Oggi è martedì 23 aprile 2024, 22:15

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 84 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 17 dicembre 2008, 23:23 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 17:35
Messaggi: 4160
Località: Calabria del Nord:Castelcrati Terme(nome brevettato!)
...certo che escludere un modello perchè non ha le tendine...e pasi per i fanaloni sbagliati,ma insomma mi pare che qui si esagera sempre di più!

Comunque ma nessuno-nessuno le ha ancora comprate?? :? :roll:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 17 dicembre 2008, 23:39 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 21:28
Messaggi: 787
Località: Novate Milanese
Caro Dario, da buon cultore dell'epoca III, posso asserire di averle acquistate tutte e tre ieri pomeriggio. E con sommo piacere.
Aspetto con ansia di acquisire una 875 Roco ad un prezzo inferiore ai 100 euro per potervi adattare un kit di Piranese "cabina chiusa" con blocco cilindri e biellismo OK, oltre a tutti gli altri "ammennicoli vari".

Saluti, Ennio


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 18 dicembre 2008, 0:07 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 16 gennaio 2006, 10:05
Messaggi: 1673
Località: Roma
Io ho preso la seconda senza coprigiunto, la Bz40132 che dicevo prima. Non e' affatto male, buona la soluzione con la pedana integrale, peccato (d'accordo con saltobravo) per le maniglie un po' grossolane, comunque passabili; anche se dovrei montarle tutte per capirne l'effetto complessivo.
Buona finitura, il telaio ed i carrelli mi sembrano rifiniti in modo lievemente "granuloso"; la cassa per questo aspetto mi pare migliore. Intendo quella verniciatura che spesso si trova anche sulle macchine di Hornby, con un pigmento che lascia un impressione di polveroso e/o granuloso. Credo dipenda dalle vernici utilizzate.
Per quanto riguarda la circolabilita', non ne so' ancora nulla :-)
Come scorrevolezza direi che ci siamo. Infine, l'ho trovata a 45 Euro che credo sia piu' o meno il prezzo delle centoporte Roco.
In sintesi le Roco, complessivamente (aggiuntivi - anche se richiedono pazienza - e finitura sopratutto) le trovo ancora di poco superiori; ma queste Acme mi paiono un prodotto solido ed apprezzabile; tanto che l'ho comprata e probabilmente ne prendero' altre previa verifica del comportamento sul binario (cerchietto Fleischmann da 72cm., mi accontento di poco :-))


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 18 dicembre 2008, 0:32 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 0:23
Messaggi: 1546
Località: Senigallia
DARIO PISANI ha scritto:
...certo che escludere un modello perchè non ha le tendine...e pasi per i fanaloni sbagliati,ma insomma mi pare che qui si esagera sempre di più!

Comunque ma nessuno-nessuno le ha ancora comprate?? :? :roll:


Dario, si chiedeva un parere ed io l'ho dato, anche perchè mi sembra che la tendina su questo tipo di carrozza incida parecchio sull'aspetto globale.
Comunque ne ho prese 2 oggi e devo ancora studiarmele bene, ma a grandi linee condivido il pensiero di Riccardo.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 18 dicembre 2008, 8:33 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 16 gennaio 2006, 8:37
Messaggi: 2856
Località: Roma
Veramente avevo aperto il filetto non tanto per sapere se "girano" su R1, R2, R57, ma cosa facevano quando esistevano. Adesso siamo arrivati alle tendine...
Allora: viste ieri sera. Sembrano buone, a parte il fatto che le chiodature, se riportate al vero sarebbero una specie di puntaspilli. Sulla circolabilità, vista la pedana per tutta la lunghezza, ho qualche (modesto) dubbio.
Per quanto riguarda quelle vere, invece, ho compulsato i miei libri. Non sono più presenti nel 1983. Guardando il libro di ACME "Sui binari dei ricordi" a pagina 33, dietro un trifase (ma guarda un po'!) c'è una Bz 40000. Non ho trovato altro...Però non ho ancora guardato il libro del trifase di Duegi.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 18 dicembre 2008, 10:01 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 8:32
Messaggi: 906
Qualcosa in più è qui:

http://www.photorail.com/phr3-gli%20upd ... io2005.htm

Gli interni di alcune carrozze sono qualcosa di stupefacente: conservati benissimo, tutto legno lucidato e perlinatura, targhette metalliche smaltate e tessuti originali, in color "bigio caffè".

Da vedere.

Sulle marcature è un mezzo rebus: punzonature sui longheroni non se ne vedono - andrebbero ripulite ben bene....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 18 dicembre 2008, 19:35 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 febbraio 2006, 9:37
Messaggi: 1377
La Bz 40 091 (o 40 094) del treno dei bimbi di Baceno a vedere le foto sul sito del grande Paolini è una centoporte a finestrini singoli, differente da quella 40 132 prodotta da Acme.
Che la serie 40.100 sia del tutto differente dalla 40.000?
Saluti curiosi

AF


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 18 dicembre 2008, 19:47 
Non connesso

Nome: Paolo Bartolozzi
Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 15:34
Messaggi: 3397
Località: Dicomano (FI)
Penso proprio che sia il momento di chiedere aiuto al grande
Pietro Merlo!!!!!!

Ciao, paolo bartolozzi.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 18 dicembre 2008, 23:47 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 febbraio 2008, 11:22
Messaggi: 1166
Località: trento
riprendo e completo i miei interventi già apparsi qui
http://forum.duegieditrice.it/viewtopic.php?t=27402&highlight=

Per un discorso completo sulle casse legno exReti, FS "prototipo", tipo"americano" e le classiche FS su telaio 1906 e su telaio 1910 vi rimando ai miei articoli comparsi negli anni 90 sul Bollettino FIMF....qui riporto due brevi note sulla colorazione. Schema d'origine telaio,carrelli,ferramenta in genere compresi i coprigiunti della cassa in nero,cassa verde vagone,imperiale in tela olona color cenere
non escludo che già nel periodo prebellico carrozze rinnovate(24000,54000,44700..)avessero adottato il nuovo schema castano isabella.....purtroppo il periodo su cui non si riesce a trovare(chi ce l'ha la tiri fuori)documentazione FS sulla coloritura è proprio quello dal 1928 al 1950...ed i dubbi allora son senza soluzione.telaio castano?più che probabile
carrelli castano?o neri?..imperiale in tela: cenere o alluminio?e quando fu adottato per gli imperiali in tela il "rosso per imperiali" che fu poi(Istruzione del 1950)sostituito dal color alluminio?
veniamo allora alla istruzione del 1950
carrozze rinnovate(54000,24000,40000 da esse ricavate,44700,freno per linee a cremagliera)telaio,carrelli,ferramenta in castano ;
cassa in castano/ isabella imperiale in tela color alluminio
altre carrozze a cassa legno: imperiale in tela color alluminio
cassa,telaio,carrelli,ferramenta in color marrone ad olio(tonalità assai simile al castano)
è naturalmente plausibile(e penso a ben cercare fotograficamente documentabile) che carrozze rinnovate passassero in seguito al tutto castano e,come già detto,che da metà anni 60 carrozze a cassa legno abbiano rivestito la livrea grigio ardesia......ricordo una cassa legno in grigio ardesia( una Bz(exCz)"rinnovata(negli anni 30...)"44700)accantonata a Casaletto- Vaprio nel 69/1970..
la più grande raccolta di cassa legno exFS ancora esistente(tutta però in marrone ad olio)penso sia questa
http://www.photorail.com/phr3-gli%20updates/articoli2005/maggio2005.htm
altra cassa legno ancora esistente, spero, la ex Cz un tempo sede del gruppo fermodellistico di Mestre(anche questa però in marrone ad olio)
in grigio ardesia invece ricordo una 100 porte a cassa di legno venduta e trasferita presso una parrocchia anni addietro ed utilizzata in via provvisoria come chiesa!!(itreni n 183 pag 24)

e conclusa la mia fatica ed aldilà della normativa FS mi sento di dire:
colora come vuoi(senza esagerare)..prima o poi ,grazie alla fantasia italica che da sempre ha contraddistinto i nostri verniciatori,
salterà fuori una vecchia foto che ti dà ragione!!!!!!!!
....il fermodellismo resti un passatempo e non diventi qualcosa di maniacale
con simpatia
pietro


“...quindi ACME riproduce le cosidette "rinnovate" (14000/24000/54000): finestrini con cornice in ottone e equilibratore FS a molle(non ha rilevanza modellistica, di esso all'esterno non si vede nulla) serrature a doppio scatto con maniglie, rivestimento della struttura lignea con lamierino da 3mm con chiodature in vista,nel modello un po' troppo evidenti....(al vero nascono dal rinnovamento, realizzato dal 1929 e continuato negli anni 30, di parte delle carrozze realizzate su telaio "1910"fino ai primissimi anni 20, vedi articoli su bollFIMF)
...ma allora non quadra la versione in stile "anni 10" con aeratori sul tetto(cioè carrozze delle prime ordinazioni( max 1913), allo stato d'origine) ci vorrebbero anche gli aereatori a persiane alle finestre,o quanto meno il loro accecamento con rettangoli di lamiera ma contemporanea ad esso sarebbe l'eliminazione degli aereatori sul tetto, le serrature "fondu" a maniglietta rotante con nottolino di sicurezza separato,i mancorrenti di protezione ai finestrini che,realizzati in cristallo pesante non incorniciato(con pomoli avvitati nei vetri)e con equilibratore Laycock, lasciavano un'area aperta più grande, i coprigiunti verticali che proteggevano e nascondevano le chiodature di fissaggio dei lamierini di rivestimento.......In HO a differenza dell'N non basta il colpo d'occhio e certi particolari che in scale più piccole è bene non riprodurre(per evitare orrendi fuoriscala)sono invece ancora ben visibili ed apprezzabili.....
........................
va però detto che nel corso degli anni anche carrozze non rinnovate ebbero “particolari”simili a queste(finestrini con equilibratore FS,serrature a doppio scatto in sostituzione delle Fondu,eliminazione mancorrenti ai finestrini, lamierino unico alle porte eliminando così l’accecamento degli aereatori originali... etc)...e quindi la versione ACME,aereatori sul tetto a parte,potrebbe ben riprodurre una di queste negli anni 30/40....
e veniamo alle 40000, 40100 etc.......non è una serie omogenea di carrozze ma la ricostruzione come terze classi(Cz) di carrozze a cassa legno delle serie più disparate (ex Bz,ABz, ma anche Cz)e spesso senza ordine logico nella numerazione...........
la carrozza manteneva la struttura d’origine(compartimenti finestrature etc)ma al posto dei divani,nelle ex Bz e ABz,venivano messi in opera sedili in legno a quattro posti...per ulteriori dettagli non posso rimandare che ai miei articoli sul bollettino fimf......spero di aver fornito elementi utili di valutazione
pietro


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 19 dicembre 2008, 8:22 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 8:32
Messaggi: 906
Ciao Pietro.

Dove poter reperire i bollettini che dici? Io ero socio fino ad alcuni secoli addietro.....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 19 dicembre 2008, 16:59 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 febbraio 2008, 11:22
Messaggi: 1166
Località: trento
vedi qui
http://www.interrail.it/fimf/images/stories/fimf_base/biblioteca_fimf.pdf

per la disponibilità prima del versamento contatta l'ing Regazzoli(indirizzo nella pagina citata)
i miei articoli li trovi nei bollettini
nr 173/4/5/6/7 (Il parco vetture FS nl 1905),
184/5/6-190 (Il parco vetture FS 1906-1910)+ errata-corrige sul n191
196/7/8/9/200/1 (Il parco carrozze FS 1910-1922)+errata-corrige sul n 202

interessante anche(sia pure a sfondo modellistico) sul n231.l'articolo
"centoporte rivarossi migliorate" disponibile anche on line
http://www.interrail.it/fimf/bollettini/gen00/articolo8.html
pietro

si veda anche il bollettino n 237"carrozze a tre assi" in parte disponibile on line(manca la foto della 34600)
http://www.interrail.it/fimf/bollettini/gen01/articolo3.html


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 19 dicembre 2008, 17:18 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 febbraio 2008, 11:22
Messaggi: 1166
Località: trento
Un volume che mi sento di consigliare ad integrazione e completamento dei miei articoli sul bollettino FIMF.(che, ricordo,non trattavano le carrozze a cassa metallica) è il libro di E.Principe
"Le Carrozze italiane (1839-1959)"
che spesso è disponibile presso le edicole di stazione dell'area veneta(Venezia SL,Padova, Vicenza, Verona PN) e Lombarda(Milano C.le)
si provi a vedere anche dall'editore:
Editrice Veneta sas via Ozanam 8 36100 Vicenza
info@editriceveneta.it
http://www.editriceveneta.it
pietro


PS L'indice del libro di Evaristo Principe si trova qui

http://www.trenidicarta.it/schede/13/13027_Le_carrozze_italiane_Dalle_origini_1839_al_1959.html


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 19 dicembre 2008, 17:50 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 19:16
Messaggi: 5158
Località: Roma
Avevo subito consultato il libro che dici, ma tra le carrozze tipo 1910 non ho trovato nessuna classificazione corrispondente a quella indicata sulle carrozze, anche se dalle foto ve ne sono di molto simili per disposizione dei finestrini. Può essere che vi sia stato col tempo un cambio di marcatura, ma allora nella prossima realizzazione in verde, mi auguro che vengano riprodotte oltre gli sfiatatoi sul tetto anche le persianine presenti sopra i finestrini.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 19 dicembre 2008, 20:27 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 febbraio 2008, 11:22
Messaggi: 1166
Località: trento
qualche risposta in più la trovi sui bollettini fimf....
pietro


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 20 dicembre 2008, 12:03 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 1 settembre 2008, 13:43
Messaggi: 217
Località: Viareggio
:D

Cita:
e conclusa la mia fatica ed aldilà della normativa FS mi sento di dire:
colora come vuoi(senza esagerare)..prima o poi ,grazie alla fantasia italica che da sempre ha contraddistinto i nostri verniciatori,
salterà fuori una vecchia foto che ti dà ragione!!!!!!!!
....il fermodellismo resti un passatempo e non diventi qualcosa di maniacale


Santissime parole.....peccato che qui (sul Forum intendo) lo hanno capito in 3 ...forse!! :wink:


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 84 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot], JacopoHP500, tipomilano e 55 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Via Stazione 10, 35031 Abano Terme (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttore editoriale: Luigi Cantamessa - Amministratore unico: Aldo Baldi - Direttori responsabili: Pietro Fattori - Daniela Ottolitri.
Registro Operatori della Comunicazione n° 37957. Partita iva IT 05448560283 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice Srl