Oggi è mercoledì 12 maggio 2021, 2:44

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 18 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: QUESITO: se facessi girare sul plastico un treno storico...
MessaggioInviato: martedì 13 aprile 2021, 16:35 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 aprile 2015, 17:35
Messaggi: 2344
Località: Roma
Mi date un consiglio, per cortesia?

Viste le norme di circolazione SSC/SCMT di Controllo marcia treno, se sul mio plastico ambientato in epoca attuale facessi circolare un treno storico trainato da una loco a vapore, devo mettere dopo la loco o in coda un diesel tipo 343, 345, 445 o similari, o anche un locomotore elettrico???
Perché le loco storiche non hanno a bordo i dispositivi di controllo odierni.

Inoltre: lo stesso vale se faccio circolare Aln 556 Breda o Fiat, oppure Aln 990 o 772???

Inoltre ancora: c'è differenza se la linea è elettrificata o meno (certo, in quest'ultimo caso non potrei certo aggiungere al convoglio per esempio un 656)

Grazie a chi mi fornirà indicazioni.


Ultima modifica di pierpaolo il martedì 13 aprile 2021, 19:20, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: QUESITO: se faccio girare sul plastico un treno storico.
MessaggioInviato: martedì 13 aprile 2021, 18:12 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 3 febbraio 2006, 13:31
Messaggi: 1740
Località: Roma
La loco in coda ad un treno con trazione a vapore non viene posta per soddisfare l’esigenza di avere in composizione un mezzo con un sistema di sicurezza per la marcia treno, ma perché così si è sicuri che in caso di problemi che dovessero comparire alla locomotiva a vapore c’è subito una macchina di soccorso.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: QUESITO: se faccio girare sul plastico un treno storico.
MessaggioInviato: martedì 13 aprile 2021, 19:01 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 aprile 2015, 17:35
Messaggi: 2344
Località: Roma
Giancarlo Giacobbo ha scritto:
La loco in coda ad un treno con trazione a vapore non viene posta per soddisfare l’esigenza di avere in composizione un mezzo con un sistema di sicurezza per la marcia treno, ma perché così si è sicuri che in caso di problemi che dovessero comparire alla locomotiva a vapore c’è subito una macchina di soccorso.



Grazie Giancarlo. Io pensavo anche a questo

Però senza l'apparecchiatura ci Controllo marcia treno come si assicura la "visibilità, la posizione del treno in linea? Non si ottiene così un "treno fantasma"???


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: QUESITO: se facessi girare sul plastico un treno storico
MessaggioInviato: martedì 13 aprile 2021, 19:58 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 20 dicembre 2007, 10:36
Messaggi: 1820
Località: ponte santa venere
si segue dei protocolli particolari un pò come quando la linea è attraversata da un "treno dei mezzi d'opera".
Comunque un treno storico ha una traccia oraria e la condizione principale è che durante la sua effettuazione
la linea tra la stazione di partenza e quella di arrivo non sia occupata da altri convogli.
Quindi puoi tranquillamente far circolare qualsiasi tipo di convoglio sul plastico! :mrgreen:
comunque se cerchi in rete qualcosa trovi.

saluti, Maurizio


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: QUESITO: se facessi girare sul plastico un treno storico
MessaggioInviato: martedì 13 aprile 2021, 20:04 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 aprile 2015, 17:35
Messaggi: 2344
Località: Roma
Grazie per la risposta, Maurizio


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: QUESITO: se facessi girare sul plastico un treno storico
MessaggioInviato: martedì 13 aprile 2021, 20:15 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 20 dicembre 2007, 10:36
Messaggi: 1820
Località: ponte santa venere
prego, per così poco!

poi comunque si potrebbe anche riprodurre il caso in cui il treno storico viene trainato verso l'impianto
da cui avrà origine il treno vero e proprio, in quel caso la eventuale macchina a vapore è disattiva e
la titolare del treno è un locomotore elettrico, sempre della Fondazione FS, attrezzato con l'SCMT.
Mi sembra di ricordare che oramai tutti i mezzi elettrici storici ne siano dotati.

La cosa particolare di questo post è che proprio ieri stavo pensando di far transitare un treno storico
a Tivoli Terme! :D


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: QUESITO: se facessi girare sul plastico un treno storico
MessaggioInviato: martedì 13 aprile 2021, 20:56 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 4732
Località: Sorbolo di Sorbolo Mezzani (PR)
Il mezzo con i dispositivi di sicurezza deve stare in testa al treno, locomotiva o carrozza pilota che sia: in coda non serve a nulla a fini della sicurezza, e i didpositivi devono essere disattivati.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: QUESITO: se facessi girare sul plastico un treno storico
MessaggioInviato: martedì 13 aprile 2021, 22:41 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 aprile 2015, 17:35
Messaggi: 2344
Località: Roma
GRAZIE a tutti!

Ho trovato la Regolamentazione ufficiale FS

Ecco il link, cliccando si accede direttamente al testo

https://www.ansf.gov.it/documents/20142 ... nload=true


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: QUESITO: se facessi girare sul plastico un treno storico
MessaggioInviato: martedì 13 aprile 2021, 23:09 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 4732
Località: Sorbolo di Sorbolo Mezzani (PR)
Mi pare non sia l'ultima, anche se bene o male il succo è quello.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: QUESITO: se faccio girare sul plastico un treno storico.
MessaggioInviato: mercoledì 14 aprile 2021, 8:54 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 19:41
Messaggi: 1970
pierpaolo ha scritto:
Però senza l'apparecchiatura ci Controllo marcia treno come si assicura la "visibilità, la posizione del treno in linea? Non si ottiene così un "treno fantasma"???


IL SCMT (o qualunque altro sistema di sicurezza a bordo del treno) serve unicamente a garantirre la sicurezza della marcia del treno in funzione dell'attrezzaggio della linea ma non serve assolutamente a niente per quanto riguarda il controllo della circolazione che si basa esclusivamente su impianti a terra.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: QUESITO: se facessi girare sul plastico un treno storico
MessaggioInviato: giovedì 15 aprile 2021, 13:44 
Non connesso

Iscritto il: martedì 28 marzo 2006, 17:03
Messaggi: 16656
Località: Dove i treni sono a vapore e gli scambi a mano
Nel mio plastico io non farei mai e poi mai girare un treno storico a vapore con rinforzo diesel o elettrico in coda.
Già le locomotive a vapore sono ridicolizzate al vero, non vedo perché dovrei svilirle anche in miniatura.
Casomai in coda ci aggancio un'altra locomotiva a vapore a rinforzo della trazione.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: QUESITO: se faccio girare sul plastico un treno storico.
MessaggioInviato: martedì 20 aprile 2021, 16:41 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 21 giugno 2012, 14:23
Messaggi: 3686
Località: Massa Finalese (MO)
Tz ha scritto:
pierpaolo ha scritto:
Però senza l'apparecchiatura ci Controllo marcia treno come si assicura la "visibilità, la posizione del treno in linea? Non si ottiene così un "treno fantasma"???


IL SCMT (o qualunque altro sistema di sicurezza a bordo del treno) serve unicamente a garantire la sicurezza della marcia del treno in funzione dell'attrezzaggio della linea ma non serve assolutamente a niente per quanto riguarda il controllo della circolazione che si basa esclusivamente su impianti a terra.


La determinazione della presenza di un treno in un tratto di binario è svolta dagli apparati di terra. Basta cortocircuitare le rotaie (ovvero che l'asse e le rotaie non siano arrugginite) nel caso di circuiti di binario o che le ruote facciano contare i contaassi (che possono essere meccanici o -oggi- magnetici). A parte alcune draisine della manutenzione, qualsiasi rotabile è in grado di occupare i cdb.

Dal punto di vista della circolazione di treni a vapore, oggi come oggi ci sono parecchie più fisime che in passato, credo una limitazione della velocità massima, la richiesta che non ci siano treni tra una stazione e l'altra, ma nulla di troppo impattante o visibile su un impianto modellistico. Basta farlo andare piano... Poi è vero, se si circola su una linea importante si preferisce l'assistenza di una loco diesel o elettrica, ma non è sempre detto, dipende anche dall'affidabilità della macchina e dall'importanza della linea.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: QUESITO: se facessi girare sul plastico un treno storico
MessaggioInviato: martedì 20 aprile 2021, 18:54 
Non connesso

Iscritto il: domenica 3 gennaio 2010, 20:36
Messaggi: 9057
Località: la citta' della 3 t: torri, tortellini e ...
Personalmenete mi affascina assai la composizione con diesel in coda di riserva, è una composizione "diversa".
Neanche difficile da realizzare e far circolare ( anche in analogico ) con D345 o D443 folli in coda. Roco realizzò un set di 2 D345 di cui una folle ed Oskar realizzò 2 set di D443, ognuno con una folle.
Saluti
Stefano.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: QUESITO: se facessi girare sul plastico un treno storico
MessaggioInviato: martedì 20 aprile 2021, 19:17 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 aprile 2015, 17:35
Messaggi: 2344
Località: Roma
Concordo con l'osservazione di Stefano.

Aggiungo che appunto in analogico, se si ha un parco macchine non troppo esiguo, non è difficile trovare un diesel italiano motorizzato la cui velocità sia compatibile con la loco a vapore che sta in testa.

Io almeno tre o quattro combinazioni diverse le ho trovate, cercando fra i diesel tipo italiano di produzione HRR, Acme, Roco, Lima, Os.Kar.

In un caso ho dovuto mettere in coda un D 445 Lima cardanico in livrea XMPR, ma mi sono accontentato.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: QUESITO: se facessi girare sul plastico un treno storico
MessaggioInviato: martedì 20 aprile 2021, 20:20 
Non connesso

Iscritto il: martedì 22 maggio 2012, 20:51
Messaggi: 2598
Località: Castellamare Adriatico - www.aternumlands.com
Dipende anche in che epoca vuoi ambientare i tuoi "storici"...
La locomotiva di "riserva" in coda é un retaggio degli ultimi 20 anni. Prima le loco a vapore erano sovrane del treno e della linea, anche su tratte "difficili" tipo la transiberiana d'Italia. Ricordo con molto "affetto" la 685 196 sull'Adria exress senza sussidio, ma non solo, treno delle castagne, e tanti altri. Dipende in che epoca vuoi voltare lo sguardo


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 18 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice