Oggi è venerdì 1 luglio 2022, 2:37

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 528 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 19, 20, 21, 22, 23, 24, 25 ... 36  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: I ns modelli(aerei &carri) e parliamo della loro storia
MessaggioInviato: sabato 28 febbraio 2015, 23:35 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 0:52
Messaggi: 4062
Località: San Germano Vi/Cropani Marina Cz
Ed infine immaginatevi questo M13/40 (Divisione Littorio El Alamein 1942) ad affrontare vari Matilda o Cromwell............

Armando


Allegati:
100_2047.JPG
100_2047.JPG [ 126 KiB | Osservato 5031 volte ]
100_2048.JPG
100_2048.JPG [ 152.43 KiB | Osservato 5031 volte ]
100_2049.JPG
100_2049.JPG [ 116.76 KiB | Osservato 5031 volte ]
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: I ns modelli(aerei &carri) e parliamo della loro storia
MessaggioInviato: sabato 28 febbraio 2015, 23:37 
Non connesso

Iscritto il: martedì 27 giugno 2006, 17:48
Messaggi: 1721
Località: Granducato di Toscana
Visto che mi hai dato l' input io calo questa (anche lei rotolava sui binari) , anche se è già stata sul forum qualche anno fa la ripropongo qui .
Modello in resina di Cavalleria Italiana un po' modificato ... si tratta della littorina blindata LIBLI II , versione costruita dall' Ansaldo su telai delle ALn 56 FIAT modificate , per l'esercito tedesco . La versione precedente , diversamente armata , usata dal Regio Esercito non era disponibile come modello
ma l'avrei preferita .

Allegato:
PICT4192.JPG
PICT4192.JPG [ 205.88 KiB | Osservato 5031 volte ]


Allegato:
PICT4098.JPG
PICT4098.JPG [ 170.02 KiB | Osservato 5029 volte ]


La denominazione tedesca era : Panzer-Triebwagen Nr.30 - 38 (Ansaldo ALn-56)
L' impiego fu la zona dei Balcani e la Boemia per la protezione delle linee ferroviarie e la scorta ai treni dagli attacchi partigiani ( stesso impiego di quelle italiane ) , alcune furono accoppiate a formare treni armati leggeri per esempio la n° 30 e 31 formarono il Armored Train *(light scout) n°303 *Il libro da cui ho tratto le notizie è in inglese

Verso la fine della guerra una fu catturata il 20/4/45 , all'armistizio sei si arresero ed una fu abbandonata il 9/5/45 , dell' ultima non si hanno notizie .

A Trieste , al Museo De Henriquez , ci sono due relitti di queste littorine blindate , credo una per serie .

Giancarlo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: I ns modelli(aerei &carri) e parliamo della loro storia
MessaggioInviato: domenica 1 marzo 2015, 0:17 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 0:52
Messaggi: 4062
Località: San Germano Vi/Cropani Marina Cz
Ammettiamo quindi che almeno nelle mimetiche...primeggiavamo :mrgreen: ....

Bellissimo modello Giancarlo!


Armando


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: I ns modelli(aerei &carri) e parliamo della loro storia
MessaggioInviato: domenica 1 marzo 2015, 19:08 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 13 agosto 2012, 17:52
Messaggi: 1034
Certo che primeggiavamo....i migliori stilisti sono italiani! :lol:
Giancarlo, veramente bella!
Non la avevo vista, evidentemente non ero ancora iscritto quando la mettesti sul forum.

Ciao Gianfranco


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: I ns modelli(aerei &carri) e parliamo della loro storia
MessaggioInviato: lunedì 2 marzo 2015, 9:09 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 27 gennaio 2006, 0:24
Messaggi: 1581
Ti posso confermare che le libli di trieste, sono una per tipo. Purtroppo sono in condizioni pessime, anni di vita all'aperto e vandalismi le hanno rovinate. Ora hanno un tetto sulla testa, sono sotto una tettoia e non sono nella parte di museo aperta al pubblico. E' previsto il restauro, ma non si sa con quali tempi, per ora hanno restaurato e reso fruibile il materiale della prima guerra mondiale, per ovvi motivi di anniversario. La panzerdraisine della Steier, invece, è restaurata e visibile al museo ferroviario.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: I ns modelli(aerei &carri) e parliamo della loro storia
MessaggioInviato: lunedì 2 marzo 2015, 23:03 
Non connesso

Iscritto il: martedì 27 giugno 2006, 17:48
Messaggi: 1721
Località: Granducato di Toscana
d 341 ionica ha scritto:
qui nella versione tedesca, anti partigiani nei Balcani...
ps...lascio a Giancarlo (Libli) se ne avrà voglia di scrivere un po'di storia di queste autoblindo Fiat Ansaldo AB...e magari anche del carretto nelle foto successive.

ciao Armando


C'è poco da dire
L'AB40
il prototipo viene provato nel 1939 in Etiopia ma entra in servizio nel 1941 con due mitragliere in torretta e una in coda ,prodotta a rilento evolve nell' AB41 con arma da 20mm e poi nell' AB43 , anche versioni ferroviarie .
Dal 43 al 45 viene prodotta per i tedeschi , nel dopoguerra è utilizzata dalla polizia fino ai '50 e dal genio ferrovieri fino alla fine dei '60 .
Ci sono montato sopra ad una manifestazione , due posti di guida , quattro ruote sterzanti , ruote di scorta imperniate e girevoli potevano sostenere durante l'attraversamento di trincee come assi portanti (come il camion a tre assi Dovunque) , per la rotazione della torretta c'era una cremagliera circolare del diametro della torretta , comandata da un pignone a manovella tutto a vista , interno tutto bianco anti fiamma ad eccezione dell'interno degli sportelli che si ribaltavano all'esterno in colore mimetico .
Notevoli le pochissime " Sahariane scoperte "derivate , usate per puntate offensive nel deserto nel 1943 in Africa allo stesso modo delle Lancaster inglesi , solo che loro lo facevano nel 1940....

M13/40
figlio del peggior carro mai pensato (M11/39) ebbe problemi all'inizio , inviato in Libia di corsa 100 esemplari con poco addestramento ( e non addestrati alla guerra lampo perché i nostri generaloni , che avrebbero fatto incazzare Napoleone ,mica avevano imparato niente dalla guerra d' Abissinia , dalla guerra di Spagna , da un anno di guerra in Europa ..ma pensavano alle eroiche cariche di cavalleria con le sciabole sguainate .... ) naturalmente senza filtri anti sabbia che magari servono in Versilia o sulla riviera romagnola ma nel deserto sono di peso .
Tattica inglese : prendere tutti i carri armati in Egitto e Palestina , farne una brigata corazzata e pestare gli italiani
Tattica italiana : abbiamo 100 nuovi carri , abbiamo in Libia 50 battaglioni = 2 carri a battaglione !!!!
Risultato : quando gli inglesi trovavano gli italiani , noi ne buscavamo sempre perché loro erano in supremazia schiacciante ....

Dopo le cose si assestarono ma per poco tempo , con l'arrivo dei carri americani si ritornò a buscarne .....anche se era evoluto in 14/41 (gli inglesi erano passati dallo Stuart al Grant !!!!!)

Brutta sorpresa per gli inglesi fu il derivato semovente 75/18 , l'unico italiano che poteva competere con Grant e Sherman , l'unico difetto era la quantità , alla battaglia di El Alamein 32 semoventi pezzo , 16 semoventi comando (disarmati !!!! ) contro 285 Sherman e 246 Grant .... più 38 Mark IIII tedeschi .... il resto erano M14/41 , L6 , Mark II , Mark III

in totale 259 Italiani 238 tedeschi e di là 1348 inglesi ....

C'è poco da immaginare Armando .... ONORE e sacrificio

PS c'è anche da considerare le diverse tipologie costruttive , i carri italiani lamiere piane chiodate che quando prendevano un colpo anche se non entrava , rintronava i chiodi e se si rompevano le teste rimbalzavano all' interno come schegge impazzite straziando .
I carri tedeschi lamiere piane saldate . I carri di origine americana fusioni stondate .

Giancarlo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: I ns modelli(aerei &carri) e parliamo della loro storia
MessaggioInviato: lunedì 2 marzo 2015, 23:22 
Non connesso

Iscritto il: martedì 27 giugno 2006, 17:48
Messaggi: 1721
Località: Granducato di Toscana
littorina 67 ha scritto:
Non la avevo vista, evidentemente non ero ancora iscritto quando la mettesti sul forum.
Ciao Gianfranco


Allora forse non avrai visto nemmeno questo :
cannone navale 381/40 su affusto ferroviario Ansaldo , anno 1917 ,

Allegato:
PICT3955.JPG
PICT3955.JPG [ 169.97 KiB | Osservato 5006 volte ]


e qui con il suo bravo proietto da 885 Kg. ed un militare di altezza media italiana del 1917 :lol: :lol:

Allegato:
381 40 B N.JPG
381 40 B N.JPG [ 57.73 KiB | Osservato 5006 volte ]


Giancarlo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: I ns modelli(aerei &carri) e parliamo della loro storia
MessaggioInviato: lunedì 2 marzo 2015, 23:41 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 0:52
Messaggi: 4062
Località: San Germano Vi/Cropani Marina Cz
Grazie Giancarlo.
Ottima descrizione.
Mi ha colpito il fatto delle quattro ruote sterzanti dell'Ab...

Pazzesco il cannone navale su rotaia.
Lo usavano sull'adriatica?
O dietro le linee del Carso?
L'hai costruito tu? complimenti...

Armando


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: I ns modelli(aerei &carri) e parliamo della loro storia
MessaggioInviato: martedì 3 marzo 2015, 21:34 
Non connesso

Iscritto il: martedì 27 giugno 2006, 17:48
Messaggi: 1721
Località: Granducato di Toscana
Ieri sera avevo scritto un sacco di cose , che poi non so per quale ragione non ho salvato ed ho perso al momento di inviare :oops:

La nostra impreparazione era anche figlia della dittatura , non ci si poteva lamentare , non si poteva criticare , non si poteva confrontare , andava sempre tutto bene , DOVEVA andare sempre tutto bene , i difetti si nascondevano !!! Una colonna di nostri carri L3 in Etiopia fu distrutta bloccandola su un sentiero di montagna dove non potevano manovrare ,da un gruppo di abissini armati di lance e scimitarre che li bloccarono con massi e tronchi e cominciarono a dare fuoco all'ultimo per poi risalire verso il primo , in Spagna gli L3 si tiravano dietro i cannoni anticarro per contrastare le prime versioni dei carri T russi , che si cercava di catturare per riutilizzarli , ma i nostri generali a cosa pensavano ??? .....già buoni quelli , sul campo ne sono morti pochi ma son morti da eroi !!!!!
però a me viene in mente lo stato maggiore di Lero ,nel Dodecanneso (vado a memoria , potrei sbagliare il luogo ma è per far capire ancora nel 1943 chi ci comandava :twisted: ) 9 settembre 1943 , il giorno dopo l'armistizio , catturato al completo dai tedeschi alla mensa ufficiali , perché caschi il mondo all' una si mangia !!! coi camerieri in guanti bianchi .

Vi siete mai chiesti perché dopo i primi scontri aeronavali del 1940 alle nostre navi (dalle corazzate ai mas) venne dipinta a bande bianche e rosse la parte di coperta dalla prua sino alla prima torre ? Forse perché i nostri piloti non le riconoscevano e le attaccavano sistematicamente , d'altra parte nessuno aveva mai pensato di addestrare alla cooperazione la marina con l'aeronautica , ognuno si faceva i ca@@i suoi , tra invidie e presunzioni di superiorità !!!

Nella marina inglese , nel bene e nel male , comandava ed era responsabile chi era in mare .
Nella Regia , comandava Supermarina da Roma , un ricognitore dell'aeronautica avvistava qualcosa , cifrava e trasmetteva al suo comando , il comando cifrava e trasmetteva a Superaereo , che cifrava e trasmetteva a Supermarina , che cifrava e trasmetteva alle navi in mare (sempre che fossero ancora a galla dopo sti giri di cifre !!!!!)

Per l' AB 40 tutte le quattro ruote sterzavano contemporaneamente avendo due posti di guida opposti , ti allego una scansione del telaio

Allegato:
AB 41 telaio.jpg
AB 41 telaio.jpg [ 204.28 KiB | Osservato 4992 volte ]


Per il cannone navale , è un modello costruito da me , quando venni a conoscenza che non solo tedeschi , francesi ed altri avevano avuto grossi cannoni ferroviari ma anche noi italiani li avevamo costruiti ed usati, si trattava dei cannoni preparati per le corazzate classe Caracciolo ? costruite a livello di scafo , mai finite e varate e demolite dopo la fine della 1^ guerra . L' utilizzo fu in Friuli ,ne vennero impiegati tre o quattro , inquadrati in batterie da assedio dell'esercito . L'impiego operativo era laborioso , veniva costruito un tratto di binario in curva per il brandeggio orizzontale ( l'affusto poteva brandeggiare di un solo grado ) ed il cannone veniva messo in punteria coi due argani anteriori tramite corde e bitte infisse nel terreno . Quindi si poteva sparare solo su bersagli fissi .
Negli anni trenta furono ricondizionati a La Spezia (nel frattempo erano ritornati alla marina ) ma non vennero mai usati , i tedeschi se li presero ed uno fu trovato in Germania dagli alleati .
Impossibile l'impiego anti nave sull'affusto ferroviario .

Saluti Giancarlo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: I ns modelli(aerei &carri) e parliamo della loro storia
MessaggioInviato: mercoledì 4 marzo 2015, 19:40 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 13 agosto 2012, 17:52
Messaggi: 1034
E già Giancarlo, mi mancava si , spettacolare!
Veramente bello complimenti , molto interessanti anche gli appunti tecno\storici

Ciao Gianfranco :D


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: I ns modelli(aerei &carri) e parliamo della loro storia
MessaggioInviato: martedì 10 marzo 2015, 7:32 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 0:52
Messaggi: 4062
Località: San Germano Vi/Cropani Marina Cz
"Quattro gatti" buongiorno!

Ieri mentre spolveravo ho trovato alcuni modelli di carro...
Ma di carri particolari...perchè ci faranno vedere quale fu la genesi del carro armato...quindi prima guerra mondiale.

A dopo

Armando


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: I ns modelli(aerei &carri) e parliamo della loro storia
MessaggioInviato: martedì 10 marzo 2015, 9:07 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 0:52
Messaggi: 4062
Località: San Germano Vi/Cropani Marina Cz
Ecco il MARK lV....
forse il precursore in tutti i sensi del carro armato moderno.
Purtroppo le tecniche di combattimento non gli permisero il successo che meritava...tra l'altro difficile in una guerra di posizione.

Armando

ps i modelli sono abbastanza scarsi...credo sia stata una collezione della Fabbri editore fine anni 90... un po'approssimativi con scale approssimative di materiale resinoso molto pesante..


Allegati:
100_2080.JPG
100_2080.JPG [ 122.68 KiB | Osservato 4911 volte ]
100_2079.JPG
100_2079.JPG [ 112.25 KiB | Osservato 4911 volte ]
100_2077.JPG
100_2077.JPG [ 109.95 KiB | Osservato 4911 volte ]
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: I ns modelli(aerei &carri) e parliamo della loro storia
MessaggioInviato: martedì 10 marzo 2015, 9:12 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 0:52
Messaggi: 4062
Località: San Germano Vi/Cropani Marina Cz
ed ecco il portentoso A7V tedesco...
Portentoso solo nelle dimensioni.
Costruito in poche decine di esemplari risultava poco mobile e agile e abbastanza vulnerabile agli attacchi nemici.
Certo a vederlo colpisce per le forme quasi da film "postguerra nucleare alla mad max :wink: "


Allegati:
100_2084.JPG
100_2084.JPG [ 135.5 KiB | Osservato 4911 volte ]
100_2083.JPG
100_2083.JPG [ 117.39 KiB | Osservato 4911 volte ]
100_2082.JPG
100_2082.JPG [ 105.77 KiB | Osservato 4911 volte ]
100_2081.JPG
100_2081.JPG [ 111.08 KiB | Osservato 4911 volte ]
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: I ns modelli(aerei &carri) e parliamo della loro storia
MessaggioInviato: martedì 10 marzo 2015, 9:17 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 0:52
Messaggi: 4062
Località: San Germano Vi/Cropani Marina Cz
Ed infine il francese FT17 della Renault...
Ne venne costruito un elevatissimo numero e possiamo ammettere che è quello che si avvicina di piu'a quello che poi sarà il canonico carro armato.
L'Italia ne prese alcuni su licenza e scopiazzandolo costrui'il validissimo fiat 2000 (o 3000? non ricordo)

Armando


Allegati:
100_2085.JPG
100_2085.JPG [ 108.49 KiB | Osservato 4911 volte ]
100_2086.JPG
100_2086.JPG [ 93.82 KiB | Osservato 4911 volte ]
100_2087.JPG
100_2087.JPG [ 105.13 KiB | Osservato 4911 volte ]
100_2088.JPG
100_2088.JPG [ 108.77 KiB | Osservato 4911 volte ]
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: I ns modelli(aerei &carri) e parliamo della loro storia
MessaggioInviato: giovedì 12 marzo 2015, 11:15 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 27 gennaio 2006, 0:24
Messaggi: 1581
E' il FIAT 3000, il FIAT 2000 era un "cassone" sullo stile dell' A7V, con l'unica cosa positiva di avere l'armamento principale in torretta. Tutt'e due i modelli arrivarono comunque troppo tardi per partecipare al primo conflitto mondiale, ma restarono in tempo per partecipare a guerre coloniali ed al secondo conflitto mondiale.
Il FIAT 3000 non era una semplice copia del carro francese, incorporava anche diverse novità come una diversa disposizione del motore e modifiche alle modalità costruttive
Prima che finisse la guerra il regio esercito ebbe anche in prova alcuni esemplari di Schneider CA1 di produzione Francese, ma non risultarono interessanti alle autorità militari dell'epoca.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 528 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 19, 20, 21, 22, 23, 24, 25 ... 36  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice