Oggi è mercoledì 30 novembre 2022, 18:31

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 369 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 21, 22, 23, 24, 25
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: Il plastico di Caprazzino
MessaggioInviato: mercoledì 5 ottobre 2022, 13:06 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 19:41
Messaggi: 2259
Certo che un piano schematico di una simile stazione, abbastanza complesso, che non permetta l'incrocio su una diramata diventa, oltre che estremamente penalizzante per la circolazione, anche poco credibile.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: Il plastico di Caprazzino
MessaggioInviato: mercoledì 5 ottobre 2022, 13:24 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 22 settembre 2006, 18:39
Messaggi: 209
Località: Casalecchio di Reno (Bo)
Eh, purtroppo sì.
Nicola


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: Il plastico di Caprazzino
MessaggioInviato: mercoledì 5 ottobre 2022, 14:16 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 febbraio 2006, 9:37
Messaggi: 1314
L'unica stazione che conosca che aveva queste caratteristiche (possibilità di arrivo e partenze dalla diramata da un solo binario, senza possibilità di incroci) era Poggibonsi, dove l'arrivo e partenza da Colle Val d'Elsa poteva avvenire solo dal binario 1. Visto il traffico, era più che sufficiente.
La configurazione potrebbe reggere se, in origine, la diramata fosse stata una linea concessa.
Una soluzione, presente a Terni un tempo, e che ho ritrovato in varie stazioni estere, ad esempio in Olanda ed inghilterra, è quella di realizzare una comunicazione fra binario 3 e 4 a metà binario.
Questo consente ad una automotrice T1 di "aggirare" una seconda automotrice T2 in sosta sul "pseudoraddoppio" fra binario 3 e 4 e attestarsi sulla porzione di binario oltre la comunicazione.
_________ ________________
___TI______/________T2______\______


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: Il plastico di Caprazzino
MessaggioInviato: mercoledì 5 ottobre 2022, 14:29 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 22 settembre 2006, 18:39
Messaggi: 209
Località: Casalecchio di Reno (Bo)
Ottimo spunto, mille grazie!
Nicola


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: Il plastico di Caprazzino
MessaggioInviato: giovedì 6 ottobre 2022, 8:26 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 19:41
Messaggi: 2259
Ecco cosa devi mettere a centro marciapiede... è un po' più complessa ma molto efficiente ai fini della circolazione... :mrgreen:

Immagine

Qui le marmotte hanno significato anche per i treni ma pare che non si applichi il regolamento FS... :lol:

RFI e ANSFISA qui darebbero di testa... :lol:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: Il plastico di Caprazzino
MessaggioInviato: giovedì 6 ottobre 2022, 8:47 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 22 settembre 2006, 18:39
Messaggi: 209
Località: Casalecchio di Reno (Bo)
Mhhh, interessante.
Comunque, considerando che ogni deviatoio occupa circa 25cm, ne servono 2 per un totale di 50cm.
Considerando che i binari 3 e 4 sono lunghi 80cm, se li metto in mezzo restano circa 15cm per parte.
Grazie comunque del suggerimento.
Nicola


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: Il plastico di Caprazzino
MessaggioInviato: giovedì 6 ottobre 2022, 13:03 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 febbraio 2006, 9:37
Messaggi: 1314
Nicola, la bellezza dei deviatoi lunghi è notevole. Ma deve, a mio avviso, armonizzarsi ai piazzali. Deviatoi lunghi su piazzali generosi sono bellissimi; su piazzali corti invece, rafforzano l'effetto caricatura legato alla capacità dei binari, troppo corta rispetto al reale.
Questo, ovviamente, è il mio pensiero....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: Il plastico di Caprazzino
MessaggioInviato: giovedì 6 ottobre 2022, 20:40 
Non connesso

Iscritto il: domenica 14 marzo 2010, 21:37
Messaggi: 1834
Località: Faenza
Aggiungo anche una mia ipotesi, anzi due.

Allegato:
Ipotesi deviata - 1.jpg
Ipotesi deviata - 1.jpg [ 213.78 KiB | Osservato 944 volte ]


Ipotesi 1 : il quarto binario (blu) viene innestato in uno scambio incrocio (verde).
Non si riduce la lunghezza del binario IV perchè, semplicemente, il punto di innesto al cuore dello scambio, viene ruotato quanto basta per inserirsi in uno scambio inrocio.
Occorre verificarne la fattibilità, come rispetto sagoma limite.
Ha anche un difetto : il binario IV non è servito da marciapiede, nè mi pare che possa esserlo.
Potrebbe incrociare un passeggeri con un merci.

Ipotesi 2 : una comunicazione III - II.
L' ho disegnata brusca, ma mi pare possa esserci lo spazio per qualcosa di più armonico.
Il deviatoio del binario II sarebbe parallelo, rovesciato, a quello esistente sul IV (rosso).
Forse accorcerebbe un poco il marciapiede fra II e III, ma consentirebbe l' esercizio.


Stefano Minghetti


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PLASTICO: Il plastico di Caprazzino
MessaggioInviato: sabato 8 ottobre 2022, 21:39 
Non connesso

Iscritto il: domenica 14 marzo 2010, 21:37
Messaggi: 1834
Località: Faenza
Correggo :

Il deviatoio del binario III sarebbe parallelo, rovesciato, a quello esistente sul IV (rosso).


Stefano Minghetti


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 369 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 21, 22, 23, 24, 25

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice Srl - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it
Direttore editoriale: Luigi Cantamessa - Amministratore unico: Aldo Baldi - Direttore responsabile: Pietro Fattori.
Registro Operatori della Comunicazione n° 37957. Partita Iva IT 05448560283 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice Srl