per esempio la Peaio-Zuel (l'embrione della futura ferrovia delle dolomiti)fu una tratta costruita nel periodo della prima guerra mondiale dall'esercito italiano e lo scartamento era di 75.
Comunque se hai foto della cabina, giusto per vedere....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 21 marzo 2006, 20:56 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 23 gennaio 2006, 22:08
Messaggi: 4549
Località: Ovunque, in sella alla vespa...
Sarà, ma nel lontano 1998 parlai con la ditta Ing. Greco di Reggio Emilia per chiedere informazioni sul locomotore ex-Mercati Generali di Firenze che abbiamo alla Leopolda. Poi la cosa morì lì, ma io con chi ho parlato?
Quanto ai documenti, embè, figuriamoci se a qualcuno poteva venire in mente di donarli a un Archivio di Stato o a qualche associazione di appasssionati. No, meglio fare piazza pulita e magari un bel centro commerciale.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 21 marzo 2006, 23:34 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 16:54
Messaggi: 309
Località: Verona
Uh, ce l'ho la foto di quella di Brunico, l'ho fatta vent'anni fa... Trovarla... Ci provo.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 22 marzo 2006, 8:14 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 14:50
Messaggi: 94
PerG-Master: probabilmente hai parlato con il personaggio che stava alla dirigenza della ditta, e che dopo la chiusura si è portato con sè molto materiale (ricambi), andando a lavorare per altra ditta di Milano specializzata nell'assistenza a veicoli ferroviari.
------------------------------------------------------------------------------------
L'Intendenza Generale del R.E. fece costruire nel 1916 quindici locomotive 750 mm a 2 assi, vap. saturo, distribuzione Allan per le proprie ferrovie campali.
Tali macchine vennero costruite dalle Officine Reggiane con il numero di commessa OMI 2051, e recavano numero di fabbrica da 42 a 56. :D

Gabriele Savi


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 22 marzo 2006, 16:37 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 16 gennaio 2006, 9:34
Messaggi: 183
Località: roma
Guardate che ho trovato:
http://dampflok.at/index2.html?/568.htm

8)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 22 marzo 2006, 17:16 
Non connesso

Iscritto il: sabato 14 gennaio 2006, 18:36
Messaggi: 231
X Gabriele
Sai mica se ci sono dei disegni di quelle locomotive?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 22 marzo 2006, 18:29 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 3 febbraio 2006, 13:31
Messaggi: 1725
Località: Roma
Diskro ha scritto:
ci son foto della cabina?


Se ti accontenti della Monte Velino, eccole.

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 22 marzo 2006, 19:02 
Non connesso

Iscritto il: sabato 14 gennaio 2006, 18:36
Messaggi: 231
Grazie mille!!!!
Comunque mi pare di capire che monte velino e fucino non sono lo stesso tipo di macchina,o sbaglio?
magari simili per forme e dimensioni ma non troppo.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 22 marzo 2006, 19:29 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 3 febbraio 2006, 13:31
Messaggi: 1725
Località: Roma
La Fucino è nata come macchina a 2 assi mentre la Monte Velino è nata a 3, poi modificata a 2 per renderla più adatta all'uso prettamente industriale che avrebbe svolto su binari posti alla meglio. Dalla foto che allego, si vede chiaramente che manca l'asse centrale. Fece parte di un lotto di 40 macchine a tre assi con i numeri di costruzione da 15847 a 15886 e immatricolate come KuK HB da 411 a 450 Questa ha il numero di costruzione 15863.

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 22 marzo 2006, 20:06 
Non connesso

Iscritto il: martedì 17 gennaio 2006, 18:26
Messaggi: 1292
Località: Friuli Venezia Giulia
Se vi interessano le foto della Fucino, probabilmente in luglio vado in Val Pusteria e potrei fare, per quanto possibile, delle foto "a richiesta" della Fucino. Vi chiedo solo una cortesia: ricordatemelo, magari con mail privata, verso i primi di luglio, altrimenti al 99,9999% me lo dimentico !! Ciao


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 22 marzo 2006, 21:39 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 23 gennaio 2006, 22:08
Messaggi: 4549
Località: Ovunque, in sella alla vespa...
Non fossimo nel paese in cui siamo, quella macchina potrebbe essere rimessa in funzione su qualche linea turistica.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 22 marzo 2006, 21:54 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 9 gennaio 2006, 14:18
Messaggi: 2254
Località: VE - vicolo Corto n° 973
Fossimo in Austria, sulla Gurktalbahn, una locomotiva simile la vedremmo trainare qualche treno per turisti... :wink:

Immagine

Pöckstein 29/08/2004

Ciao
Luca


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 22 marzo 2006, 23:12 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 23 gennaio 2006, 22:08
Messaggi: 4549
Località: Ovunque, in sella alla vespa...
E pensare che questo genere di macchine era piuttosto diffuso anche da noi. Ma tanto, pensare di conservarne qualcuna, non parliamo poi di farla anche andare per carità, ovviamente era qualcosa che andava troppo fuori dagli schemi della nostra mentalità. Peccato, perché all'estero con queste cose ci fanno perfino i soldi, mentre a Paliano si può vedere e toccare con mano che fine ha fatto l'unico tentativo del genere nel nostro paese.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 23 marzo 2006, 8:06 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 14:50
Messaggi: 94
Per Diskro: qui trovi qualche dato e disegno sulla Henschel, nella versione originale a 3 assi.
http://www.interlok.info/Las.htm

Ciao

Gabriele :)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: La "Fucino"
MessaggioInviato: sabato 1 aprile 2006, 4:14 
Non connesso

Iscritto il: sabato 4 marzo 2006, 14:39
Messaggi: 379
Località: Monselice (PD)
Su TT 95 (febbraio ’97) venne pubblicata la notizia, assieme ad alcune foto, del trasferimento presso una officina di una piccola locomotiva acquistata dalla Raiffeisenkasse di Sand in Taufers per essere sottoposta a restauro estetico e poi esposta. Nella notizia si specificava che le uniche iscrizioni ritrovate sulla locomotiva erano le targhe con il nome FUCINO e venivano richieste informazioni su questo mezzo da trasmettere direttamente alla redazione della rivista. In TT 98 un articolo firmato da Guerrino Russo (La FUCINO del 1917) riprendeva, in maniera un po’ più articolata, quanto scritto da Giorgio Gatti a pag. 84 nel suo libro “Le ferrovie coloniali italiane” del 1975. L’articolo è corredato da alcune foto scattate da Vedovato nel 1973 alle locomotive di Bruneck e da quelle di Giacobbo scattate alla ‘Monte Velino’. Le tre locomotive di Bruneck portano i numeri 1, 9 e 10: la 1 è la ‘Fucino’, la 9 dovrebbe essere la ‘Aquila’, mentre la 10 non ha targhe con il nome. Effettivamente la ‘Fucino’ di Bruneck è la stessa locomotiva ora monumentata nel piazzale dove sorgeva la stazione di Sand in Taufers, davanti alla Raiffeisenkasse. Questa locomotiva, però, non faceva parte del gruppo di 40 unità serie R IIIc delle KuK HB costruite dalla Henschel, come scritto da Gatti e Russo, ma è la Krauss-Maffei n° 5204 del 1904; lo si può vedere nel sito www.dampflok.at e, con qualche difficoltà, dalla targa del costruttore che compare nella foto di Vedovato. Di quel gruppo facevano invece parte la 8 ‘Monte Velino’ (ex 427 R IIIc KuK HB) e la 9 (Aquila?) assieme alle 413 e 436 che andarono a Tripoli, dove furono demolite alla fine della II guerra. Della 10 si sono perse le tracce e non è certo che fosse una ex R IIIc KuK HB.
Ho fotografato la ex ‘Fucino’ a Sand in Taufers nel 2004: le targhe del costruttore erano già state asportate a Bruneck, mentre le targhe con il nome sono state sostituite, in fase di restauro, con altre che rappresentano due cavalli.
Sergius


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 42 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice