Oggi è sabato 28 maggio 2022, 15:37

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 42 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: La "Fucino"
MessaggioInviato: lunedì 20 marzo 2006, 19:13 
Non connesso

Iscritto il: sabato 14 gennaio 2006, 18:36
Messaggi: 231
Mi manca il numero di Tutto treno numero 98 e vorrei sapere se l'articolo "la fucino del 1917" si riferisce ad una locomotiva a scartamento ridotto monumentata nei pressi di Brunico.
Grassie!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lunedì 20 marzo 2006, 19:47 
Non connesso

Iscritto il: martedì 17 gennaio 2006, 18:26
Messaggi: 1292
Località: Friuli Venezia Giulia
Non ho il numero di Tuttotreno, comunque ricordo che sino a qualche anno fa una piccola locomotiva a scartamento ridotto con il nome Fucino era esposta come monumento presso una scuola a Brunico, da qualche anno si trova all'esterno di una banca ( Raffeisen ? ) a Campo Tures, pochi chilometri a nord di Brunico.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lunedì 20 marzo 2006, 20:35 
Non connesso

Iscritto il: sabato 14 gennaio 2006, 18:36
Messaggi: 231
Esattamente quella!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lunedì 20 marzo 2006, 21:46 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 23 gennaio 2006, 22:08
Messaggi: 4549
Località: Ovunque, in sella alla vespa...
Si può avere una foto?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lunedì 20 marzo 2006, 22:19 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 3 febbraio 2006, 13:31
Messaggi: 1725
Località: Roma
Ti mando questa foto di G.Vedovato tratta dall'articolo di Tutto Treno più quella fatta da me anch'essa apparsa nell'articolo, della sorella "Monte Velino" esposta presso la ferriera Casilina a Pantano Borghese presso Roma.

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lunedì 20 marzo 2006, 22:51 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 23 gennaio 2006, 22:08
Messaggi: 4549
Località: Ovunque, in sella alla vespa...
Intanto, grazie per l'immagine!
Sono passato mille volte da Pantano, e giuro di non aver mai visto una locomotiva decauville come quella: si vede che la tengono ben nascosta.
Anzi, non credevo nemmeno che macchine del genere esistessero ancora nel nostro paese, anche se un tempo erano molto diffuse nelle miniere e nei grandi cantieri.
Sarei curioso di sapere se si tratta delle due macchine menzionate dal Gatti in "Le ferrovie coloniali italiane" (nel senso che nel libro si parlava di due macchine decauville nei pressi di Roma), e in generale mi piacerebbe sapere qualcosa della loro storia.
Appena capiterò a Roma, ammesso di averne la possibilità, farò un salto a Pantano a indagare.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 21 marzo 2006, 9:04 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 3 febbraio 2006, 13:31
Messaggi: 1725
Località: Roma
Se passi per Pantano guarda a sinistra del cancello d'ingresso alla ferriera, è lì esposta con altri reperti industriali. Comunque faceva parte di un lotto di macchine passate all'Italia dopo la 1° guerra e dopo essere state modificate dalle Reggiane, finirono allo zuccherificio della piana del Fucino che le utilizzò nel vasto sistema ferroviario adibito alla raccolta delle barbabietole.
Se ti interessa l'argomento, la mia posta è "giancarlo.giacobbo@libero.it ", se mi mandi la tua ti faccio avere un approfondimento.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 21 marzo 2006, 9:20 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 16 gennaio 2006, 9:34
Messaggi: 183
Località: roma
Grande Giancarlo! :)
Quella sulla Casilina la vedo sempre, volevo chiedere se qualcuno ne sapesse qualcosa ma me n'ero sempre dimenticato. Grazie!

Per G-Master:
Venendo da Roma dopo 6-700 metri dalla stazione di Pantano, proprio all'incrocio a sx per la Prenestina. Dalla Casilina si vede benissimo, accanto ad un obice.
Ciao


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: fucino!
MessaggioInviato: martedì 21 marzo 2006, 14:24 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 14:50
Messaggi: 94
Scusate se mi intrometto.
Visto l'interesse per la tipologia di macchine in oggetto, mi permetto di fare una piccola precisazione: le locomotive "Fucino" e "Monte Velino" non furono oggetto di ristrutturazione presso le OMI Reggiane, bensì presso le Off. Glauco Greco & C. di Reggio Emilia, che all'epoca (1919) avevano come propria specialità quella di riparare caldaie fisse, semifisse e mobili e adattare scartamenti a Decauville e Feldbahnen di provenienza estera e nazionale.
Una di queste macchine, di costruzione Henschel ma con targhe Greco & C. (di riparazione) esiste tuttora presso la ferrovia turistica 750 mm. Rebecq - Rognon, presso Tubize, Belgio. La locomotiva è perfettamente funzionante ed è l'ultima vaporiera riparata da Greco & C. in attività. :shock:

Gabriele Savi - Reggio Emilia


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 21 marzo 2006, 14:56 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 23 gennaio 2006, 22:08
Messaggi: 4549
Località: Ovunque, in sella alla vespa...
Inutile dire che qui da noi è già grassa se esistono ancora questi due esemplari.
Per Giancarlo: scrivimi in privato, così parliamo dello Zuccherificio del Fucino. Giuro che non immaginavo che esistesse un impianto del genere non solo in italia, ma addirittura nel lazio!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 21 marzo 2006, 15:08 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 3 febbraio 2006, 13:31
Messaggi: 1725
Località: Roma
Gabriele hai ragione, volevo dire Greco di Reggio Emilia e invece ho scritto Reggiane. Sarebbe interessante sapere se presso la Greco hanno ancora documentazione in merito, questo potrebbe servire ad ampliare la ricerca che ho fatto sulla Monte Velino e sulle altre macchine dello zuccherificio.
Giancarlo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 21 marzo 2006, 15:19 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 14:50
Messaggi: 94
Ehm....la Glauco Greco & C. ha chiuso i battenti nel 1993.
L'area è stata completamente rasa al suolo.
Gli archivi, al momento della demolizione, erano relativi a materiale di recente costruzione (rotabili dal dopoguerra in poi).
Di tutto il resto non vi era già più traccia....o il materiale è nella collezione di qualcuno, o con molta probabilità è stato eliminato (a mezzo cassonetto e/o falò sul piazzale, come fecero tempo fa all'ACTM a Modena....)

Gabriele


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 21 marzo 2006, 16:21 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 3 febbraio 2006, 13:31
Messaggi: 1725
Località: Roma
Peccato! Comunque ti ringrazio per la risposta.
Giancarlo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 21 marzo 2006, 17:27 
Non connesso

Iscritto il: sabato 14 gennaio 2006, 18:36
Messaggi: 231
mi si può dire se comunque l'articolo è su TT n°98?
ci son foto della cabina?
Ultima domanda:
L'esercito italiano aveva durante la prima guerra delle locomotivette a scartamento di 70....ci sono delle similitudini con questo tipo di locomotiva industriale?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 21 marzo 2006, 17:50 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 3 febbraio 2006, 13:31
Messaggi: 1725
Località: Roma
Sì, su TT n.98 c'è l'articolo.
Foto dell'interno della cabina non ci sono, se ti possono interessare posso vedere fra quelle che ho scattato sulla Monte Velino.
Non mi risulta che l'esercito italiano utilizasse quel tipo di scartamento per le linee campali, era tipico austriaco.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 42 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice