Oggi è venerdì 19 aprile 2024, 14:21

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 34 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Piastre di attacco
MessaggioInviato: mercoledì 3 luglio 2019, 9:28 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 5 febbraio 2007, 21:41
Messaggi: 4995
Ciao a tutti,
qualcuno ha informazioni circa le differenti piastre di attacco usate per sostenere le rotaie inclinate di 1/20 nei sistemi ad attacco diretto?
Vedo spesso piastre a due caviglie (una per lato) ed a quattro caviglie (due per lato), nonchè per rotaie UIC50 e per UIC-60. Non sono però quante versioni siano mai state utilizzate. Allego uno schema qui sotto.
Grazie anticipatamente.


Allegati:
attacco diretto.jpg
attacco diretto.jpg [ 13.3 KiB | Osservato 11955 volte ]
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Piastre di attacco
MessaggioInviato: mercoledì 3 luglio 2019, 12:23 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 5924
Località: Sorbolo di Sorbolo Mezzani (PR)
Spiegati meglio, parli di attacco diretto e poi posti un attacco indiretto.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Piastre di attacco
MessaggioInviato: mercoledì 3 luglio 2019, 13:03 
Non connesso

Iscritto il: domenica 14 marzo 2010, 21:37
Messaggi: 1908
Località: Faenza
Esatto, l' attacco diretto è quello in cui ogni chiavarda serra alla traversa sia la suola della rotaia, sia la piastra.
Nell' attacco indiretto, invece, la chiavarda serra la piastra alla traversa. Poi ci sono dadi che, tramite pezzetti di raccordo, serrano la suola della rotaia alla piastra. Ed è quello che hai mostrato.

Attacchi diretti si possono fare usando le lastrine fotoincise di LeClubProto87.
Sono a 3 fori, nella stessa lastrina ce ne sono anche alcune a 4 fori.

In un manuale avevo letto che erano state usate inizialmente quelle a due fori, che sono sfalsati.
Poi, per irrobustire, passarono ai tre fori.
In un articolo sul disastro del Vajont apparso su TT si vede un tratto di binario con piastre a 3 fori, alcune con i due fori fuori, altri coi due fori dentro.

Se ne è parlato anche qui :
viewtopic.php?f=7&t=81399&p=908041
viewtopic.php?f=7&t=81399&p=907802
viewtopic.php?f=21&t=66360


Stefano Minghetti


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Piastre di attacco
MessaggioInviato: mercoledì 3 luglio 2019, 13:06 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 5 febbraio 2007, 21:41
Messaggi: 4995
Si, intendevo l'attacco indiretto, i lapsus aumentano con l'età. Del resto se l'attacco fosse diretto non ci sarebbe la piastra…

Con piastra a 2 e 4 caviglie intendo queste, rispettivamente (la prima non è strettamente a 2 ma ne ho viste):


Allegati:
Piastra - 1.JPG
Piastra - 1.JPG [ 44.97 KiB | Osservato 11920 volte ]
Piastra - 2.JPG
Piastra - 2.JPG [ 17.78 KiB | Osservato 11920 volte ]


Ultima modifica di evil_weevil il mercoledì 3 luglio 2019, 13:11, modificato 1 volta in totale.
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Piastre di attacco
MessaggioInviato: mercoledì 3 luglio 2019, 13:10 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 5 febbraio 2007, 21:41
Messaggi: 4995
ste.klausen21 ha scritto:
Attacchi diretti si possono fare usando le lastrine fotoincise di LeClubProto87.
Sono a 3 fori, nella stessa lastrina ce ne sono anche alcune a 4 fori.

In un manuale avevo letto che erano state usate inizialmente quelle a due fori, che sono sfalsati.
Poi, per irrobustire, passarono ai tre fori.
In un articolo sul disastro del Vajont apparso su TT si vede un tratto di binario con piastre a 3 fori, alcune con i due fori fuori, altri coi due fori dentro.

Ciao Stefano, grazie mille. In realtà avevo postato la domanda in questa sezione perché volevo sapere che tipologie di piastre esistessero "al vero", non in 1:87 :D
Nel senso, sicuramente ogni rotaia vuole la sua perché la sede tra due riscontri affacciati deve essere pari alla larghezza del piede della rotaia, che non deve muoversi e la cui larghezza varia da UIC46 a UIC50 a UIC54 a UIC60.
Ma poi, per una medesima rotaia esiste solo una tipologia di piastra? Oppure per rotaie UIC50 e UIC60, per esempio, esistono sia piastre a 4 caviglie sia piastre a 2?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Piastre di attacco
MessaggioInviato: mercoledì 3 luglio 2019, 22:21 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 5924
Località: Sorbolo di Sorbolo Mezzani (PR)
Le piastre per attacco indiretto esistono a 2 e 4 caviglie di fissaggio alla traversa.
Quelle a 4 sono usate sai con traverse in CAP, sia, e per forza, con quelle in legno.
Quelle a due con traverse in acciaio o CAP.
Poi il fissaggio della rotaia può avvenire con:
- piastrine o cavallotti e chiavarda
- attacco elastico Pandrol
- attacco elastico Vossloh
Nel caso di traverse in CAP le caviglie e le piastre possono essere assenti: sono sagomate le traverse o/e parte dell'attacco è affogato nel CAP.

Nel caso di attacco indiretto la piastra c'è sempre: serve per dare l'inclinazione della rotaia. La differenza sta nel fatto che con la caviglia si fissano conteporaneamente piastre e rotaia.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Piastre di attacco
MessaggioInviato: venerdì 5 luglio 2019, 9:11 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 5 febbraio 2007, 21:41
Messaggi: 4995
Ok grazie mille.
Quindi apparentemente non c'è un nesso diretto tra tipologia di rotaia e numero di caviglie?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Piastre di attacco
MessaggioInviato: venerdì 5 luglio 2019, 9:44 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 5924
Località: Sorbolo di Sorbolo Mezzani (PR)
Ni.
parlando di scartamento normale o largo.
Nel senso che il tipo di attacco e il tipo di rotaia vanno di pari passo in funzione del tipo di linea in cui sono inserite.
Per un raccordo di uno stabilimento si possono anche utilizzare anche rotaie UNI 36 e attacchi diretti su traverse in legno.
Per tutte le altre linee UNI 50 (in disuso) o UNI 60 (che adesso si chiama diversamente), ma tutto con attacco indiretto in base al tipo di traversa.
Poi ci sono tutti gli altri casi degli scartamenti ridotti, a memoria, ormai minimo UNI 50 e attacchi indiretti su traverse in CAP.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Piastre di attacco
MessaggioInviato: venerdì 5 luglio 2019, 11:35 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 5 febbraio 2007, 21:41
Messaggi: 4995
Ok grazie.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Piastre di attacco
MessaggioInviato: martedì 30 luglio 2019, 14:09 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 febbraio 2008, 11:22
Messaggi: 1166
Località: trento
Sull’evoluzione dell’armamento ferroviario ed dei suoi componenti quali rotaie, traverse etc, anche solo limitandoci all’Italia, potremmo scrivere un vero e proprio trattato ed in più volumi,…semplificando al massimo la materia limitiamoci agli organi d’attacco ed agli ultimi decenni … Il tutto è sinteticamente riassunto nelle frasi di apertura di una circolare del 2005
Allegato:
Schermata 2019-07-30 alle 14.38.42.jpg
Schermata 2019-07-30 alle 14.38.42.jpg [ 113.59 KiB | Osservato 11351 volte ]

Necessaria una precisazione: gli attacchi elastici sopracitati, ad una osservazione visiva, appaiono e sono attacchi diretti dal punto di vista costruttivo, ma sono considerati di tipo indiretto per le caratteristiche di comportamento impedendo o limitando al massimo effetti di scorrimento della rotaia.
Allegato:
attac 004.jpg
attac 004.jpg [ 149.62 KiB | Osservato 11351 volte ]


Già nel 1990/91 gli standard d’armamento delle FS prevedevano, per piena linea e binari di corsa, l’utilizzo generalizzato degli attacchi tipo Pandrol tipo “e”, con posa diretta della rotaia con piastra sottorotaia in materiale di elevata elasticità (gomma od altro polimero) su traverse in cap tipo FS, lasciando solo alle linee della rete locale e complementare, e dal 1995 anche a binari di circolazione e secondari, sempre su traverse in cap, gli attacchi rigidi (o meglio semi rigidi) tipo K.
Allegato:
Schermata 2019-07-30 alle 14.50.56.jpg
Schermata 2019-07-30 alle 14.50.56.jpg [ 136.69 KiB | Osservato 11351 volte ]
il tipo francese Nabla non risulta utilizzato in Italia
Allegato:
attac K.jpg
attac K.jpg [ 119.06 KiB | Osservato 11351 volte ]
tipo K (semirigido per la presenza di rosette elastiche fra bullone della chiavarda e piastrina e, nella versione per traverse in cap, anche fra caviglia e piastra)
Il semirigido K, ottimo su traverse in legno, nell’uso esteso sulle più rigide traverse in cap, avvenuto negli 70 e soprattutto 80, cominciò a infatti mostrare la necessità di costante manutenzione. In seguito oltre ai Pandrol ”e" sono stati omologati per l’uso sulla rete italiana altre tipologie della stessa Pandrol (“Fastclip,” AV e LC ) e di altri costruttori in particolare i Vossloh. Ed i nuovi standard (dal 2016) prevedono infatti armamento su traverse in cap con sistemi di attacco elastico premontato senza specificarne il tipo ma omologato da RFI e solo su binari secondari la possibilità di tipo K.
Non stupisca però il trovare ancora in uso armamenti non conformi gli standard: infatti, come logico, il nuovo standard si applica a nuove progettazioni/realizzazioni e viene applicato al preesistente in occasione di rinnovo radicale (la vita utile delle traverse in cap è stimata in 35/40 anni)
Ulteriore curiosità i primi attacchi elastici su traverse in cap sono stati sperimentati a fine anni 50 (traverse Ethernit Mazza, e traverse biblocco (RS) e monoblocco (VW) di concezione francese) I Pandrol “e” nei primissimi anni 70 su traverse sperimentali FS MP60; la direttissima Roma Firenze fu progettata (anni 70) e i suoi primi tratti entrarono in servizio (1977) con attacchi tipo K su traverse in cap…


Ultima modifica di merlotrento il martedì 30 luglio 2019, 22:13, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Piastre di attacco
MessaggioInviato: martedì 30 luglio 2019, 16:15 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 febbraio 2008, 11:22
Messaggi: 1166
Località: trento
attacco K su binari di corsa
Allegato:
K corsa.jpg
K corsa.jpg [ 275.64 KiB | Osservato 11340 volte ]
Allegato:
K corsa.jpg
K corsa.jpg [ 175.32 KiB | Osservato 11340 volte ]

circolazione
Allegato:
K circ.jpg
K circ.jpg [ 277.69 KiB | Osservato 11340 volte ]

e secondari
Allegato:
K sec.jpg
K sec.jpg [ 249.35 KiB | Osservato 11340 volte ]
Allegato:
Kle sec.jpg
Kle sec.jpg [ 246.22 KiB | Osservato 11340 volte ]

Attacco Vossloh su binario di corsa
Allegato:
Woss corsa.jpg
Woss corsa.jpg [ 276.09 KiB | Osservato 11340 volte ]
Vossloh su bin corsa e K su circolazione
Allegato:
K circ Voss corsa.jpg
K circ Voss corsa.jpg [ 282.43 KiB | Osservato 11340 volte ]

attacco Pandrol "e" su binari di corsa
Allegato:
pandrol corsa.jpg
pandrol corsa.jpg [ 220.11 KiB | Osservato 11338 volte ]

circolazione
Allegato:
pandr cicc.jpg
pandr cicc.jpg [ 287.91 KiB | Osservato 11340 volte ]
Allegato:
pandr circ.jpg
pandr circ.jpg [ 212.35 KiB | Osservato 11340 volte ]

e secondari
Allegato:
pandrol second.jpg
pandrol second.jpg [ 220.51 KiB | Osservato 11340 volte ]


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Piastre di attacco
MessaggioInviato: mercoledì 31 luglio 2019, 14:23 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 5 giugno 2006, 19:20
Messaggi: 1081
Località: Città di Castello
Carissimo Pietro, detto il vernacolo mittelitaliko:

Ah, Piè..
come farebbimo,
sanza de tte?

Grazie per l'ennesima volta,
Andrea


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Piastre di attacco
MessaggioInviato: venerdì 2 agosto 2019, 8:29 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 febbraio 2008, 11:22
Messaggi: 1166
Località: trento
Per le rotaie a doppio fungo e relative modalità di attacco si veda qui
http://www.forum-duegieditrice.com/viewtopic.php?f=21&t=94998&hilit=doppio+fungo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Piastre di attacco
MessaggioInviato: venerdì 2 agosto 2019, 8:34 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 febbraio 2008, 11:22
Messaggi: 1166
Località: trento
per le cassette di manovra manuale (macachi) si veda qui
http://www.forum-duegieditrice.com/viewtopic.php?f=21&t=94956&hilit=+macachi


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Piastre di attacco
MessaggioInviato: venerdì 2 agosto 2019, 8:39 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 febbraio 2008, 11:22
Messaggi: 1166
Località: trento
per le deucaville e minerarie qui
Deucaville e ferrovie minerarie: rotabilii e armamentohttp://www.forum-duegieditrice.com/viewtopic.php?f=21&t=96395&hilit=+deucaville


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 34 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Via Stazione 10, 35031 Abano Terme (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttore editoriale: Luigi Cantamessa - Amministratore unico: Aldo Baldi - Direttori responsabili: Pietro Fattori - Daniela Ottolitri.
Registro Operatori della Comunicazione n° 37957. Partita iva IT 05448560283 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice Srl